🛑 REFERENDUM in Svizzera per mettere un LIMITE alla politica del GOVERNO sul Covid

Gli "amici della Costituzione" sono preoccupati per le possibili derive autoritarie del governo. Il 13 giugno è la data prevista per il voto


La Svizzera è il primo Paese al mondo a sottoporre le norme legate al Covid a un voto popolare a livello nazionale. I sostenitori del referendum preoccupati per le possibili derive autoritarie del governo. Il 13 giugno è la data prevista per il voto.

REFERENDUM in Svizzera per mettere un LIMITE alla politica del GOVERNO sul Covid

# Raccolte oltre 90.000 firme raccolte per il referendum contro la legge sulla gestione della pandemia


Una decisione parlamentare, nel sistema della democrazia diretta elvetico, può essere impugnata e sottoposta a voto popolare se entro 100 giorni dall’approvazione del Parlamento vengono raccolte almeno 50.000 firme valide. Per poter votare contro la legge introdotta a settembre, che contiene una vasta serie di misure volte a lottare contro il diffondersi della pandemia di Covid-19, ne sono state raccolte oltre 90.000 da diversi comitati cittadini. Con il lancio di un referendum di norma viene posticipata l’entrata in vigore di una legge, mentre “un rifiuto alle urne equivale a un veto contro la decisione parlamentare.”

# L’obiettivo della legge nazionale per il contenimento della diffusione del Covid-19

L’obiettivo della legge, formata all’inizio da 14 articoli separati e poi emendata in più occasioni, era quello di costruire una forte base legale a supporto delle scelte operate dal governo tra la metà di marzo fino alla metà di giugno del 2020, senza il consueto coinvolgimento del Parlamento. Gli aspetti toccati dalla legge riguardano “le spese sanitarie, protezione dei lavoratori, asilo e chiusura delle frontiere, cultura, sport, così come i media e i diritti dei cittadini” oltre al sostegno finanziario ad aziende e lavoratori colpiti dalle restrizioni. “La legge è limitata fino alla fine del 2021 e conferisce al governo la facoltà di reintrodurre lo stato di emergenza qualora necessario, ma solo dopo essersi consultato con il Parlamento, le autorità dei 26 Cantoni, le organizzazioni padronali e i sindacati.”

Leggi anche: “Covid? Non è stato un cigno nero: la pandemia apre una nuova guerra fredda”



# I sostenitori del referendum, gli “amici della Costituzione”, preoccupati per le possibili derive autoritarie del governo

Credits: secondowelfare.it

I sostenitori del referendum, “gli amici della Costituzione”, trovano ingiustificata l’introduzione delle chiusure di negozi e ristoranti, le restrizioni della libertà di riunione o l’obbligo di indossare una mascherina nonostante il numero esiguo di decessi causati dal Covid. Ritengono inoltre che la legge non sia necessaria in quanto non servirebbero poteri aggiuntivi in capo al governo per adottare delle misure di contenimento della pandemia e si dicono preoccupati che questa possa essere un precedente che potrebbe consentire di imporre in futuro un regime autoritario da parte del governo.  

Fonte: Swissinfo

Continua la lettura con: SVIZZERA: dalla riforma del 2020 un modello ancora più spinto di FEDERALISMO FISCALE

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe MURA MEDIEVALI di MILANO sono ancora osservabili in un unico tratto: DOVE?
Articolo successivo“Non sono stato io”
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.