VIAGGIARE a meno di 40 EURO al giorno? Qui è possibile

Viaggio immaginario all'insegna del risparmio

Credits: @traveltriangle Tallinn

Viaggiare, uno dei passatempi più belli di sempre, ma viaggiare ha sempre un costo e a volte si rinuncia anche ad un semplice weekend perché i prezzi sono troppo alti. Di solito bisogna giocare d’anticipo: prenotare un po’ di tempo prima e controllare tutti i siti di offerte, che ormai ce ne sono tantissimi. E poi dipende ovviamente da dove si vuole andare, Parigi non è la stessa cosa di Bucarest e Dubai è ben diversa da Madrid, in tutto e per tutto ma soprattutto nei prezzi.

Allora ecco le mete più economiche dove viaggiare (con circa 40 euro al giorno), prendendo spunto dal sito zingarate.com. 


VIAGGIARE a meno di 40 EURO al giorno? Qui è possibile

# Estonia, Lettonia e Lituania: 15 euro per dormire, 5 euro per mangiare

Credits: @traveltriangle
Tallinn

Iniziamo il nostro viaggio immaginario all’insegna dello scrocco e del risparmio in Europa. Il Vecchio Continente ha città bellissime, ma alcune di queste sono trascurate, un esempio? Quelle dell’Estonia, Lettonia e Lituania. L’Estonia combina paesaggi naturali con architetture eleganti. La sua capitale Tallinn è un posto da fiaba, con un centro storico dichiarato Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, ma anche altre città della Nazione sono degne di una visita. Parnu, Tartu o Viljandi, per citarne alcune. Qui, in Estonia, un soggiorno costa circa 15€, se si scelgono ostelli forse anche meno, e un pasto si aggira intorno ai 5€.

Non sono da meno la Lettonia e la Lituania. Con le magnifiche spiagge di sabbia bianca affacciate sul Mar Baltico e suggestivi borghi, nonché una capitale storica come Vilnius, vivere un giorno in Lituania sta sotto il budget prefissato di 40€ al giorno. In Lettonia, invece, assolutamente da visitare è la sua capitale Riga, con un centro storico e diverse attrazioni culturali che meritano e soggiorni economici che rendono la vacanza ancora più bella.

# Bosnia, Macedonia e Ucraina super low cost

Credits: @digitalnomadarch
Sarajevo

Rimanendo sempre in Europa, ma spostandoci verso l’Est, Ucraina, Macedonia e Bosnia Erzegovina sono le mete più economiche dove andare. Kiev, capitale dell’Ucraina, è veramente accessibile a tutti e un giorno in Macedonia, o tra le sue belle montagne o nella sua capitale Skopje, costerà non più di 40€. In Bosnia Erzegovina il budget invece si può anche abbassare. A Sarajevo dormire costa circa 20€ a notte e i prezzi del mangiare non superano i 10€.



# Serbia, Albania e la sorpresa del Kosovo

Ma si sa che l’Est è tutt’altro che caro e quindi a queste mete economiche si possono aggiungere anche la Serbia, dove riesci a soggiornare anche in centro città con veramente poco e mangiare con meno di 10€, e Albania. Sicuramente sottovalutato è il Kosovo, non tutti sanno che oltre a vivere con meno di 40€ al giorno, la natura, i boschi e le grandi cascate, e Prizren con i suoi monumenti e moschee patrimonio UNESCO rendono la vacanza in Kosovo unica.

# Le mete economiche in Asia: Laos e Vietnam a meno di 30 euro

Credits: @nakudoh
Laos

Abbandonando l’Europa e spostandoci verso l’Asia, anche se raggiungere le destinazioni sarà un po’ più lungo, non è detto che sia più costoso. Tra le mete assolutamente più economiche c’è il Laos, zona poco turistica e che quindi permette di godere tutta quell’autenticità che in altri posti si è persa. Qui si può spendere anche un massimo di 30€ e lo stesso budget lo si può avere in Vietnam, uno dei paesi più belli e affascinanti del sud-est asiatico.

Ma anche Cambogia e Thailandia non sono da meno con i prezzi. Se ormai la Thailandia è molto turistica, ci sono certe sue zone, come Koh Adang dove fare escursioni e immersioni, che non costano per niente tanto. Ovviamente qui bisognerà soggiornare in campeggi o ostelli.

# America Latina: Nicaragua e Guatemala sotto i 30 euro

Credits: @killaexpeditions
Perù

Quando si parla di America si pensa sempre agli Stati Uniti, dimenticandoci un po’ che c’è sempre un Sud America che vale la pena visitare, soprattutto perché lì la vita costa pochissimo. In questo caso il viaggio sarà sicuramente più costoso ma una volta arrivati sarà una vacanza al risparmio. Un patrimonio culturale millenario, una natura incontaminata, spiagge paradisiache, montagne, vulcani, ma anche tante città e villaggi particolari. In Sud America il budget si può anche abbassare. In Nicaragua non si spende più di 30€ al giorno, in Guatemala si va anche sotto i 20€ e in Perù con 30€ mangi e dormi tranquillamente. Anche la Bolivia è a buon mercato, con 20€ dormi comodamente e mangi abbondantemente.

# Finiamo il viaggio in Africa: dal Marocco all’Etiopia quasi tutta sotto il budget

Credits: @flaviofara
Etiopia

E arriviamo nel continente africano per concludere il nostro viaggio immaginario all’insegna del risparmio. Il Marocco è una delle mete più esotiche al mondo, un sogno anche per molti italiani, eppure non tutti sanno che non è per niente caro. Con le sue influenze berbere, arabe, africane ed europee, un soggiorno in una grande città costa circa 20€. Con la sua cultura, la storia, il cibo, la fauna selvatica anche un soggiorno in Etiopia è ben al di sotto del budget di 40€ al giorno. Infine c’è il Sud Africa, un po’ più caro, ma qui una macchina si può noleggiare per 20€ e un alloggio lo si paga intorno ai 15€.

Continua la lettura con: Fuga dalla LOMBARDIA: le METE scelte dai milanesi

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Superbonus 110%, è proroga fino al 2023: tutte le novità

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.