Il “PALAZZO MALEDETTO” di Milano: la sfida lanciata da un colosso della moda low cost

La storia infausta del Palazzo Maledetto di Via Torino: dopo tre anni di chiusura un marchio internazionale sfida la sorte

Credits: pixabay.com

Viene definito il palazzo “più maledetto” di Milano. Il motivo? La sfortuna perseguita chiunque provi ad aprirvi un nuovo spazio commerciale. Ma c’è chi non molla e lancia una nuova sfida: si tratta di un colosso della moda a basso prezzo.

Il “PALAZZO MALEDETTO” di Milano: la sfida lanciata da un colosso della moda low cost

# Sfidare la sorte

Credits: bing.com

Numerosi punti vendita hanno cercato nel corso degli anni di vincere la sfida del palazzo di via Torino 45 ma uno dopo l’altro sono stati costretti alla chiusura, a volte anche poco dopo l’inaugurazione. Questa serie di sventure ha portato tra i milanesi a definirlo “il palazzo maledetto”. A cercare di spezzare la maledizione è Primark, il re dei vestiti a basso costo, che si estenderà su tutti i sette piani della costruzione, per una superficie di 10 mila metri quadri.


Il palazzo è rimasto inutilizzato per anni, ma proprio quest’anno la catena di abbigliamento e piccoli accessori ha deciso di inaugurare il suo primo store multipiano proprio nello sfortunato edificio. Così dopo aver conquistato le periferie di Arese e Rozzano Primark arriva in centro, ma prendendosi il rischio di affrontare la maledizione di via Torino 45. Ma quali sono i precedenti nefasti?

Leggi anche: 3 LUOGHI in ABBANDONO a Milano da salvare SUBITO

# La maledizione ha inizio nel 1931

Credits: bing.com

La maledizione del palazzo di via Torino 45 parte nel 1931, quando lo spazio viene acquistato da Standa, poi mutato in Billa: nessuno dei due ebbero fortuna nella sede. A durare 12 anni fu invece la libreria Fnac, mentre fino al 2018 ci ha provato Trony. Si tratta di tutte catene o negozi il cui destino è stato infausto. Proprio per la chiusura di queste catene l’edificio viene considerato maledetto dai proprietari di negozi e catene, che quindi lo hanno lasciato disabitato negli ultimi tre anni. A cambiare le cose ci proverà la catena irlandese Primark, che con quest’apertura tenta l’esordio nel centro di Milano. Si tratta di un atto di coraggio forse un po’ spavaldo o di ignoranza per questo fosco passato?



Leggi anche: È allarme per BRERA: il quartiere sta sprofondando nel degrado? 

# Il re dei vestiti low cost

Credits: mariateresaprotto, IG

È tutto quasi pronto, l’ultima impalcatura riveste il piano inferiore del palazzo mentre la facciata è stata completamente restaurata. Sfidando la fortuna la catena ha firmato un contratto ventennale di circa due milioni e mezzo di euro. Primark ha affermato il suo dominio con l’insegna del nome su via Palla, una lettera per piano. L’apertura è supposta per marzo o aprile di quest’anno, nonostante il negozio non abbia annunciato una data, forse per sfuggire alla maledizione dell’inaugurazione su cui già infuriano i venti della guerra…

Leggi anche: I nuovi AVVENIRISTICI TRENI per la METRO di Torino 

Continua la lettura con Torna l’INTERRAIL per viaggiare in Europa: per i giovani è GRATIS 

SARAH IORI

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.