Il BORGO DIPINTO, uno dei “posti imperdibili” d’Italia secondo Forbes

Il borgo dove l’arte ha inondato di luci e colori vie, case e piazze. Secondo Forbes se la gioca con Firenze, Roma e Venezia

Credits: @ferrara_eventi Dozza

Tra le colline dell’Appennino tosco-romagnolo c’è un paese inserito ne “Borghi più Belli d’Italia” e addirittura citato da “Forbes” come uno dei posti imperdibili del BelPaese, alla pari con Firenze, Venezia e Roma. Se alcuni possano pensare che Forbes abbia esagerato, il borgo di Dozza è però sicuramente uno di quei luoghi assolutamente da visitare.

Il BORGO DIPINTO, uno dei “posti imperdibili” d’Italia secondo Forbes

# Dove si trova

Credits: @borghitalia
Dozza

Dozza si trova a sud di Bologna e a 6km da Imola. Precisamente è sul crinale di una collina nella valle del fiume Sellustra che scende direttamente verso la via Emilia. Dozza è un comune di poco più di 6 000 abitanti, ma il paese che dà il nome al Comune conta poco più di mille anime, le restanti abitano a Toscanella, la sua frazione. La sua particolarità? Essere un museo a cielo aperto.


# Il borgo dalle mura dipinte

Credits: viaggiareunostiledivita.it
Dozza

Dozza è conosciuta come “il museo vivente” o “il borgo dalle mura dipinte”. Sui muri di questo piccolo paese, infatti, ci sono ormai più di 200 storie raccontate. È un luogo dove la storicità degli edifici incontra la nuova arte, quella della street art, e non stona per nulla, al contrario storia e murales entrano in perfetta armonia. Ad aver reso così bello e particolare il borgo medievale di Dozza ha contribuito la Biennale del Muro dipinto, un’iniziativa comunale lanciata già negli anni Sessanta e che ha reso i muri del paese le tele di artisti contemporanei esordienti.

# Meglio non organizzarsi un itinerario turistico ma vagare per il paese

Credits: @ferrara_eventi
Dozza

Per assaporare al meglio l’atmosfera del borgo di Dozza, la cosa migliore da fare, nonché la più semplice, è quello di vagare per il paese e perdersi nell’ammirare i suoi murales. Il primo dipinto che si incontra una volta arrivati è l’Arcobaleno di Alfonso Frasnedi e poi, proseguendo, sotto ogni murales c’è il nome dell’autore e l’anno di produzione. Ma Dozza è anche un borgo medievale dove immergersi nel passato, ad esempio ammirando la Rocca Sforzesca, una fortezza costruita nel XII secolo ma certamente modificata nel corso del tempo.



Continua la lettura con: FelliniCittà: il BORGO romagnolo che celebra il grande regista con le sue CASE DIPINTE (Gallery Fotografica)

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.