Sud Dakota, la SVEZIA d’America nella lotta al Covid (AIER)

Il Dakota del Sud ha applicato il modello svedese: no lockdown, nessun obbligo all'uso dei mascherine, piena fiducia ai cittadini, scuole sempre aperte. Il risultato: l'economia è già in ripresa, il tasso di disoccupazione è ai minimi e decessi e contagi pro capite sono tra i più bassi d'America

Kristi Noem, governatore dello Stato del Sud Dakota

Forse sono le sue origini dai nativi americani, fatto sta che il Dakota del Sud nell’emergenza Covid ha preso le distanze dal resto degli Stati Uniti. Lo stato del Midwest ha infatti applicato lo stesso modello svedese: nessun lockdown, nessun obbligo all’uso dei mascherine, piena fiducia ai cittadini, scuole sempre aperte. Il risultato: l’economia è già in risalita, il tasso di disoccupazione è tra i più bassi e i decessi e contagi sono ormai a zero. L’analisi di Amelia Janskie per l’American Insitute for Economic Research.

Leggi anche: l’Eccezione svedese


Sud Dakota, la SVEZIA d’America nella lotta al Covid (AIER)

Pubblichiamo traduzione articolo di Amelia Janaskie per “American Insitute for Economic Research” – South Dakota: America’s Sweden

# Kristi Noem, governatore del Dakota del Sud, ha rifiutato di imporre restrizioni 

La maggior parte delle persone conosce il Dakota del Sud per i volti illustri scolpiti sul fianco della montagna delle Black Hills. Il monte Rushmore ci ricorda quattro leader americani che hanno instillato valori di libertà e speranza in questo paese. Questi valori sono sotto attacco nei nostri giorni tumultuosi del coronavirus. I lockdown hanno aggredito valori fondamentali che ritenevamo sacrosanti: i diritti di proprietà, il diritto di gestire un’impresa; libertà di associazione e movimento, nel diritto di viaggiare, riunirsi, lavorare, consumare, divertirsi e così via. In breve, il diritto di perseguire la felicità.

Monte Rushmore – Sud Dakota

Sotto la guida del governatore del Dakota del Sud Kristi Noem, tuttavia, lo stato delle Grandi Pianure ha creato una fortezza di libertà e speranza protetta dalle grinfie di politici prepotenti. E, cosa abbastanza interessante, le politiche del South Dakota fanno eco a molti degli stessi valori e approcci della Svezia, ed entrambe hanno sperimentato, non casualmente, risultati positivi. Noem ha rifiutato le comuni restrizioni draconiane del Covid-19 visti in luoghi come la California e il Regno Unito a favore di un approccio a mani libere.



In un senso simile, l’epidemiologo di Stato svedese, Anders Tegnell, ha sostenuto una strategia soft contro il Covid con il Paese che non è mai andato in lockdown nonostante le forti pressioni in tal senso da parte dell’Unione europea. Mentre la costituzione svedese vieta ai politici di intervenire, agenzie esperte si occupano invece di fornire al pubblico raccomandazioni non invasive.

# La risposta al coronavirus: fiducia individuale e buon senso a dirigere le scelte dei cittadini

La risposta al coronavirus in Dakota del Sud e Svezia è stata costantemente di natura non interventista, lasciando la fiducia individuale e il buon senso a dirigere le scelte dei cittadini.

All’inizio della pandemia, il governatore Noem ha richiesto alcune restrizioni iniziali, come la chiusura delle scuole il 16 marzo, pur consentendo l’ingresso per piccoli gruppi. Noem ha anche incoraggiato in precedenza il lavoro a distanza e il distanziamento sociale e ha raccomandato alle aziende di limitare la capacità interna a 10 persone quando il distanziamento sociale non era fattibile (come raccomandato dal CDC). In tal modo, il Governatore si è rimesso all’etica politica prevalente. Deve averla messa a disagio dato il suo impegno per la libertà come primo principio.

Ha ritirato le raccomandazioni iniziali in aprile per “mettere il potere nelle mani del popolo, a cui appartiene“, dando priorità alla libertà. All’inizio, il South Dakota ha introdotto un piano di permanenza a domicilio obbligatorio per le persone di età superiore ai 65 anni in due contee con un numero elevato di casi, che è stato revocato l’11 maggio. Tuttavia, non ha mai imposto obbligo di rimanere in casa, mascherine o divieti a riunioni in chiesa, asili nido, aperture di attività commerciali o viaggi.

# In Svezia e Dakota del Sud solo misure precauzionali

La Svezia, come il Dakota del Sud, ha suggerito misure precauzionali, come il lavoro da casa e l’allontanamento sociale quando necessario. La Svezia ha vietato raduni di oltre 50 persone, chiuso temporaneamente l’istruzione secondaria e le università e proibito ai visitatori di accedere alle case di cura. Ha riposto la fiducia negli individui per prendere decisioni prudenti nel rallentare la diffusione del virus.
 
