La prima CITTÀ GALLEGGIANTE del mondo

Entro il 2027 verrà terminata la prima città galleggiante del mondo. Dove verrà costruita?

credit: thetimesofaddu.com

Il livello del mare si alza, così entro il 2027 verrà terminata la prima città galleggiante del mondo. Dove verrà costruita?

La prima CITTÀ GALLEGGIANTE del mondo

Se in Italia – fortunatamente – gli effetti del cambiamento climatico sono ancora poco evidenti, ci sono alcuni luoghi nel mondo che già stanno modificando le loro abitudini per sopravvivere. Tra questi ci sono anche le paradisiache Maldive, che a causa dell’innalzamento del livello del mare rischiano di essere sommerse. E’ qui che si è trovata un’innovativa soluzione: costruire delle città galleggianti che si adattino al cambiamento del mare. I lavori cominceranno a breve.


# La Maldives Floating City

credit: thetimesofaddu.com

Le Maldive sono un arcipelago nel cuore dell’Oceano Indiano che oggi conta oltre 1900 isole, ma che in futuro sono già state date per spacciate: le previsioni dicono che per il 2050 circa 1000 di queste isole potrebbero essere sommerse dall’innalzamento del livello del mare. Uno dei paradisi terrestri sta per scomparire ed è per questo timore che è stata ideata una città galleggiante, la Maldives Floating City – MFC, i cui lavori inizieranno a breve e dovrebbero essere terminati entro il 2027.

# Il progetto è olandese: sarà il primo di tanti altri?

Il progetto è olandese e potrebbe essere il modello da seguire per sviluppare altre città fluttuanti, basate non sul concetto di “sopravvivenza” ma su una nuova esistenza: più sostenibile e sicura ma anche più tecnologica e innovativa. Nel resto del mondo esistono già alcuni esempi più piccoli di “edifici galleggianti”, ma con la MFC si parla di un nuovo modo di fare urbanistica che potrebbe cambiare le sorti del mondo intero, offrendo una chance a tutti quei paesi che vivono vicino al mare.

Anche perchè considerando che l’acqua ricopre i tre quarti della superficie terrestre si può capire quanto sia lo spazio disponibile per nuove città marine. Ma torniamo al progetto della Floating City. Che cosa succederà in città?



# Le auto non saranno ammesse. Siamo pronti per questa rivoluzione?

La città galleggiante maldiviana è stata progettata per trasmettere un importante messaggio anche con la sua forma, che sarà quella di un “corallo cerebrale”, un genere di corallo tanto bizzarro quanto suggestivo. I moduli della città ricreeranno l’aspetto del corallo grazie ad un sistema di canali che permetterà agli abitanti di spostarsi rapidamente, e oltre ai quali ci saranno anche vie percorribili a piedi, in bici o con piccoli mezzi elettrici.

Le auto non saranno ammesse, per ridurre al massimo l’impatto ambientale della città. La stabilità verrà garantita anche grazie alla collaborazione di natura e tecnologia, infatti le strutture antropiche saranno aiutate da alcuni banchi di corallo artificiali che stimoleranno la crescita del corallo naturale, creando un naturale frangionde.

Con questa città, l’urbanistica sta per cambiare, e a seguirla ci saranno il turismo e tanti altri settori. Siamo pronti per questa rivoluzione?

Fonte: Sii Come Bill

Continua la lettura con: Arrivano le CASE del FUTURO: Milano d’ispirazione per altre città italiane

ROSITA GIULIANO

Leggi anche: Stipendio consiglieri comunali, i “precari della politica” che vanno pagati di più

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.