🛑 Il “SOGNO PROIBITO” del CentroDestra e le ANIME di Sala e Paragone: ultimissime sulle ELEZIONI di Milano

Una poltrona per tre: le elezioni a sindaco sembrano simili a un talent show

Sala-Paragone

Mancano poco di più di tre mesi alle prossime elezioni amministrative del 10-11 ottobre. Il sindaco uscente detta le condizioni minime per riconfermarsi sulla poltrona di primo cittadino, mentre l’outsider ex M5S Gianluigi Paragone si candida per “smontare” il “modello Milano”. Sul fronte centro destra è sfida a due, con un possibile colpo a sorpresa. Vediamo le ultime novità sulle prossime elezioni.

🛑 Il “SOGNO PROIBITO” del CentroDestra e le ANIME di Sala e Paragone: ultimissime sulle ELEZIONI di Milano

# Sala: le tre anime per Milano. Per vincere serve anche il centro

Credits: www.open.online

Il sindaco uscente Beppe Sala prosegue al momento “in solitaria” verso le elezioni del 10-11 ottobre prossimo 2021, vista l’assenza di uno sfidante ufficiale per il centrodestra. In un incontro con Carlo Calenda, organizzato dalla lista riformista Lavoriamo per Milano al Teatro Parenti, ha dichiarato che per riconfermarsi sulla poltrona di primo cittadino di Milano al centro sinistra servano tre anime: quella del Partito Democratico, l’area ecologista e quella centrista-riformista: “La somma dei partiti di centrosinistra deve arrivare al 40 per cento e, per farlo, c”è bisogno di almeno tre componenti: il Pd, i Verdi e i riformisti“. Una formula che, secondo Sala, potrebbe essere replicata e utile anche per un modello nazionale in vista delle future elezioni politiche del 2023. 


# Paragone: Sala ha venduto l’anima (popolare) di Milano

Credits: catanianews – Paragone

Gianluigi Paragone, giornalista e senatore, ex Cinque stelle adesso passato al Gruppo misto è l’unico candidato ufficiale anche se outsider, in attesa che il centrodestra proponga uno suo nome, a sfidare il sindaco uscente a Milano. Il fondatore di Italexit ha scelto di candidarsi alla guida della città perché è convinto che Sala ne abbia svenduto l’anima popolare: “Il modello di Sala è un modello che non mi piace, un modello in cui l’anima anche popolare di questa città viene meno e viene ceduto a un modello che è fatto di fondi finanziari, di grande finanza, di multinazionali.” Anche il ruolo di città internazionale secondo lui si è ormai perso: “Milano l’ha sempre avuta con le proprie aziende, anche con le proprie banche, che però stavano ancorate all’economia reale. Oggi non è una città internazionale: è una metropoli globalizzata e quindi priva di anima.”

# Centro destra: testa a testa Bernardo – Munari. Ma il sogno proibito è Cairo

Il nome del candidato del centro destra ancora non c’è, ma le ultime novità riportano di un testa a testa tra l’avvocato Alessandro Munari, professore, membro del consiglio di amministrazione del Giornale e della Pbf e Luca Bernardo, responsabile del reparto di Pediatria dell’ospedale Fatebenefratelli, professionista le cui doti sono riconosciute a destra e a sinistra e che parrebbe in leggero vantaggio. 



In base ad alcune indiscrezioni ci sarebbe però un altro profilo papabile a ricoprire il ruolo di sfidante di Sala, Urbano Cairo: proprietario di LA7, Rcs e del Torino Calcio, forse il vero sogno proibito del centro destra visto che secondo alcuni sondaggi interni avrebbe maggiori possibilità di insidiare il sindaco uscente rispetto ai nomi in circolazione. In passato si era anche parlato di lui come possibile erede di Silvio Berlusconi alla guida di Forza Italia.

Continua a leggere con: Il buono, il brutto e il cattivo: le TRE NUOVE IPOTESI per il CANDIDATO del CENTRO DESTRA

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte   

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.