Le CITTÀ più BELLE ma SOTTOVALUTATE d’Italia

Le 10 città italiane più belle tra quelle più trascurate

Credits Leonhard_Niederwimmer-pixabay - Padova

L’Italia è un concentrato di borghi e città ricche di storia come nessun altro Paese al mondo. Alcune rimangono però fuori dai classici itinerari turistici nonostante le loro meraviglie. Scopriamo quali sono.

Le CITTÀ più BELLE ma SOTTOVALUTATE d’Italia

#1 Bergamo, una città dalla doppia anima

@Olga_Filippova-pixabay – Bergamo

Bergamo è senza dubbio una delle città più belle della Lombardia. Partendo da piazza Vecchia si inizia la scoperta della sua doppia anima. Bergamo Bassa è nata dai borghi circostanti, quella Alta è il cuore storico della città circondato dalle mura venete che sono diventate Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2017.


Leggi anche: La località del giorno: Bergamo

#2 Padova, una delle più antiche città del nord Italia

@Leonhard_Niederwimmer-pixabay – Padova

Padova è una delle città più antiche città dell’Italia settentrionale. Famosa per la sua università del XIII secolo, tra le più vecchie al mondo dove insegnò anche Galilei, e per il suo giardino botanico del XVI secolo, come Venezia è attraversata da diversi ponti che attraversano il fiume Bacchiglione. Tra i luoghi da non perdere la suggestiva piazza di Prato della Valle, la Basilica di Sant’Antonio e la Cappella degli Scrovegni.

#3 Treviso, una piccola Venezia

@Leonhard_Niederwimmer -pixabay – Treviso

Forse messa in ombra dalla vicinanza con Venezia, Treviso è forse la città più sottovaluta del Veneto. Una piccola Venezia con antichi canali che collegano edifici, giardini e piazze e un centro storico fortificato caratterizzato da chiese medievali, strade acciottolate, palazzi in mattoni rossi e portici. Figura ai vertici in Italia nelle classifica del verde e della qualità della vita. 



#4 Modena, una cittadina ricca di fascino e capitale della Motor Valley

@Ermaf62-pixabay – Modena

Modena si trova nel cuore dell’Emilia. Città ricca di fascino, un tempo capitale del ducato d’Este. La sua storia si può vivere camminando tra i monumenti del centro storico, alla scoperta di palazzi, teatri chiese e battisteri che ospitano incredibili opere di Correggio e Parmigianino. Piccola e perfetta per una visita di qualche giorno, meno turistica della vicina Bologna, è anche la capitale della Motor Valley.

#5 Ravenna, la città dei mosaici

@chatst2-pixabay – Ravenna

Ravenna, città famosa per i suoi mosaici bizantini e per i monumenti cristiani: otto dei quali sono siti patrimonio mondiale dell’UNESCO, costituendo un record. Città ricca di soprese, spesso fuori dai classici itinerari turistici, nonostante sia stata capitale dell’Impero Romano d’Occidente, rappresenta il miglior esempio di arte e architettura bizantina in Europa. Tra i monumenti spiccano il Mausoleo di Galla Placidia e la Basilica di San Vitale, oltre alle torri campanarie e le chiese.

#6 Urbino, uno dei centri più importanti del Rinascimento Italiano

@valtercirillo-pixabay – Urbino

Penalizzato dai collegamenti, Urbino è una delle gemme d’Italia, uno dei centri più importanti del Rinascimento Italiano. La città di Raffaello, dal 1998 Patrimonio dell’Umanità Unesco, è un meraviglioso scrigno di tesori da scoprire. Nelle mura bastionate sono costudite le meraviglie da vedere assolutamente, come il Duomo e Palazzo Ducale.

#7 Rieti, l’ombelico d’Italia

@katenordcreations-pixabay – Rieti

Difficile trovare chi va a visitare Rieti. Eppure la sua storia è antica, con i vicoli e le piazze che fanno rivivere il passato medievale della città. Soprannominata l’ombelico d’Italia, per la sua posizione al centro dello Stivale, si adagia su una rigogliosa valle, alla destra del fiume Velino. Senza dubbio la città più sottovalutata del Lazio, nonostante le sue meraviglie architettoniche e le sue bellezze paesaggistiche, come il monte Terminillo o la Cascata delle Marmore.

#8 Salerno, con il suo splendido golfo

@_alexena_ IG – Salerno

Nel mondo si parla della Costiera Amalfitana, ma pochi citano anche quella che si potrebbe definire la sua “capitale”. Non solo, è un punto di raccordo tra la Costiera Amalfitana e il Cilento, ed è di certo una delle città più sottovalutate d’Italia. Conosciuta per le sue Luci d’Artista, il suo incantevole centro storico racchiude importanti monumenti che testimoniano l’antico e glorioso passato della città. Imperdibile il simbolo della città, il Castello di Arechi, una antica fortezza medievale da dove ammirare la splendida vista del Golfo di Salerno.

#9 Bari, gemma nascosta affacciata sul Mediterraneo

@febio15
IG – Bari vecchia

La Puglia è ricca di meraviglie note nel mondo: Alberobello, il Salento, Polignano a Mare. Eppure molti trascurano il suo capoluogo: Bari è una gemma nascosta affacciata sul Mediterraneo con tante anime e sfaccettature tenute insieme da due città distinte. Bari Vecchia con il suo labirinto di stradine acciottolate e ricco di chiese e palazzi dove assaporare le tradizioni enogastronomiche e i profumi del capoluogo pugliese. La città nuova è più moderna e ha palazzi che sorprendono. 

#10 Ragusa, testimonianza della migliore espressione del barocco siciliano

@TooMuchCoffeeMan-pixabay – Ragusa

Stesso discorso per Ragusa. Pochi tra i molti attratti dai tesori più famosi della Sicilia, da Taormina a Siracusa, da Palermo alle sue magnifiche isole, puntano anche su Ragusa. Elegante e raffinata, incastonata tra i Monti Iblei, è testimonianza della migliore espressione del barocco siciliano. Si divide in Ragusa Ibla, la parte storica della città dove si trova la maggior parte del patrimonio artistico e Ragusa Superiore, la città nuova con la Cattedrale di San Giovanni Battista.

Continua la lettura con: Le 5 CITTÀ più BELLE da vedere di NOTTE

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedentePUNTA SASSO: il piccolo fiordo d’Italia a un’ora e mezza da Milano
Articolo successivoMTV Italia, Milano è in FERMENTO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.