Tegnell spiega come la fiducia e la trasparenza abbiano giocato un ruolo nella risposta della Svezia: “Avere una sorta di conversazione con il pubblico, riporre molta fiducia nel pubblico e dare un po ‘di responsabilità agli individui, che è esattamente ciò che le nostre leggi sulle malattie trasmissibili ci dicono di fare. E seguendo lo schema. In questo modo, potremmo ridurre il numero di casi e continuare a far funzionare i nostri servizi sanitari “.
 
Allo stesso modo, i cittadini del Dakota del Sud si affidavo alla fiducia e alle informazioni diffuse dalle istitutizioni; Noem afferma: “Ora il mio approccio a questo virus è stato quello di fornire ai cittadini tutte le informazioni che potevo e poi fidarmi di loro per esercitare la loro libertà di prendere la decisione migliore per se stessi e per le loro famiglie“. Noem ha evitato di imporre restrizioni aggressive, rimettendo ai cittadini l’uso del buon senso: praticare una buona igiene e allontanamento sociale quando necessario.

# Scuole sempre aperte senza obbligo di mascherine per i bambini

Le scuole aperte per tutto l’autunno sulla base della necessità di sostenere i bisogni educativi e sociali dei giovani e grazie al basso rischio di contrarre Covid. Uno scioccante 30% di tutti i bambini SD non si è mai registrato online per partecipare all’apprendimento remoto nella primavera del 2020. Questa statistica, unita alla discutibile efficacia dell’apprendimento online, rende ancora più urgente il ritorno in classe. Noem ritiene inoltre che non sia necessario richiedere mascherine per i bambini, ma consente alle giurisdizioni locali di prendere le proprie decisioni in merito. È preoccupata che le mascherine creino più problemi per i bambini: Toccano costantemente (la mascherina), la tolgono, la lasciano cadere sul pavimento. Tutti questi fattori aumentano i tassi di infezione e non è certamente un ambiente che li aiuterà a rimanere al sicuro“.
 
Anche la Svezia non ha imposto l’uso di mascherine in pubblico a causa della mancanza di prove a sostegno della loro efficacia e di altri problemi presentati dall’uso diffuso della mascherine. Sia Tegnell che Noem credono che un effetto collaterale del mascheramento obbligatorio e diffuso stia oscurando i problemi epidemiologici: favorire l’idea che ci siano soluzioni facili, che a sua volta fomenta ulteriori problemi.
 
Nonostante le libertà concesse, il Sud Dakota e la Svezia hanno osservato bassi tassi di infezione e mortalità rispetto ai loro stati e Paesi vicini. Sebbene il numero di casi sia aumentato, i decessi rimangono ancora bassi ed entrambe le economie stanno andando bene. Si ritiene inoltre che Stoccolma sia uno dei primi posti al mondo ad aver ottenuto l’immunità di gregge.

# Il South Dakota e la Svezia hanno avuto vantaggi economici difendendo la libertà individuale

Man mano che emergono più dati economici e finanziari, i trionfi economici sia del Sud Dakota che della Svezia stanno diventando evidenti. Anche se non possiamo trarre conclusioni definitive a questo punto, anche adesso è abbastanza chiaro che gli Stati che hanno imposto lockdown rigorosi stanno comparativamente affrontando difficoltà economiche maggiori di quelli che non lo hanno fatto.
 
Nel suo primo trimestre, il Bureau of Economic Analysis ha rilevato che il PIL del Sud Dakota si è ridotto solo del 2,2%. Questa percentuale è inferiore al calo del PIL del primo trimestre degli Stati Uniti del 5% e del secondo trimestre, che è sceso più in profondità di circa il 32,9%. La Svezia, anche dopo aver annunciato che non ci sarebbe stato un blocco totale, ha registrato un aumento del PIL del primo trimestre dello 0,1%.
 
Si prevede che la crescita del PIL della Svezia per l’anno che si è concluso al 2020 sarà compresa tra -5,3% e -7,8% a seconda della fonte. Il PIL degli Stati Uniti dovrebbe ridursi di circa il 7,3-8,5% e il Regno Unito di uno scoraggiante 11-14%. Tra aprile e giugno, l’economia svedese si è contratta dell’8,6%, che è ancora al di sotto dell’11,6% dell’Unione europea, del 18,5% della Spagna e del 13,8% della Francia.

# Il tasso di disoccupazione costantemente al di sotto della media nazionale.

Tasso di disoccupazione
Anche il mercato del lavoro del South Dakota è rimbalzato e il suo tasso di disoccupazione è rimasto costantemente al di sotto della media nazionale.  Secondo la Fed di Minneapolis, il South Dakota ha anche avuto il minor numero di perdite di posti di lavoro a basso reddito di qualsiasi stato nella sua regione.
 
