Lo straordinario BORGO fatto di GROTTE nel Sud Italia

Una piccola ma splendida area rurale che ospita delle particolari grotte, in tutto e per tutto simili alle abitazioni degli hobbit

credits: @pratesialberto00 su IG

Senza conoscerne la storia, si direbbe che questo angolo della Basilicata sia stato costruito su suggerimento di J. R. R. Tolkien e progettato da un antenato dell’Archistar Boeri.

Lo straordinario BORGO fatto di GROTTE nel Sud Italia

# Le particolari grotte con il prato

credits: @ s.more_25 su IG
Nel comprensorio del paese di Pietragalla, in provincia di Potenza (siamo in Basilicata) c’è una piccola area risalente alla prima metà del 19° secolo chiamata Parco Urbano dei Palmenti. Un esempio di architettura rurale unica in Italia nella quale alcune “grotte” sono ricoperte da un fitto prato.
 

# Il borgo degli HOBBIT

credits: @pratesialberto00 su IG
All’interno di queste costruzioni, nelle quali grazie alla copertura c’è un clima costante, i contadini del luogo mettevano il vino a fermentare in apposite vasche di tufo. Utilizzati per questo scopo fino agli anni ’60, i manufatti si presentano come delle costruzioni degli hobbit, richiamando frotte di turisti estasiati dalla bellezza di questo piccolo borgo. La natura è padrona con il verde che domina sul resto del paesaggio, conferendone un aspetto di luogo incantato.
 

# Un simbolo del PASSATO

credits: ohga.it
Risalente all’inizio dell’anno 1.000, passato attraverso varie vicissitudini compresa una epica lotta contro il brigantaggio locale, Pietragalla si trova al nord di Potenza dove il Parco dei Palmenti copre una piccola area nella parte est del paese, in una zona collinare caratteristica della Basilicata.

Qui, il vino veniva prodotto con il metodo tradizionale della pigiatura a piedi nudi. Un bianco e un rosso dai sapori decisi era un vanto della zona che, ormai trasformatasi, conserva gelosamente questi manufatti, simbolo del passato rurale della regione.


Inserito nel luoghi del cuore dal FAI, è certamente un sito di grande interesse storico che merita di essere visitato da chiunque si trovi a passare in questa zona.

ROBERTO BINAGHI

Continua a leggere con: Il CAMMINO di BARDOLINO: il percorso da sogno per gli AMANTI del VINO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)



ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente5 SEGNALI che Milano NON è la GRANDE BELLEZZA
Articolo successivoI 10 SOGNI PROIBITI che i milanesi vorrebbero realizzare nella vita
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.