L’anno Covid visto da Forbes: i SUPER RICCHI sempre più ricchi. PECHINO capitale della ricchezza mondiale

Rispetto al 2020 ci sono 660 miliardari in più. L'86% di tutti i miliardari è più ricco di un anno fa. In Italia nella top 10 molti milanesi

Credits: forbes.com

Rispetto al 2020 ci sono 660 miliardari in più. Gli USA detengono il record per il numero di miliardari, ma è Pechino la capitale mondiale dei ricchi. Ecco la top ten e la posizione degli italiani.

L’anno Covid visto da Forbes: i SUPER RICCHI sempre più ricchi. PECHINO capitale della ricchezza mondiale

# Rispetto al 2020 ci sono 660 miliardari in più, il patrimonio complessivo detenuto è passato da 8 a 13,1 trilioni di dollari

Credits: for
bes.com

Il numero di miliardari nella 35esima edizione della lista annuale di Forbes dei più ricchi del mondo è cresciuto in modo vertiginoso da 2.095 del 2020 ai 2.755, segnando un più 660. Tutti insieme valgono 13,1 trilioni di dollari, contro gli 8 trilioni di dollari dell’anno scorso. Complessivamente, l’86% di tutti i miliardari è più ricco di un anno fa. La nuova arrivata più ricca, con 38,2 miliardi di dollari, è Miriam Adelson del Nevada, che ha ereditato l’impero dei casinò di suo marito Sheldon Adelson dopo la sua morte a gennaio.


# Gli USA detengono il record per il numero di miliardari, ma è Pechino la capitale mondiale dei ricchi

Credits: forbes.com – Mappa milionari

Dei 493 nuovi miliardari diversi hanno investito nei settori delle criptovalute, IPO tradizionali e in business legati all’assistenza sanitaria correlata al Covid. Gli Stati Uniti hanno ancora più miliardari di qualsiasi altro Paese, 724 rispetto ai 614 del 2020, ma la Cina sta colmando il divario con 698. Questa tendenza è testimoniata da Pechino che ospita più miliardari che in qualsiasi parte del mondo, superando New York.

# Il più ricco al mondo è sempre Jeff Bezos, proprietario di Amazon, sul podio Elon Musk e Bernard Arnault. Nella top ten ben 7 sono americani

Credits: forbes.com

Jeff Bezos per il quarto anno consecutivo è la persona più ricca del mondo, per un valore di 177 miliardi di dollari, con un aumento di 64 miliardi di dollari rispetto a un anno in seguito alla crescita del valore nominale delle azioni di Amazon. Al secondo posto Elon Musk, fondatore e proprietario di Tesla e SpaceX che l’anno scorso ha scazato Bill Gates, con un patrimonio di 151 milioni di dollari. Sul gradino più basso del podio l’imprenditore francese Bernard Arnault del gruppo LVMH con un capitale di 150 milioni di dollari. Scende dalla top 3 il fondatore di Microsoft Bill Gates a quota 124 milioni di dollari. Al quinto posto troviamo Mark Zuckerberg, patron di Facebook, con 97 milioni di dollari di patrimonio, a seguire Warren Buffet con 96 milioni di dollari e per anni al primo posto in classifica e Larry Ellison cofondatore e CTO di Oracle che si ferma a 93 milioni. Negli ultimi 3 posti della top ten ci sono i due cofondatori di Google Larry Page e Sergey Brin che detiengono rispettivamente un patrimonio di 91,5  e 89 milioni di dollari e per finire l’imprenditore e investitore indiano Mukesh Ambani a quota 84,5 milioni di dollari.

Fonte: Forbes



# E gli italiani in che posizione si trovano? Leonardo del Vecchio sempre in cima alla classifica in Italia, Giorgio Armani sul podio

Anche in Italia si è registrata una crescita, ci sono 46 miliardari di cui 12 donne per un patrimonio combinato di circa 150,7 miliardi di dollari. Considerando però anche chi ha residenza all’estero, sono in totale 51 i miliardari con cittadinanza italiana, con un patrimonio combinato di 204,5 miliardi di dollari. Al primo posto in Italia troviamo il milanese Leonardo Del Vecchio fondatore di Luxottica, che nel 2018 si è fusa con la francese Essilor, con un patrimonio netto di 25,8 miliardi di dollari al 62esimo posto nella classifica mondiale. Sulla seconda piazza italiana con 9,1 miliardi di dollari Massimiliana Landini Aleotti, proprietaria dell’azienda farmaceutica Menarini con sede a Firenze, alla posizione numero 265 al mondo. Sul terzo gradino del podio italiano lo stilista milanese d’adozione Giorgio Armani che con 7,7 miliardi di dollari si trova al numero 323 della classifica globale. Al quarto posto l’imprenditore milanese Silvio Berlusconi con 7,6 miliardi, alla posizione 327 nel mondo. Nella top ten italiana troviamo altri milanesi: Miuccia Prada proprietaria insieme al marito Patrizio Bertelli della maison di moda e Luca Garavoglia presidente di Campari. Al 29 e 30 posto le nuove proprietarie di Esselunga, la seconda moglie del fondatore Bernardo e la figlia Marina con 1,7 miliardi a testa.

Fonte: Forbes Italia

Continua la lettura con: I SUPER RICCHI: MUSK supera Gates. E in ITALIA?

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteA Milano il nuovo DISTRETTO dedicato al FUMETTO
Articolo successivoLe NUOVE ROTTE di Ryan Air e Wizz Air da LINATE
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.