🔴 I lombardi restano al guinzaglio: almeno altre due settimane di MASCHERINE OBBLIGATORIE anche all’aperto (unici al mondo)

La Regione giudica i lombardi incapaci di intendere e di volere, imponendo l'obbligo di mascherina pure se si trovano all'aperto da soli. Siamo davvero così incapaci? O chi ha dimostrato incapacità è proprio chi ci obbliga a questa ennesima imposizione?

Lugano - Oltre la frontiera si trova un popolo trattato da adulti

Dopo quello del tasso di letalità da coronavirus la Regione Lombardia segna un nuovo primato: resta l’unico luogo al mondo dove i cittadini sono obbligati a tenere la mascherina anche se all’aperto da soli

Leggi anche: 🔴 Coronavirus: l’incredibile record della LOMBARDIA. Il resto d’Italia meglio di Svezia e Olanda

Procediamo con ordine. Regione Lombardia conferma il via libera a musei, ristoranti, bar, parrucchieri, centri estetici e molte altre attività commerciali. Disco verde anche alle funzioni religiose. Palestre e piscine saranno invece riaperte il 25 maggio.

Sarà obbligatoria la misurazione della temperatura per i clienti dei ristoranti.
Per il resto si seguiranno le indicazioni previste dalle linee guida delle Regioni indicate ieri al Governo.

Sotto il profilo della sicurezza non ci sono novità di rilievo sulla gestione dei contagi: manca ancora un sistema organizzato di test, tracciamento e trattamento dei positivi come è stato attivato con successo in altri paesi e in altre regioni. Una gestione che ha sollevato critiche e polemiche per il record di mortalità nei dati ufficiali della pandemia del coronavirus, effetto secondo molti di errori nelle RSA e negli ospedali da parte della Regione. A fronte di una gestione deficitaria, Regione Lombardia invece insiste a rovesciare sui cittadini le sue inefficienze, costringendoli a imposizioni sulla loro libertà che non hanno eguali nei paesi civili. 

A differenza di quanto stabilito dal governo, infatti, il Presidente Fontana sembra intenzionato di mantenere l’obbligo di mascherine all’aperto su tutto il territorio. Decisione che rende la Lombardia l’unico luogo a prevedere una simile imposizione. E questo accade malgrado ancora l’insufficiente fornitura di mascherine a prezzo calmierato e le numerose critiche a una misura giudicata in esterno non solo inutile ma da alcuni perfino dannosa.

Dopo aver lasciato a lungo durante l’emergenza privi di materiali di protezione pure medici e personale sanitario negli ospedali e nelle RSA, sembra una beffa ora, in piena fase due, l’obbligo per i cittadini di una misura che solo fino a qualche mese fa Regione Lombardia non riusciva a fare adottare neppure nei luoghi dei focolai. 

Leggi anche: CHI, DOVE E PERCHÈ è morto di CORONAVIRUS: il 99% aveva più di 50 anni, il 97% aveva patologie pregresse

Chi non è stato capace di applicare “regole da ospedale” negli ospedali e nelle RSA, continua ad imporle ai cittadini nella loro vita quotidiana. E questo ennesimo strappo rispetto a quanto viene fatto nel resto del mondo e nel resto d’Italia, rappresenta un’altra forma di umiliazione verso i lombardi che vengono privati di libertà che solo a pochi chilometri di distanza sono patrimonio inderogabile dei cittadini. Libertà anche elementari come il diritto di scegliere se indossare o non indossare una mascherina quando si è all’aperto lontano dagli altri.

Lugano 15 maggio:

Pubblicato da Michele Ficara Manganelli su Giovedì 14 maggio 2020

Berlino 15 maggio:

Davanti a Francucci Ristorante ora, uno dei ristoranti italiani a Berlino che oggi hanno riaperto. Si legge il menù o guardando le vetrate su cui è scritto il menù o con il QR code dal cellulare, si ordina e si ritira il pasto dal bancone. Tavoli a due metri di distanza e igienizzatori ovunque. La terrazza è piena.

Pubblicato da Berlino Magazine su Venerdì 15 maggio 2020

Leggi anche: La Danza delle MASCHERINE: prima “inutili”, ora obbligatorie anche all’aperto. E’ una restrizione sensata? Per capirlo guardiamo cosa fanno negli altri Paesi più colpiti
Psicologia: siamo affetti da “Sindrome della CAPANNA”?
La gestione del COVID e dei suoi effetti: l’Italia a confronto con gli altri paesi. Siamo tra i MIGLIORI o tra i PEGGIORI?
Milano è la città al mondo dove i cittadini si stanno MUOVENDO DI MENO (Economist – City Mapper)

MILANO CITTA’ STATO 

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

 
 

 

 

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


close

I nostri articoli sono interessanti?

Da adesso puoi ricevere in email i nuovi articoli di Milano Città Stato... scegli tu la frequenza!

Facendo click sul bottone "Iscriviti" accetti di ricevere via email le newsletter di Milano Città Stato. I tuoi dati saranno trattati in conformità alla normativa GDPR (link privacy)