“Vietato l’ingresso all’ALTRO SESSO”: i luoghi inaccessibili alle donne o agli uomini

Una rassegna di luoghi impossibili da visitare per donne o uomini

credits: dire.it

Pensare che all’alba del 2022 ci siano ancora luoghi dove persone che appartengono a un determinato genere non possono accedervi potrebbe sembrare assurdo, eppure è così. Motivazioni maschiliste e religiose? Forse. Spesso però la vera ragione la si ritrova in antiche tradizioni, legate a preconcetti e pregiudizi, che sono rimaste nel bagaglio culturale di un gruppo o una popolazione e continuano a rimanere legate a quei luoghi.

Scopriamo, dunque, quali sono questi luoghi inaccessibili e il motivo da cui nasce tale divieto d’ingresso.


“Vietato l’ingresso all’ALTRO SESSO”: i luoghi inaccessibili alle donne o agli uomini

# Il Monte Athos: niente donne per i monaci, solo GATTE

credits: monastero di bose

In Grecia, si trova un monte antichissimo su cui vi sono costruiti 20 monasteri dell’Agion Oros, La Sacra Montagna. Qui vivono dei monaci che rappresentano i guardiani dell’ortodossia e vietano l’ingresso in questo splendido complesso arroccato alle donne. Il motivo lo si trova nelle storie popolari sul monte: si narra che questa zona venne attraversata dalla Madonna, la quale rimase così colpita dalla bellezza di questo luogo che vi fece costruire un santuario. Il monastero è dunque dedicato alla Vergine Maria e i monaci hanno posto il divieto d’accesso alle donne per paura di poter cadere in tentazione.

Questa regola vige dal 1046 e vieta l’ingresso anche agli animali di sesso femminile, tranne le gatte per cui viene fatta un’eccezione.

# La foresta di mangrovie: VESTITI (e uomini) non sono ammessi

credits: @laurazago_lz su IG

Al contrario della Grecia, la foresta di mangrovie in Indonesia è un luogo riservato alle sole donne. La foresta è un punto di ritrovo in cui generazioni di donne si sono sempre ritrovate per condividere storie e raccogliere vongole. Tuttavia, queste donne hanno una sola regola da rispettare: non devono assolutamente indossare vestiti. La tradizione vuole che gli indumenti vengano tolti una volta giunte al fiume per raccogliere le vongole. È forse questo il motivo per cui l’accesso è vietato agli uomini, i quali rischiano multe fino a 1 milione di rupie indonesiane, l’equivalente di circa 60 euro.



# La spiaggia di TRIESTE: da una parte donne e bambini, dall’altra gli uomini

credits: dire.it

Anche l’Italia ha la sua discriminazione in base al sesso. Si chiama “El pedocin” o “Spaggia della Lanterna” ed è, con molta probabilità, l’ultimo stabilimento balneare in Europa a presentare questa divisione. In questa spiaggia si può trovare un muro divisorio che separa la parte per donne e bambini fino a 12 anni e la parte solo per gli uomini. Il muro venne costruito nel 1903 come dispositivo per la privacy, salvaguardando il gentil sesso da sguardi indiscreti ed è rimasto tutt’oggi. Le donne triestine non sembrano infastidite dalla separazione, anzi permette loro di potersi godere il mare più liberamente e scacciare la timidezza.

In realtà, il muro termina nell’acqua a pochi metri dalla spiaggia, di conseguenza i guardoni possono semplicemente nuotare un po’ più in là per poter sbirciare.

# STADI in Iran: niente partite di club per le donne, accesso solo per la nazionale

credits: La Stampa

Fino al 2019, le donne iraniane non potevano mettere piede dentro a uno stadio, nemmeno se accompagnata dal marito o da un familiare. Ora le cose sono cambiate, grazie ad un’apertura da parte del governo moderato del presidente Hassan Rohani, ma per loro rimane comunque un divieto: niente partite di club. Non possono stare a contatto con uomini non parenti e per questa ragione l’ingresso non gli è consentito. L’unica eccezione è per le sfide della nazionale. 

# Seggi Elettorali a Città del Vaticano: solo per i CARDINALI (uomini)

credits: La Repubblica

Se le donne, a Città del Vaticano, non possono votare non può essere considerato un fatto sessista. Questo perché gli unici ad averne diritto sono i Cardinali, che per legge possono soltanto essere maschi al di sotto degli 80 anni, chiamati a votare ed eleggere il Papa durante il conclave.

In realtà, secondo quando rivelato da Il Messaggero, la questione del voto alle donne “sia una questione che si trascina da decenni e che era stata al centro di proteste da parte di religiose, teologhe, accademiche cattoliche” e sono anche state lanciate diverse petizioni.

# Okinoshima: riti di purificazione e bagni NUDI

credits: tribuneindia

In Giappone, un paese che ha conservato alcune tradizioni che a un occidentale appaiono sessiste, vi sono tanti luoghi interdetti alle donne, soprattutto durante le mestruazioni perché considerate impure. Tuttavia, c’è un luogo in cui solo le donne vi possono accedere. È l’isola di Okinoshima, al largo della città di Munakata. Qui, la divinità venerata è una donna, una dea del mare di nome Tagorihime. Questo spiega la presenza di sole donne sull’isola. L’accesso agli uomini, però, non è completamente vietato. Possono entrare e far visita all’isola solo a piccoli gruppi e dopo aver eseguito rituali di purificazione e facendo il bagno nudi.

Continua a leggere con: 7 rifugi mozzafiato, quasi inaccessibili sulle Alpi

SELENE MANGIAROTTI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Aukus, il patto anti-cinese di Usa, Uk e Australia che fa infuriare la Cina (e l’Europa)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.