La FUGA degli ITALIANI all’estero: in un anno persa una città come Brescia. Queste le METE preferite in Europa e nel resto del mondo

Tutti i numeri dell'indagine Istat: 1 su 2 scappa dal Nord. Le 5 destinazioni top per rifarsi una vita in Europa e le prime tre nel resto del mondo

Credits: adviseonly.com

Nel suo ultimo report l’Istat fotografa chi sono e quanti sono i nostri concittadini che decidono di lasciare l’Italia per vivere altrove. Tutti i numeri dell’indagine.

La FUGA degli ITALIANI all’estero: in un anno persa una città come Brescia. Queste le METE preferite in Europa e nel resto del mondo

# In un anno crescita del 14,4%, quasi 180.000 persone. 3 su 4 hanno più di 25 anni, 1 su 3 ha almeno una laurea

Credits: milanopost.info

La fotografia che emerge dal consueto studio annuale Istat mostra come nel 2019 le emigrazioni siano state quasi 180.000, +14,4% sul 2018, di cui il 75% italiani con una crescita di 122.000 unità, pari a un +4,5%. Di questi, 87.000 cittadini avevano un età superiore ai 25 anni, 1 su 3 almeno una laurea. Le iscrizioni anagrafiche dall’estero sono rimaste stabili sul 2018, con un calo sensibile del 7,3% delle immigrazioni di cittadini stranieri, mentre sono in forte aumento i rimpatri degli italiani con crescita del 46%, pari a 68.000 unità.


# Negli ultimi 10 anni il saldo migratorio degli italiani segna – 527.000 unità

Credits: wired.it

Il saldo migratorio però è decisamente negativo. Negli ultimi dieci anni come riporta una nota dell’Istat si è verificato “un aumento delle cancellazioni anagrafiche di cittadini italiani per l’estero e un volume di rientri che non bilancia le uscite, complessivamente 899.000 espatri e 372.000 rimpatri” che significa – 527.000 italiani. Se si guardano i saldi migratori con l’estero dei cittadini italiani, specialmente dal 2015 in poi, sono stati in media negativi per 69.000 unità ogni anno.

# 1 su 2 scappa dal Nord Italia. La metà preferita è il Regno Unito, fuori dall’Europa il Brasile

L’area geografica dalla quale si registra la partenza dei flussi più consistenti di cittadini italiani verso l’estero è il Nord, sia in termini assoluti con 59.000 unità pari al 49% degli espatri, sia in proporzione alla popolazione residente pari al 2,4 per mille. Segue il Mezzogiorno con 43.000 italiani e il Centro con 19.000 abitanti.

Non cambia la classifica delle prime 5 mete preferite dai nostri concittadini. Al primo posto sempre il Regno Unito che nonostante la Brexit ha stabilito il record di 31.000 nuovi iscritti alle sezioni AIRE locali, al secondo posto la Germania con 19.000, al terzo la Francia con 13.000, poi la Svizzera con 10.000 e la Spagna con 6.000. Fuori dall’Europa le destinazioni più gettonate sono Brasile, Canada e Australia.



Fonte: Tgcom24 , Sputniknews 

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Articolo precedenteMARE: ultima FRONTIERA. 5 progetti rivoluzionari di ISOLE GALLEGGIANTI
Articolo successivoMa il governo serve davvero?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.