Le 10 CITTÀ più SOTTOVALUTATE in Europa

Dieci città poco considerate in Europa che vale assolutamente la pena di visitare in ordine di popolazione. Con Mappe

Credits andreazambelli__ IG - Amburgo

Le città, si sa, non vengono mai valutate allo stesso modo da chi le visita. C’è persino chi non ama Parigi, o chi preferisce Londra a New York City. Tutto è legittimo, anche il tifo per quella o per quell’altra destinazione, tenendo però in dovuto conto che la bellezza oggettiva di un luogo non si potrà mai negare sugli altarini delle simpatie e delle antipatie.

Vediamo dunque dieci città sottovalutate in Europa, che vale assolutamente la pena di visitare. Le passiamo solo in rassegna brevemente, lasciando a voi il compito di viverle a pieno.


Le elenchiamo in ordine crescente di popolazione, per non fare differenze.

Le 10 CITTÀ più SOTTOVALUTATE in Europa

#1 Karlovy Vary, Repubblica Ceca

Credits danilobarile IG – Karlovy Vary

Nella conservatissima Repubblica Ceca non solo Praga ha il fascino dell’omogeneo monumentale, ma anche questa cittadina dall’atmosfera fiabesca, tutta raccolta attorno al quartiere termale che costeggia il fiume, circondato da alte colline verdi. Edifici art-nouveau in successione che fanno da set perfetto per un film ambientato alla fine del secolo scorso.

 



#2 La Coruna, Spagna

Credits mntsmata IG – La Coruna

Isolata sulla punta nord-occidentale del paese, la splendida città di mare riesce a conquistare i cuori facilmente, grazie ai suoi palazzi dallo stile caratteristico, con balconi a vetri coperti, che le danno il soprannome di città di cristallo. C’è anche una collina con strade tortuose, c’è una baia di spiagge, c’è il faro romano sulla punta. Vi basta?

 

#3 Zurigo, Svizzera

Credits bzegial_swisstravel IG – Zurigo

Il paese vicino è più noto per la bellezza delle sue montagne che non per le sue città. Eppure la città elvetica più popolosa è un vero gioiello, che combina una posizione eccezionale all’ingresso di un lago, con le pendici periferiche che si arrampicano eleganti sulle cime delle colline circostanti. Il vecchio centro, giù, invece, è un dedalo di vecchie strade, chiese, balconate, mura e musei.

 

#4 Danzica, Polonia

Credits diegowanderlust77 IG – Danzica

Nel paese ci sono altre città più quotate, ma l’antica città libera ha un’estetica monumentale tutta personale, fatta di canali, di case altissime dal frontone triangolare, di fontane barocche, di chiese gotiche e di vecchi granai sul lungo fiume. Ricostruita, d’accordo, in larga parte, ma ormai ammantata di fascino permanente.

 

#5 Liverpool, Inghilterra

Credits mchlroberts0 IG – Liverpool

Ultimamente si fa un gran parlare di Manchester, eppure la rivale da sempre nel calcio (e non solo) si presenta in maniera eccelsa, sull’estuario del Mersey e con una lunga lista di monumenti bizzarri da visitare, come le due cattedrali sulla collina. Poi ci sono i Beatles, ovviamente, da inseguire al museo e nelle loro locations storiche.

 

#6 Lione, Francia

Credits dxdue IG – Lione

Città gemellata con Milano di cui non si sente mai parlare, per via del fatto che è oscurata da Parigi in tutto. Attenzione però che la collina ce l’ha anche Lione, anzi ne ha tante. Il fiume che divide il centro ce l’ha anche Lione, anzi ne ha due. Ha pure la stessa eleganza della ville lumière, e splende lungo viali alberati infiniti che vi faranno innamorare.

 

#7 Rotterdam, Paesi Bassi

Credits robert.tamborilero IG – Rotterdam

Contro Amsterdam la partita è probabilmente persa in partenza, ma la città olandese del sud ha un’immagine totalmente diversa, relegando i canali pittoreschi di case antiche in un paio di quartieri decentrati, e puntando sull’incredibile mix di ponti, impianti portuali, grattacieli e parchi che la rendono una tappa imperdibile di un viaggio nei Paesi Bassi.

 

#8 Belgrado, Serbia

Creditd emozioniinviaggio21 IG – Belgrado

Siamo alla confluenza di due grandi fiumi, la Sava e il Danubio, siamo in un paese che è rimasto isolato in Europa e che per questo paga anche turisticamente con affluenze sicuramente ridotte rispetto al potenziale di questa città grandiosamente decadente, tra colline che digradano verso gli argini, vecchie fortezze, l’impronta asburgica dell’austerità, una vita notturna strabiliante.

 

#9 Amburgo, Germania

Credits andreazambelli__ IG – Amburgo

Il più grande porto d’Europa nasconde alla vista una città incredibile, mai abbastanza valutata per la sua varietà di paesaggi urbani. Si va dall’enorme lago contornato dal ville nel verde ai canali della città dei magazzini, dall’eleganza monumentale degli spazi aperti del centro alla vivacità notturna di St.Pauli fino all’atmosfera paesana del distretto di Altona.

 

#10 Kiev, Ucraina

Credits grigoriypob IG – Kiev

Un paese ultimamente in ombra, per via del conflitto tuttora in corso nei suoi territori contesi del Donbass. Ma la capitale è sicura nella sua immagine di città sorprendente. Anche qui, come in altre destinazioni sottovalutate, abbiamo quegli elementi che da soli contribuiscono a rendere una location affascinante: il fiume e la collina, a cui aggiungiamo la monumentalità sovietica, le chiese dalle cupole a bulbo, le bancarelle di cibo di strada, il fascino dei luoghi sospesi a metà.

Continua la lettura con: La città SOTTERRANEA più grande al MONDO

LORENZO ZUCCHI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Il vecchio Gigi Buffon vuole i mondiali

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.