Mai così POCHI MORTI in FEBBRAIO DA ANNI. Ma l’ITALIA CHIUDE lo stesso

L'indice di mortalità di fine Febbraio è inferiore di 1 punto rispetto alla media del periodo degli ultimi anni, i decessi riferibili al Covid si sono ridotti di 5 volte rispetto al picco di inizio Dicembre. Perché quindi si ipotizza un nuovo lockdown nazionale?

Credits: JHU CSSE COVID-19 Data - Decessi Italia al 7 febbraio

L’indice di mortalità di fine Febbraio è inferiore di 1 punto rispetto alla media annuale per il periodo, fatto che non si verifica da 4 anni. Buoni anche i dati sul trend dei morti Covid: in costante calo da novembre, si sono ridotti di 5 volte rispetto al picco dello scorso autunno. Perché quindi si ipotizza un nuovo lockdown nazionale?

Mai così POCHI MORTI in FEBBRAIO DA ANNI. Ma l’ITALIA CHIUDE lo stesso

# A fine Febbraio 2021 l’indice di mortalità eccessiva è quasi 1 punto sotto la media annuale del periodo. Una situazione che non si verificava da anni

Credits: affaritaliani.it

Nel mese di febbraio il nostro Paese ha registrato il numero di decessi più basso degli ultimi 4 anni. Non si parla di decessi riferibili solo al Covid, ma di mortalità complessiva, che risulta a livelli bassi sia Europa che in Italia. Come scrivono Paolo Becchi e Giovanni Zibordi su affaritaliani.it, i dati settimanali dell’Osservatorio Europeo sulla Mortalità riportano che “i valori dell’indice di mortalità eccessiva per l’ultima settimana di Febbraio è sceso a -0,9, in un mese in cui a causa delle polmoniti invernali non è mai successo che fosse sotto la media annuale.”


Tralasciando il fatto che è improbabile che siano spariti i decessi per tumori, ictus, infarti o altre malattie e che quindi quasi tutti siano stati “indirettamente catalogati ora come Covid decessi avvenuti in realtà per altre patologie”, in Italia si sta assistendo a un calo del numero dei morti in un periodo in cui solitamente l’indice di mortalità è superiore alla media annuale.

Fonte articolo: Affari Italiani

# I decessi riconducibili al Covid in calo costante in Italia, dai quasi 1.000 del 3 dicembre ai 207 del 7 marzo. In Lombardia situazione speculare, nel mondo calo del 50% in un mese

Curva decessi Italia

Dall’ultimo picco di 993 decessi il 3 dicembre 2020 la curva è in calo costante e sta proseguendo la discesa, ieri 7 marzo sono stati 207 i morti registrati, quindi quasi 5 volte di meno dell’ultimo mese dello scorso anno.



Decessi Lombardia Covid

Osservando i dati della Lombardia la situazione è speculare. Infatti il 3 dicembre si è registrata la punta più alta di decessi con 347 e una media settimanale di 202, ieri 7 marzo 33 decessi con una media settimanale scesa di quattro volte a 54. Questi dati non sono serviti a evitare le restrizioni da zona “arancione rinforzato”.

Credits: worldometers.info – Decessi mondo Covid

A livello globale invece, dal picco di 14.411 decessi del 28 gennaio si è arrivati a 8.715 di ieri 7 marzo, un calo netto di quasi il 50% in un solo mese.

Ritornando al contesto italiano, certificato quindi che i decessi riconducibili al Covid sono in calo costante da tre mesi e quelli complessivi sono ugualmente in calo da settimane, in un periodo in cui dovrebbero aumentare, risulta di difficile comprensione il motivo che starebbe spingendo il governo verso un nuovo lockdown su tutto il territorio nazionale.

Continua la lettura con: 🛑 L’allarme di SCIENCE: se non apriamo tutto il Covid finirà tra 10-20 ANNI

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl mondo alla rovescia: in SVEZIA, pro-mask considerati anti-democratici
Articolo successivoProcesso all’élite
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.