Processo all’élite

Avere cultura non è dimostrazione di intelligenza. Spesso le persone erudite sono le più dogmatiche, settarie e conformiste


In Italia c’è una élite culturale che dice di essere aperta e tollerante, in realtà odia il popolo, non vuole lasciare alcuna autonomia di pensiero alle persone perché le considera inferiori.

Processo all’élite

C’è un razzismo classista fortissimo, mascherato di ipocrisia. L’élite considera il popolo come dei bambini incapaci di intendere e di volere. In realtà l’appartenenza a una classe elitaria non è il passaporto per gli eletti che decidono sul bene e il male di una nazione. E non lo è neanche il fatto di essere degli intellettuali o delle persone di cultura cosiddetta superiore.

Avere cultura non è dimostrazione di intelligenza. Spesso le persone erudite sono le più dogmatiche, settarie e conformiste. Mentre la gente apparentemente più umile ha spesso un atteggiamento più socratico verso gli altri e spesso è più intelligente e più tollerante nei confronti della vita. Ed è quindi sbagliato considerarla volgo ignorante.

L’élite che si autoproclama guida del paese è in realtà il principale ostacolo allo sviluppo di una società più adulta, più libera e più equa.

Continua la lettura con: il buco nero

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.