10 BUONI MOTIVI per non destinare al SUD la maggior parte del RECOVERY FUND

Mentre è in atto un campagna trasversale di media e politica compatta nel voler destinare quante più risorse europee al mezzogiorno, noi crediamo invece che non sia una scelta corretta. Ecco perchè

Riteniamo vi siano alcuni buoni motivi per i quali non debba esserci una pioggia di soldi al Sud grazie al Recovery Fund. Per la delicatezza delle argomentazioni consigliamo a tutti una lettura completa affinché ci si renda conto che non è un attacco al meridione.

Leggi anche: Giornali, Ministri e Conte uniti: “RECOVERY FUND: la priorità è il SUD”


10 BUONI MOTIVI per non destinare al SUD la maggior parte del RECOVERY FUND

#1 50 anni di spreco di denaro pubblico 

Da troppo tempo non si eliminano gli sprechi: sono più di 50 anni che vengono elargiti soldi a pioggia seguendo progetti più o meno credibili con risultati scarsi, impalpabili e a volte disastrosi tra opere incompiute e costi per infrastrutture ancora da completare ma il cui costo è lievitato alle stelle. Una situazione fattuale e che a stento tende a cambiare.

Il manifesto elettorale di Valeria Ciarambino, candidata alla Presidenza della Regione Campania per il Movimento 5 Stelle

#2 Il Nord è la macroregione più colpita dal Covid-19

Citando una frase del premier Conte che si rifà al numero di vittime: il nord è la macroregione più duramente colpita dal Covid19 e come tale merita di ricevere più soldi.

Leggi anche: Recovery Fund, l’arringa finale di Conte: «Non umiliateci, lo dobbiamo ai morti del Covid»


#3 Uno vale Uno? Se si dividono gli aiuti per abitanti, il grosso spetta al Nord

Uno vale uno: un principio fondante della maggioranza di governo. Se uno vale uno perchè si dovrebbero avere criteri diversi dal numero di abitanti per suddividere le risorse? Se si dividono gli aiuti europei per il numero di abitanti la fetta più grande dei fondi europei devono andare al Nord che ha la metà degli abitanti dell’Italia.

#4 “Prima le fabbriche”: i poli produttivi sono nel settentrione 

Si dovrebbe riprendere il mantra della ricostruzione: “prima le fabbriche”. In questo caso la maggioranza dei poli produttivi sono al nord e questo è il momento di far ripartire l’economia. Inutile sperare in un finanziamento strutturale epocale quando in primis urge mettere carburante nella locomotiva prima ancora di ristrutturare i vagoni.


#5 Vanno premiati i virtuosi

Fino a prova contraria per incentivare a fare meglio si devono premiare i virtuosi e non chi è in deficit. Fintanto che non ci sarà un aggiustamento dei costi pubblici e soprattutto in una situazione di emergenza per tutta l’economia, è un principio di sana economia che i fondi debbano essere destinati in primis a chi è capace di generare più ricchezza e lavoro.  

#6 La mancanza di solidarietà dei rappresentanti politici del Sud verso le regioni più colpite ha danneggiato il clima nazionale e l’immagine dell’Italia

La mancanza di solidarietà dimostrata dai vari politici delle regioni del Mezzogiorno che dovrebbero parlare a nome del popolo italiano ha penalizzato anche all’estero l’immagine di alcune regioni che anzi meritano un maggiore sforzo collettivo per riabilitare la credibilità fondamentale per un nuovo slancio economico.

Leggi anche: Altro attacco di De Luca contro Milano

#7 Il vero cambiamento sarebbe responsabilizzare il Meridione

In soldoni, nel sud Italia esistono raffinatissime menti che purtroppo sono abituate a veicolare la loro astuzia in modo “deviato”, dovendo far proliferare l’arte di arrangiarsi. Siamo tutti certi che estro e spunti inimmaginabili a chiunque altro possano e debbano essere il fattore trainante di una serie di Regioni, che meritano una ricetta diversa da un’assistenzialismo per fini elettorali e una classe dirigente spesso abile solo con la parlantina.

#8 Il Sud deve imparare a valorizzare il suo splendido territorio

Relativamente al punto precedente siamo tutti certi che uno sviluppo sostenibile e una valorizzazione della natura e delle opere presenti in meridione possano e debbano fare del Sud Italia la regione dove tutti in Europa, e non solo, possano sognare di passare il tempo libero da turisti e investire, come luogo dove poter vivere con una qualità della vita stessa impareggiabile.

#9 Siamo stufi che la criminalità si accaparri i fondi pubblici

Perché siano stufi di vedere la criminalità che, ogni volta che ci sono delle elargizioni pubbliche, ne approfitta squagliando come neve al sole i fondi attribuiti e lasciando il resto dei cittadini con un pugno di mosche in mano.

#10 Deve cambiare l’immagine del Sud assistenzialista nei confronti del mondo

L’immagine del Meridione deve assolutamente cambiare in Italia e all’estero: mai più che da Stati in Europa e nel mondo ci possano additare come poco credibili. Dobbiamo tutti lavorare per una impennata di orgoglio e per un cambiamento culturale che sdogani tutte le realtà, e sono tantissime, che virtuosamente lavorano nella parte meridionale dell’Italia e che possano essere il faro per una primavera del sud, se non spazzando via ma almeno arginando i fenomeni endemici di una parte del Paese, che ora più che mai deve dimostrare al mondo che rispetto e fiducia si devono guadagnare, non pretendere.

ROBERTO BINAGHI

LA SCUOLA POLITICA DI MILANO CITTA’ STATO (Clicca per informazioni)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected]lanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


Articolo precedente7 LOCALITÀ vicine a Milano dove trascorrere delle magnifiche VACANZE DI PROSSIMITÀ
Articolo successivo🔴 2 agosto: 8 decessi e 38 nuovi positivi in LOMBARDIA. Nessun morto nel resto d’Italia
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.

1 COMMENTO

  1. Sapete meglio di me che gridate nel deserto. Il Sud e’ parassita e vuole restare tale. Serve con urgenza la Secessione, quella che Salvini ha venduto per una poltrona ‘romana’ mantenuta ancora dal Nord.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here