La complicata storia del CAVALLO di Leonardo

cavallo di leonardo

Questa storia inizia nel 1482, quando Ludovico il Moro affida a Leonardo da Vinci la progettazione di un’imponente statua equestre in memoria del padre Francesco, il fondatore della casata Sforza.

Il genio toscano inizia così a studiare ogni dettaglio anatomico dell’animale, ipotizzando dapprima un cavallo in posizione rampante nell’atto di abbattersi sul nemico e successivamente un cavallo poggiato su due zampe.

Nel 1491 viene presentato il modello: oltre sette metri di altezza di opera in creta, che avrebbe dovuto essere coperta dalla cera protettiva e dall’involucro di terracotta per essere poi ricoperta da oltre 100 tonnellate di bronzo. Ma arriva l’imprevisto che, come sempre, stravolge i piani e il corso della storia. La Francia invade il ducato d’Este e il bronzo destinato al Cavallo viene invece utilizzato per realizzare i cannoni a difesa di Milano. E di lì a poco con l’invasione di Milano anche Leonardo è costretto ad abbandonare sia Milano sia il cavallo di creta, che, secondo la tradizione, venne utilizzato quale bersaglio dai balestrieri francesi, che lo distrussero completamente.

Cinque secoli più tardi…

Sono dovuti passare ben cinque secoli perché il pilota americano nonché collezionista d’arte, Charles Dent, si innamorasse della storia del cavallo incompiuto decidendo di portarla a termine. Attraverso la Leonardo da Vinci’s Horse Foundation (Ldvhf) indisse una raccolta fondi riuscendo a raccogliere circa 2,5 milioni di dollari per realizzare l’imponente statua.
Ma anche questa volta il progetto si interruppe perché Charles Dent morì nel 1994 (ndr viene quasi da pensare che questo cavallo non porti benissimo).

Happy ending

È il caso di dire che a riprendere le redini della situazione fu il proprietario di una catena di supermercati del Michigan, Frederik Meijer, che, dopo aver assunto la guida della Ldvhf, finalmente terminò l’opera, grazie all’artista di origine giapponese Nina Akamu. Il Cavallo di Akamu, la cui particolarità sta nel fatto di poggiarsi solo su due zampe, è in realtà un omaggio al progetto del genio rinascimentale, più che una realizzazione rigorosamente fedele ai pochi disegni rimasti. La Statua venne regalata alla città di Milano, a condizione, però, che venisse esposta in un luogo che piacesse alla Fondazione stessa. Tra le varie location alla fine vinse l’ippodromo del galoppo di Milano. Diviso in sette parti, il Cavallo è arrivato nella nostra città nell’autunno del 1999 e, una volta saldati insieme i pezzi, è stato – finalmente –  inaugurato e posto all’ingresso della tribuna secondaria dell’ippodromo del galoppo di San Siro a Milano.

 

VALENTINA BURLANDO

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Il Grande Sogno di Milano
Come In Un Bosco

1 COMMENTO

  1. Devo dire che il fascino della storia dell’Arte italiana non è solo fatta dalla bellezza come valore ma anche dalla.storia e dal come ciascuna opera sia arrivata.a noi oggi.
    Grazie.per questo bel contributo Valentina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here