I 5 LUOGHI COMUNI su Milano che IRRITANO più i milanesi

I milanesi tollerano tutto, tranne i luoghi comuni su Milano

Credits: @milanoclik IG

I milanesi tollerano tutto, tranne i luoghi comuni su Milano.

I 5 LUOGHI COMUNI su Milano che IRRITANO più i milanesi

#1 Milano è brutta

Un luogo comune duro a morire. “Milano è una città grigia, brutta, dove non c’è niente da vedere”. Ormai da anni è la seconda città per numero di turisti dopo Roma, ed è la prima in Italia per numero di persone che ritornano dopo la prima visita, questo è una conferma che Milano ha tante bellezze da offrire. Oltre ai classici Duomo, Galleria Vittorio Emanuele, Castello Sforzesco e Cenacolo di Leonardo da Vinci, ci sono l’Arco della Pace, il Cimitero Monumentale, la chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore detta “la Cappella Sistina” di Milano solo per citarne alcuni. Per non parlare dei nuovi quartieri di City Life e Porta Nuova.


Una delle più prestigiose riviste al mondo ha definito Milano la più bella città d’arte meno affollata del mondo. 

#2 Milano è bella ma non ci vivrei

credit: spiedermandimilano.com

Tra quelli che invece sono d’accordo sul fatto che anche Milano sia una bella città, c’è chi afferma che “è bella, ma non ci vivrei”. Una contraddizione logica che fa andare di matto i milanesi. Come se a parte l’estetica, la città non avesse nulla da offrire. 

Un modo di vedere la città che poi si riflette in quell’immagine scolpita nella nostra memoria della fuga da lockdown in cerca di luoghi più vivibili. 



Oppure questa frase nasconde solo invidia per paura di non esserne all’altezza?

#3 Avete solo la nebbia

Credits: Alberto Papagni per Milano Panoramica - Nebbia su Milano
Credits: Alberto Papagni per Milano Panoramica – Nebbia su Milano

La nebbia ormai è solo un lontano ricordo, a Milano si vede solo in rarissime occasioni e quasi sempre fuori dal centro. E anche quando c’è, pur se meno fitta del passato, regala un’atmosfera di mistero che rende la città ancora più magica.

Non capire il fascino della nebbia rivela di essere miseri di spirito. 

Leggi anche: SCIGHERA o NEBIA: chi conosce la differenza?

#4 I milanesi sono freddi e pensano solo a lavorare

Credits: amilanopuoi.ocm

I milanesi sono concentrati a dare sempre il meglio di loro stessi, nel lavoro e in qualsiasi altro contesto, non è vero quindi che sono freddi e anzi sono i primi ad aiutarvi se avete bisogno. Sono anche però quelli più disponibili a socializzare, non sarà un caso se il vero rito dell’aperitivo è nato a Milano

#5 Milanese = milanese imbruttito

credits: emmanuelmathez
( INSTG)

Il milanese sempre indaffarato, che parla per frasi fatte e fa sentire la superiorità nei confronti degli altri, con tutti i luoghi comuni annessi, quelli della “figa e fatturare”, questo è lo stereotipo del milanese imbruttito che non piace affatto ai veri milanesi. Anche perchè i milanesi sanno che l’imbruttito non è quasi mai il milanese.  In realtà è chi arriva da fuori, il “giargiana” che si comporta da “imbruttito” per far credere di essere milanese

Come scrive il “milanese doc” Francesco Mazza: “l’imbruttito è un provinciale, non è di Milano”.  Anche se a molti che non amano Milano piace credere che i milanesi siano davvero così.

Continua a leggere con: I 10 più grandi PREGI dei MILANESI 

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.