I 10 BORGHI SULL’ACQUA più BELLI d’Italia: dalla Venezia umbra al paese con la cascata in centro

In Italia alcuni paesi sono costruiti sull'acqua, vediamo quali sono i più belli.

Credits: @ felicedd IG

Nella nostra penisola ci sono alcuni borghi costruiti su sorgenti cristalline e che con essa hanno un rapporto speciale. Vediamo quali sono i paesi più belli costruiti sull’acqua!

I 10 BORGHI SULL’ACQUA più BELLI d’Italia: dalla Venezia umbra al paese con la cascata in centro

# Loro Ciuffenna, Arezzo

Credits: siviaggia.it
loro ciuffenna

Costruito su un torrente che divide in due il paese, nella provincia di Arezzo, vi è uno dei borghi più belli d’Italia, Loro Ciuffenna. Qui c’è il mulino più antico della Toscana, pensate che è ancora in funzione, e tra i tetti del paese svetta la rossa Torre dell’Orologio.


Il centro storico, chiamato “il fondaccio”, con i suoi vicoletti e le case in pietra è un tuffo nel passato; ma sicuramente di grande interesse per gli innamorati è il così detto vecchio ponte romantico, perfetto per una passeggiata per poi fermarsi a guardare il torrente.

# Rasiglia, Perugia

Credits: @rasiglia
rasiglia

Nella bella Umbria, ci sono dei paradisi nascosti che vale la pena scoprire. Tra questi vi è Rasiglia, un piccolo comune montano frazione di Foligno. La sua ragion d’essere è l’acqua, questa infatti scorre tra le circa 50 case del paese. Bloccata ormai nel tempo, Rasiglia è conosciuta come la piccola Venezia umbra.

# Dolceacqua, Imperia

Credits: @georgelucky1973
dolceacqua

Già il nome ci fa capire che questo paese ligure non poteva che essere inserito nella lista. Dall’atmosfera fiabesca, Dolceacqua è stata fondata sul torrente Nervia. Tra i luoghi più belli del borgo vi è sicuramente il Castello Doria, risalente al 1177 e inizialmente di proprietà dei conti di Ventimiglia per poi passare alla famiglia che gliene da il nome.



Se invece vogliamo vivere la magia di entrare in un quadro, basta percorrere il Ponte Vecchio, famoso per essere stato soggetto di alcune opere di Monet.

# Santa Fiora, Grosseto

Credits: @visittuscany
Santa Fiora

Nella Maremma Toscana, sulle pendici del Monte Amianta, il borgo medievale di Santa Fiora è un paesino dagli splenditi paesaggi. Prende il nome dalla sorgente della Fiora su cui fu costruito e la Peschiera, posto in cui prima defluiva l’acqua del fiume, è probabilmente il luogo più famoso e uno dei più belli del borgo. 

Con le sue viuzze, le sue case in pietra e i vicoli lastricati il paese sembra essersi fermato ai tempi degli Sforza, famiglia che lo ha reso così bello, e i ritmi sembrano  ancora scanditi dallo scorrere del fiume.

# Stifone, Terni

Credits: @umbriatourism
stifone

Lungo l’itinerario delle Gole del fiume Nera, nella frazione di Narni, si trova il paesino di Stifone con i suoi circa 40 abitanti. Intorno al paese vi è un’aurea di mistero: il fiume Nera crea, infatti, un’ansa e una sorgente  subacquea “segreta” riversa nel suo alveo migliaia di litri d’acqua.

A Stifone, un tempo, i romani costruivano le loro navi e oggi si possono trovare ancora le rovine del cantiere; inoltre nel paese vi sono antichi lavatoi ancora alimentati dall’acqua sorgiva.

# Isola del Liri, Frosinone

Credits: @igers_lazio
Isola del Liri

Luogo imperdibile se si visita il Lazio, l’isola del Liri è il borgo attraversato dalle cascate. Il fiume Liri si biforca creando due salti incredibili in mezzo alla cittadina: la Cascata Grande e la Cascata del Valcatoio, entrambe ben visibili dal centro storico.

È uno dei luoghi più suggestivi da visitare e ovviamente molti artisti se ne sono accorti: George Bidault, infatti, immortala la bellezza del borgo in un quadro che oggi è esposto al Louvre. Oltre allo scenario mozzafiato della cascata, sicuramente interessante è la fortezza medievale del Castello Boncompagni-Viscologliosi.

# Borghetto sul Mincio, Verona

Credits: @robbieleone
borghetto sul mincio

Uno dei borghi più belli d’Italia, Borgetto sul Mincio è la frazione più conosciuta del comune di Valeggio sul Mincio. Il centro storico mantiene ancora le sue origini medievali con le ruote dei mulini ad acqua, il campanile e le rocche del Ponte Visconteo.  Il borgo sorge proprio accanto al fiume Mincio e da qui parte la pista ciclabile che arriva a Peschiera del Garda costeggiando il fiume.

# Nesso, Como

Credits: @borghi_cartoline
Nesso

Dall’atmosfera pittoresca, Nesso sorge esattamente sul punto di incontro dei due torrenti Tud e Nosé e si trova sulla sponda orientale del lago di Como. Borgo dalla indiscussa bellezza, ma la sua vera attrazione è l’Orrido di Nesso. Esattamente quando i due torrenti si uniscono in una cascata che divide in due il paese, c’è infatti una profonda gola naturale. Altra curiosità sul paese è l’origine del suo nome. Sembrerebbe sia un omaggio all’antica divinità celtica delle acque.

# Bagno Vignoni, Siena

Credits: @wiga_excelsior_borghi
bagno vignoni

Perché non andare alle terme in mezzo alla piazza di un paese? Nel cuore della Val d’Orcia, precisamente a Bagno Vignoni, si può fare, anzi si poteva. L’unicità del borgo sta proprio nella piscina piena d’acqua termale calda nella piazza centrale di origine rinascimentale. Purtroppo la balneazione da qualche anno è vietata.

Ringraziamento speciale a zingarate.com

Continua la letteratura: I 7 piccoli BORGHI più BELLI del NORD Italia

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.