Il PAESINO degli HIPPY nel cuore dell’Italia

Arroccato su un grosso blocco di tufo, questo borgo quasi disabitato richiama da qualche anno artisti e hippy da tutto il mondo. Ecco la sua storia

Credits: https://thetraveljam.com/

Una storia che parte dagli antichi etruschi, questo borgo ormai disabitato richiama da qualche anno artisti e hippy da tutto il mondo. Vediamo perché.

Il PAESINO degli HIPPY nel cuore dell’Italia

# I luoghi degli hippy

Credits arastet_st IG – Borgo Calcata

Arroccata su un grosso blocco di tufo che ne ha minato la stabilità, circondata da fitti boschi, una storia che affonda agli antichi etruschi e un una legge del ventennio che obbligò molti degli abitanti a lasciare le loro case e trasferirsi più a valle sono alcuni degli ingredienti della storia di un borgo che da qualche anno ha richiamato artisti e hippy da tutto il mondo.


Credits: https://www.stylise.it/

Esistono ancora delle roccaforti dove hippy e bohémien vivono indisturbati la loro esistenza. C’è la Valle della Luna in Sardegna ma che non è usufruibile in inverno, c’è l’isola di Naxos oppure Goa in India e molti villaggi dell’Himalaya che probabilmente sono i posti più gettonati oppure Key West che rimane divisa tra figli dei fiori e semplicemente molti turisti che adorano il ritmo molto “easy” dell’isola statunitense più vicina a Cuba.

# Un borgo disabitato da anni immerso in una natura incontaminata, poco lontano da Roma

Credits: luce.lanazione.it – Una delle installazioni artistiche del museo naturale “Opera Bosco”

Calcata ha trovato la sua “destinazione d’uso” per caso. Un borgo praticamente disabitato ma che non ha poi presentato quei problemi di instabilità geologica così importante da dover essere abbandonata, prezzi delle case bassissimi, una natura rigogliosa pur essendo non distante da Roma, un fascino difficilmente eguagliabile e una qualità della vita che sembra di altri tempi (e altri continenti).

Va da sé che i primi ad arrivare per questa new wave sono stati, oltre che molto fortunati, lungimiranti nel comprendere che tra le mura di questo borgo si avrebbe potuto vivere in condizioni impensabili. Aria tersa, natura pressoché incontaminata, bassissimo inquinamento elettromagnetico al punto che i cellulari prendono a fatica e il grande vantaggio di conoscere tutti gli abitanti al punto che, in linea con i principi della filosofia hippy, vige una sorta di grande fratellanza dove ci si aiuta l’un l’altro senza alcuna barriera o filtro.



# Oggi ha trovato una nuova vitalità grazie a artisti, hippy e imprenditori

Credits ig_italia IG – Calcata

Sì, perché a Calcata convivono artisti, artigiani ma anche imprenditori che hanno deciso di vivere il loro tempo o parte di esso in un luogo che sembra essere uscito indenne da tutte le lotte avvenute nei secoli preferendo l’uguaglianza e la solidarietà nella loro massima espressione. Non sappiamo se, nel caso Puccini potesse tornare tra noi, avrebbe piacere di ambientare la sua famosa opera in questo paese e dubitiamo fortemente che qui vivano gli eredi di Mimì, Marcello e Rodolfo mentre crediamo fermamente che valga la pena fare un sopralluogo sempre che si sia abbastanza forti da riuscire a prendere la strada del ritorno e non rimanere troppo affascinati da Calcata.

# Un’atmosfera medievale quasi fuori dal tempo

Credits ig_italia IG – Calcata vicoli

I suoi stretti viali mai in piano, le case in tufo e l’atmosfera quasi medioevale coadiuvata da antichi profumi non lascia indifferenti. E chissà se, per chi non sa resistere al richiamo di una vita diversa, ci sia ancora qualche casa in vendita. Certo è che, per quanto sembri coraggioso mollare tutto e venire qua a vivere, i fortunati che lo hanno fatto sembrano più che intenzionati a non tornare indietro.

Dimenticatevi l’auto, riponete il cellulare un tasca e avventuratevi tra i viali di questo borgo con la lentezza e il desiderio di osservare ogni singolo mattone, gradino, finestra e fiore che troverete perché solo così potrete entrare al meglio nella sua atmosfera. Non sorprendetevi se al tavolo di un dei locali presenti vi troverete a conversare con un pittore e un manager internazionale perché lo spirito di Calcata è questo. Qui l’inclusione, l’uguaglianza e la sostenibilità sono nel DNA del posto.

Continua la lettura con: La TUSCIA: le 5 meraviglie della terra più MISTERIOSA dell’Italia Centrale

ROBERTO BINAGHI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI FARAGLIONI della Lombardia: altro che Capri
Articolo successivoCHIUDERE TORINO CASELLE: la prima soluzione per ottimizzare il trasporto aereo in Italia
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.