Nel Castello c’è anche una SALA DEL TESORO con il misterioso affresco di Argo

perchè Ludovico Il Moro scelse come custode del suo tesoro un guardiano così sgarrupato?

Nella sala più protetta del Castello Sforzesco, all’interno del Cortile della Rocchetta, era nascosto il tesoro di Ludovico Il Moro, che era protetto da un ingegnoso sistema antifurto.

La sala era proprio la Sala del Tesoro, oggi Sala Beltrami, a cui si accede dal Cortile della Rocchetta.
All’ingresso del caveau il Duca aveva fatto realizzare a monito contro i ladri anche un affresco di grandi dimensioni. Poco dopo la sua morte, questo affresco venne ricoperto da un intonaco per proteggerlo. Solo cinquecento anni dopo, durante il restauro del 1893, l’affresco venne riscoperto praticamente intatto, salvo il volto del personaggio profondamente danneggiato.

Il mistero aleggia sull’identità del personaggio ritratto e sull’autore dell’affresco. Per molto tempo si credeva che l’autore fosse Leonardo Da Vinci ma successivamente prese piede l’ipotesi che l’autore fosse il Bramante e Leonardo fosse, invece, il personaggio ritratto.
Oggi la versione più accreditata è che il progetto fosse del Bramante ma opera del Bramantino che ritrasse Argo, il titano dai cento occhi.

Chi era Argo?

Secondo la mitologia greca Argo era un gigante a cui Era aveva affidato la ninfa Io, l’amante di Zeus, trasformata in giovenca. Argo sembrava un guardiano perfetto: grande, grosso, dai cento occhi che gli consentivano di non dormire mai perchè li faceva riposare a rotazione. Zeus però a escogitare soluzioni era un vero dio e per liberare la sua ninfa incaricò il fido Ermes che, camuffato da pastore, andò da Argo e gli raccontò una storia talmente avvincente da farlo cadere addormentato in tutti i suoi occhi.

Ermes uccise il gigante e liberò la ninfa Io. Ma neppure da morto Argo poté avere pace. La dea incavolata nera, strappò gli occhi dalla testa di Argo e li distribuì sulle piume dei pavoni che si trovano anche immortalati nell’affresco.

Il mistero dunque rimane: perchè Ludovico Il Moro scelse come custode del suo tesoro un guardiano così sgarrupato?

MILANO CITTA’ STATO

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come#amburgo #madrid #berlino #ginevra #basilea #sanpietroburgo #bruxelles             #budapest #amsterdam #praga #londra #mosca #vienna #tokyo #seul#manila  #kualalumpur #washington #nuovadelhi #hongkong#cittadelmessico #buenosaires   #singapore

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Come In Un Bosco