🔴 Cronache dalla Virus Week: torna l’APERITIVO, torna MILANO

Da oggi, mercoledì 26 febbraio, i locali possono rimanere aperti anche dopo le diciotto

virus week
Credits: Andrea Cherchi

Tramonta Orione su Milano.

Al semaforo le ragazze si coprono il volto in attesa del verde. C’è traffico, in Cadorna. Gli sguardi si incrociano, indagano, inconsapevolmente cercano il virus sul tuo volto. È istinto di sopravvivenza, abitudine primitiva. Ma Milano continua a correre. È una corsa olimpica, satura di fatalismo. La terra trema ancora: è il treno della linea rossa che serpeggia sotto la piazza. Stridono i binari, il tram 19 rallenta, frena, riprende la corsa. Sui palazzi liberty svettano sempre i cartelloni pubblicitari, all’entrata della stazione suona ancora una chitarra. Sulle vetrine i cartelli: “mascherine esaurite”. Le farmacie però sono vuote. Nei supermercati del centro mancano solo le zuppe disidratate e i fagioli Borlotti. In periferia, invece, il macellaio dice che sembra di esser tornati alla Guerra del Golfo.

«Milano, capital económica de Italia, Milano, fashion week y Coronavirus…»

Proseguo. Mi lascio alle spalle il Castello Sforzesco. Due o tre coppie già cenano al ristorante. Si guardano intorno, le mascherine accanto alle posate. Mi sorpassa un rider di Glovo con la mascherina, appena uscito dal McDonald deserto. Scatta tra i passanti, ghepardo urbano.

Dal liberty al gotico, Piazza del Duomo è abbagliata dai LED delle videocamere, piccole lucciole artificiali. Una giornalista spagnola ripete tra sé prima della diretta: «Milano, capital económica de Italia, Milano, fashion week y Coronavirus…».

Mi siedo sugli scalini. Nella città dell’aperitivo questa settimana i bar hanno dovuto chiudere alle diciotto. Sacrilegio preventivo, temporanea abnegazione. E la città si svuota a quell’ora, non prima. L’orologio biologico si ferma. La nostalgia del suono del ghiaccio nell’Old Fashioned, dei funghi riscaldanti, della lounge music. Le serrande si abbassano: il fracasso riempie lo spazio, sale su, avvolge le guglie, si perde nell’aria.

Breaking News: Aperitivo is back in town

Arriva la sera. Decido di tornare in metro. Non sembra l’ora di punta, non corre nessuno, nessuno da evitare, nessuno che urta. La fashion week è finita, le modelle sono scappate, sono scappati anche gli studenti fuori sede, chi spaventato dal virus, chi dalla minaccia della solitudine di una potenziale quarantena. In metro una donna preferisce rimanere in piedi, nonostante i quattro posti liberi, lontano da tutti. In fondo è il lavoro, sì, è il lavoro che obbliga a uscire di casa, a prendere i mezzi, al rischio del contagio. È la centralità dell’economia occidentale che si contrappone alla priorità primordiale del benessere psicofisico.

La notizia è giunta nel pomeriggio. Da oggi, mercoledì 26 febbraio, i locali possono rimanere aperti anche dopo le diciotto, ma solo se si effettua servizio al tavolo. Dopotutto, i bar sono sovraffollati anche la mattina e, se in questi giorni non lo sono stati, è perché qualcuno ha deciso di prepararsi il caffè a casa. Torna l’aperitivo, torna Milano. Il cielo è laccato, si cerca un sorriso dietro certe mascherine futili superstiti.

VINCENZO REALE

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi

Articolo precedente10 motivi di STRESS a Milano nei giorni dell’ordinanza anti-coronavirus
Articolo successivo5 + 1 cose che forse non sapevi sulle PESTILENZE a Milano
Vincenzo Reale
Laureato in Lettere Moderne e tuttora specializzando. Nel 2014 pubblica La fortuna del Greco, suo romanzo di esordio. Nel 2015 vince la “Menzione speciale per la narrativa” del premio nazionale “Don Vincenzo Barone”. Nello stesso anno è autore del libretto Esprit de l’escalier, eseguito a Lucca e a Yokohama, Giappone, in collaborazione col compositore Girolamo Deraco. Nel 2016 vince la “Menzione speciale” del concorso nazionale “Il fondaco di Casalnuovo”. Nel 2017 pubblica BAR BAR BAR, romanzo a episodi, ed è semifinalista del premio nazionale “Città di Siena”. Nel 2018 è autore di due libretti: Dr. Streben, eseguito al Gran Teatro Puccini, e Canta Ally Canta!, eseguito a L’Avana. Nel 2019 vince la Menzione Speciale del "Premio Valerio Valoriani" per il miglior libretto al Puccini Chamber Opera Festival, con l'opera "Plan B". Vive a Milano, la sua città adottiva, la città dell'aperitivo.