Le BELLEZZE nascoste di Milano: quali sono e come si possono valorizzare

Roma è quasi sfacciata nel buttarti addosso la sua bellezza, Milano è discreta e ha quasi pudore nel mostrarsi. Milano è una città da scoprire, questo è il suo bello, ma a volta si esagera: ci sono bellezze che restano nascoste e non conosciute per i suoi stessi cittadini e che invece sarebbe doveroso fare apprezzare anche ai turisti.

Le BELLEZZE nascoste di Milano: quali sono e come si possono valorizzare

Le Torri di Milano

Durante il Medioevo erano uno dei tratti caratteristici di Milano. Ci sono ancora tre torri di epoca romana: la Torre dei Malsani (I secolo a.c.) nel cortile di un palazzo nei pressi del Carrobbio, la Torre di Ansperto (Massimiano) (III d.c.) e la Torre del Carceres, entrambe all’interno del museo archeologico di corso Magenta.

torre di ansperto
torre di ansperto

A queste si aggiungono altre dieci torri di epoca medievale, tra cui la Torre di Consulti (sopra a Palazzo dei Giureconsulti, di fronte a piazza Mercanti), la Torre dei Morigi (in via Morigi), la Torre dei Gorani (via Brisa) e la torre dei Filarete.
Le torri romane sono chiuse da un muro grigio e se si accede al museo si ha come la sensazione di imbattersi quasi per caso. Le torri medievali non le conosce praticamente nessuno.
Servirebbe una adeguata illuminazione e a una strategia di comunicazione per riportarle a tratto distintivo della città dei grattacieli. 

Leggi anche: Le torri di Milano: da tratto caratteristico della città a quasi dimenticate. Proviamo a rilanciarle?

Cavallo di Leonardo

La statua equestre più grande del mondo è più uno strumento di marketing per l’ippodromo che una grandiosa opera d’arte che dia lustro alla città. Il grande cavallo costruito su progetto originale di Leonardo si trova infatti nel cortile dell’ippodromo di San Siro.

sculture

Un cavallo all’ippodromo? Una mossa priva di fantasia che dà onore all’ippodromo ma, probabilmente, pochi degli avventori fanno caso alla sua importanza. Da anni si discute se portarlo in un luogo più consono alla sua storia (il Castello Sforzesco) o alla sua immagine (Stazione Centrale) ma nulla si è fatto e resta quasi inaccessibile per i turisti. Nell’anno di Leonardo cambiare la sua destinazione sarebbe un’iniziativa in grado di fare parlare tutto il mondo. 

Conca dell’Incoronata

Altra grandiosa opera di Leonardo che la città di Leonardo dovrebbe saper valorizzare molto meglio. Rappresentava il primo varco di ingresso fluviale in città ed è chiamata anche conca delle gabelle perchè era dove si pagava dazio per entrare nell’area C dell’epoca. 

A Londra pagheresti 30 sterline per vederla, fino a tempo fa era un immondezzaio, oggi va meglio ma resta trascurata e per nulla valorizzata. Ci vorrebbe un’illuminazione di grande impatto e una segnaletica adeguata.

La vigna di Leonardo

Completa il trittico delle opere di Leonardo poco valorizzate la vigna presso la casa degli Atellani. Un autentico gioiello che sarebbe ovunque un’attrazione mondiale.

E’ come tornare all’epoca del grande maestro, in quell’area che qualunque città avrebbe ribattezzato “Distretto Leonardo“, con il Cenacolo e Santa Maria delle Grazie. L’accesso è in un bar, l’esterno del palazzo che dà su corso Magenta è di una bruttezza imbarazzante. Solo varcando i diversi accessi si entra in un luogo magico.

Il parco archeologico

Altra gestione imbarazzante, questa più per responsabilità di Roma (Sovrintendenza) che di Milano. Però il Comune dovrebbe alzare la voce per un parco cittadino praticamente inaccessibile.

Chiuso nei giorni festivi, con le entrate più in vista sempre serrate e l’ingresso limitato a una porticina seminascosta che conduce all’interno di un palazzo privato. Il parco è stato battezzato “il parco più inaccessibile del mondo“. Da un paio di anni è stato anche deciso di chiudere l’unica parte che funzionava (il Vivaio Riva) per annetterla al parco col risultato di renderla anch’essa inaccessibile.
Si parla di progetti faraonici, come il colosseo alberato, ma dopo anni dall’annuncio nessun lavoro ha ancora avuto inizio e gran parte dell’area è chiusa e allo sbando.

Leggi anche: nel cuore di Milano il parco più inaccessibile del mondo

I cortili

I palazzi milanesi hanno dei cortili strepitosi, tra i più belli del mondo. Eppure sono inaccessibili, tranne che qualche occasione in cui vengono aperti al pubblico.

cortile hotel Cavour
cortile hotel Cavour

Ci vorrebbe una mappatura ufficiale dei cortili di maggiore rilevanza artistica che dovrebbero essere resi noti e disponibili a visite dei cittadini e dei turisti in calendari e orari ben definiti.

Casa Galimberti

E’ il palazzo con le decorazioni più belle di Milano, un capolavoro del liberty milanese, più famoso all’estero che in città. Nonostante fosse a vincolo ambientale, ormai è noto come “il palazzo del Panino Giusto” che ne ha rivoluzionato l’immagine.

porta venezia

Un’idea: un percorso illustrato alla Stazione Centrale con la presentazione delle meraviglie di Milano

Questi sono solo alcuni degli esempi di tesori nascosti e poco valorizzati della città. Ma l’elenco potrebbe essere molto più massiccio, comprendendo palazzi considerati dei capolavori o autentici gioielli, come San Maurizio, “la cappella Sistina di Milano” o altre chiese bellissime ma quasi sconosciute.

Per colmare il gap di comunicazione l’idea che lanciamo è di creare un percorso davanti alla Stazione Centrale in cui chi arriva a Milano in treno sia portato a passare attraverso immagini che rappresentano tutte le bellezze straordinarie della città. Sarebbe un modo di valorizzarle e anche di rilanciare la piazza della Stazione a porta di ingresso che farebbe onore a tutta la città.

Leggi anche: Le 10 attrazioni poco note di Milano da mostrare a un turista

ANDREA ZOPPOLATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

#VotoMilano
CONDIVIDI
Articolo precedenteDimmi che CAFFE’ sei e ti dirò di che tipo d’amore soffri
Articolo successivoBe my Valentine!
Andrea Zoppolato
Più che in destra e sinistra (categorie ottocentesche) credo nel rispetto della natura e nel diritto-dovere di ogni essere umano di realizzare le sue potenzialità, contribuendo a rendere migliore il mondo di cui fa parte.