🛑 UK: “Basta LOCKDOWN, tratteremo il Covid come un’INFLUENZA”

Il chief medical officer Chris Whitty, responsabile della pandemia nel Regno Unito: "Il Covid-19 non andrà via, dovremo gestirlo come gestiamo l'influenza". Ecco cosa ha dichiarato

Credits: @piersallardycephotographer (INSTG)

Il chief medical officer Chris Whitty, responsabile della gestione della pandemia in Gran Bretagna, ha fatto un importante annuncio che potrebbe cambiare il modo di affrontare il Covid in tutto il mondo. Ecco le sue dichiarazioni.

UK: “Basta LOCKDOWN, tratteremo il Covid come un’INFLUENZA”

# Il chief medical officer Chris Whitty: “Il Covid-19 non andrà via, dovremo gestirlo come gestiamo l’influenza”

Credits:
chriswhitty_uk IG – Chief medical officer Chris Whitty

La linea del governo britannico è proseguire a pieno ritmo con la campagna di vaccinazione per mantenere le promessa di eliminare tutte le restrizioni e le regole del distanziamento sociale dal 21 giugno e far ritornare la vita dei cittadini alla normalità. La strategia sta portando i risultati sperati: nell’ultimo bollettino si sono registrati solo 3.402 nuovi casi e 52 decessi. Il chief medical officer Chris Whitty, responsabile della pandemia nel Regno Unito insieme al chief scientific adviser Patrick Vallance, parlando durante un webinar della Royal School of Medicine dice che il Covid dovrà poi essere gestito come un’influenza: “Il Covid-19 non andrà via, è chiaro che dovremo gestirlo, a un certo punto, un po’ come gestiamo l’influenza“. Aggiungendo che “ogni anno, tra i 7.000 e i 9.000 cittadini muoiono di influenza, la maggior parte dei quali sono molto anziani, e ogni pochi anni si ha un anno influenzale negativo in cui muoiono dalle 20 alle 25mila persone. L’ultima volta che è successo è stato tre anni fa e nessuno se ne è accorto“.


# I lockdown non andranno più usati come strategia per affrontare i virus, al massimo misure mirate e temporanee e contromisure mediche

credits: tg24.sky.it

Per questo Chris Whitty è convinto che come per l’influenza, che in un’alcune occasioni causa picchi di decessi senza che i cittadini lo sappiano, anche per il Covid in futuro non dovrà più essere messo in campo il lockdown: “Se l’anno prossimo dicessimo ‘possiamo affrontare l’influenza mettendo di nuovo tutti in lockdown durante l’inverno’, penso che la professione medica non sarebbe popolare tra il grande pubblico”. Concludendo che “dobbiamo trovare un equilibrio che mantenga i contagi e le vittime del coronavirus effettivamente a un livello basso, che minimizzi le morti come meglio possiamo, ma in un modo che la popolazione tolleri, attraverso contromisure mediche come i vaccini e, a tempo debito, i farmaci“. Secondo il suo parere si potrebbero pensare “misure mirate e temporanee, come la chiusura di scuole e università o impedire per alcuni periodo le visite nelle case di cura per anziani, ma senza lockdown.”

Fonte articolo: Europa Today

Continua la lettura con: Il trend della prossima ESTATE: le ISOLE Covid Free

FABIO MARCOMIN



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Spread the love

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here