Non è un miraggio: in mezzo al DESERTO c’è una CITTÀ (FANTASMA)

Era considerata la più ricca di tutta l'Africa

credits: @matth_morard IG

Quella che un tempo era una ridente cittadina turistica, oggi è sommersa dalla sabbia. Ma non per questo ha perso il suo fascino.

Scopriamo insieme perché é stata abbandonata.


Non è un miraggio: in mezzo al DESERTO c’è una CITTÀ (FANTASMA)

# Una città in mezzo al deserto

credits: @michis_wanderlust
IG

Siamo nel deserto del Namib, uno dei deserti più antichi del mondo vasto ben 55.000 chilometri quadrati e posizionato nella parte costiera della Namibia Occidentale. Tra le dune rossastre più alte del mondo, esattamente a quindici chilometri dalla città portuale di Lüderitz, si trova la città fantasma di Kolmanskop (Kolmanskuppe in tedesco), che letteralmente significa “la testa di Coleman”, forse in riferimento a un trasportatore di passaggio per queste terre desolate.

# L’Eldorado Africano

credits: @dinarbulatovshevat
IG

La sua è la storia di “un’economia perduta e un passato dimenticato“, racconta FanPage.
Un tempo, la cittadina di Kolmanskop era considerata la più ricca di tutta l’Africa: aveva energia elettrica, una stazione ferroviaria, lussuose case di pietra, casinò, scuole e ospedali, una fabbrica del ghiaccio, un teatro, un palazzetto dello sport e addirittura una pista da bowling. Ma aveva una cosa ancora più importante per le persone: i diamanti. Furono la sua ricchezza più grande, ma anche la sua rovina.

Fu l’operaio Zacharias Lewala a trovare un diamante mentre lavorava, agli inizi del Novecento. Da quel momento, la notizia si sparse e numerosi minatori provenienti da tutto il mondo, in particolare dalla Germania, viaggiarono verso questa cittadina per sfruttare tutto il suo potenziale e raccogliere la sua ricchezza.



# Tutto quello che l’uomo non vuole, la Terra lo reclama

credits: @mrdavids1
IG

Naturalmente, i diamanti non sono una risorsa infinita e con l’arrivo della Prima Guerra Mondiale ben presto Kolmanskop venne abbandonata e i suoi abitanti partirono per altre destinazioni. L’ultimo abitante lasciò Kolmanskop tra il 1956 e il 1960.
Oggi, la cittadina è diventata una vera e propria città fantasma, le sue antiche dimore sono state reclamate dalla sabbia rossa del deserto e dalla nebbia mattutina, creando un’atmosfera surreale, quasi fuori dal tempo.

Grazie al boom economico di Lüderitz nel 1980, Kolmanskop sta ritrovando un po’ di quella fama perduta in quanto si è riscoperto il suo potenziale turistico e storico, e ora è una tra le mete più ambite della Namibia.

Fonte: Il Messaggero

Continua a leggere con: La STAZIONE METRO FANTASMA di MADRID che fa “viaggiare” indietro nel tempo

SELENE MANGIAROTTI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Winter glamping, il campeggio di lusso anche d’inverno

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.