Il tasso di disoccupazione del South Dakota ha raggiunto il suo apice ad aprile al 10,9%, ma da allora è sceso al 6% a luglio

# Impatto sul turismo: solo al terzo posto per calo delle prenotazioni

Mentre altri stati stanno registrando un calo significativo del turismo, il Dakota del Sud ha dovuto affrontare il terzo calo più basso delle prenotazioni nazionali dietro Montana e Wyoming. Il governatore Noem ha riconosciuto il risultato del Dakota del Sud, commentando che la vita in città non è perfetta, invitando persone da tutto il mondo a visitare il South Dakota.

La tabella seguente confronta otto stati con diversi indici di “restrizione delle misure” e mira a mostrare le diverse metriche che possono essere correlate con il rigore dello stato. L’indice di severità mostra i livelli di gravità degli stati in risposta al Covid-19 su una scala da 0 a 100, dove 100 è il più grave.

A differenza del Dakota del Sud, stati tra cui Washington, Oregon, Maine, New York, California e Idaho hanno scelto di implementare molte politiche di restrizione Covid tra cui ordini di soggiorno a domicilio e mascheramento interno obbligatorio, tuttavia hanno registrato un numero più elevato di casi e decessi pro capite. L’Oregon e l’Idaho hanno visto quasi il doppio dei casi di Covid-19, più del doppio dei decessi e tassi di mortalità più elevati rispetto al Dakota del Sud. Il PIL dell’Oregon nel primo trimestre è diminuito del 4,4% e quello dell’Idaho del 4,1% (rispetto al calo del 2,2% del Dakota del Sud).

L’agricoltura è l’industria principale per Oregon e Dakota del Sud. L’industria agricola del Dakota del Sud ha registrato un aumento dello 0,67% nel primo trimestre, mentre quella dell’Oregon è diminuita dello 0,13% e quella dell’Idaho del -0,57%. Anche i prezzi delle azioni delle tre principali società dell’Oregon, Intel, Nike e Columbia Sportswear, sono crollati.

Sebbene il Maine abbia mantenuto un basso tasso di infezione, l’economia dello stato sta soffrendo con un calo del PIL del primo trimestre 2020 del -6,30% e un tasso di disoccupazione leggermente superiore del 6,50% (rispetto al 6,30% del Sud Dakota).

# Il tasso di disoccupazione tra gli Stati americani premia sempre il Dakota del Sud

Tasso di disoccupazione mese per mese tra gli Stati americani

Anche i tassi di disoccupazione mese per mese differiscono tra gli stati. La disoccupazione dell’Oregon ha raggiunto il picco ad aprile del 14,9%, che è superiore sia al picco del 14,7% negli Stati Uniti nell’aprile 2020 che a quello del Dakota del Sud del 10,9%. L’Iowa, anch’esso mai in lockdoen, mostra un tasso di disoccupazione basso, vicino al South Dakota’s. La California ha subito un tasso di disoccupazione che ha raggiunto il 16,4%.

Sebbene solo lo 0,7% della popolazione dell’Oregon sia stato malato di coronavirus, il danno al PIL e l’elevata disoccupazione potrebbero nel tempo superare la loro relativa mitigazione del Covid-19. Il Dakota del Sud e l’Iowa, con tassi di infezione leggermente più elevati, stanno registrando risultati economici più robusti e minori effetti sociali.
 
Incoraggiare la raccolta e la diffusione di informazioni locali, al fine di facilitare le valutazioni personali del rischio – incoraggiando nel contempo le persone veramente vulnerabili a proteggersi – sta producendo migliori risultati economici e sociali: nel Sud Dakota rispetto ad altri stati degli Stati Uniti, e in Svezia tra nazioni.

# I lockdown hanno provocato costi economici e sociali enormi supereranno nel tempo i benefici

I lockdown percepiti hanno provocato costi economici e sociali enormi che, è sempre più chiaro, sono superiori e nel tempo continueranno a superare i loro presunti benefici. Tra quelli difficili da vedere e i costi a lungo termine: risultati scolastici diffusi e inferiori alla media; genitori e famiglie allargate che sacrificano lavoro e consumi per prendersi cura dei bambini; disoccupazione di lunga durata e sottoccupazione; la distruzione irrevocabile di capitali e know-how; aumento dei tassi di divorzio; abusi su minori e coniugi; dipendenza (abuso di alcol e droghe) e aumento del tasso di suicidio.
 
I cittadini del Dakota del Sud e gli svedesi, tuttavia, hanno capito che i costi delle rigorose politiche sul coronavirus sono immensi rispetto ai benefici. Tutti gli stati tranne sette hanno emesso ordinanze di stop alla circolazione, e gli Stati Uniti stanno sostenendo i costi ad essi associati. Il Bureau of Economic Analysis stima attualmente che il PIL degli Stati Uniti nel secondo trimestre del 2020 sia diminuito di un incredibile 32,9%. Ora più che mai, gli americani devono seguire e citare gli esempi forniti sia dal Sud Dakota in patria che dalla Svezia all’estero: esempi intrisi delle nostre tradizioni fondanti di libertà, fiducia e buon senso.
 
 
 

MILANO CITTÀ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato