La STAZIONE più BELLA d’EUROPA diventa HOTEL di LUSSO

Il "Titanic delle montagne", testimone di una storia da non dimenticare

Credits: itagnol.com Canfranc

Testimone di un pezzo di storia da non dimenticare, ma neanche da replicare, oggetto di leggende di ogni genere, in Europa c’è una stazione, quella che voleva essere la più bella d’Europa, che si prepara a trasformarsi.

La STAZIONE più BELLA d’EUROPA diventa HOTEL di LUSSO

# Canfranc “il Titanic delle montagne”

Credits: turismodearagon.com
Canfranc

Stiamo parlando della stazione di Canfranc, nel comune Huesca in Aragona. A circa 1000 metri sopra il livello del mare, la ferrovia è conosciuta come il “Titanic delle montagne”, il mausoleo dei Pirenei. La stazione, abbandonata ormai da poco più di cinquant’anni, è stata testimone di alcuni episodi della Seconda Guerra Mondiale. Episodi certamente esagerati da dicerie e leggende, ma che trovano un fondo di verità nelle fonti storiche.


Canfranc è stata infatti usata dal regime franchista come luogo di scambio di tungsteno, materiale necessario per la costruzione di carri armati, con oro nazista. Ma non solo, si dice che fu via di fuga per gli ebrei durante le persecuzioni francesi a Vichy. Storia non accertata, ma sembrerebbe che comunque alcuni ebrei la usarono come passaggio per scappare. Una stazione quindi ricca di storia, ma una storia che non è bastata a valorizzarla e rendere la stazione abbastanza importante da non essere abbandonata. Luogo ora anche in parte turistico per la sua archeologia industriale, quest’anno la stazione si prepara a trasformarsi in un hotel di lusso.

# Il passo da stazione ad hotel

Credits: tag43.it
interno vecchia stazione Canfranc

El Canfranc fu costruita per eguagliare le grandi cattedrali ferroviarie europee. Ideata già nel 1853, fu realizzata solamente nel 1928 e abbandonata poco più di 50 anni dopo. Doveva diventare una delle stazioni più belle d’Europa, non c’era riuscita, ma forse ci riuscirà ora. Con un investimento di 27 milioni di euro, di cui 12 finanziati dallo stato, la stazione sarà trasformata in un albergo lussuoso da 124 camere. I lavori dovrebbero terminare l’anno prossimo. I

l nuovo hotel manterrà pressoché la facciata della stazione con le sue 365 finestre e la banchina lunga 200 metri, mentre l’interno cambierà di molto. Si costruirà un centro congressi da 200 posti, un museo ferroviario, negozi e un rifugio per i pellegrini impegnati nel cammino di Santiago de Compostela.



# Il sogno del collegamento con la Francia

Credits: pinterest.com
Canfranc

Ma come riporta tag43.it il progetto per la riqualificazione di Canfranc non termina qui. Perché se la vecchia stazione sarà riammodernata ad hotel, la regione vuole provare a riaprire lo scambio con la Francia che aveva reso, ai tempi, la stazione tanto importante. Davanti a quello che sarà il nuovo hotel, è stata infatti realizzata una nuova stazione che, per ora, è il capolinea della tratta per Saragozza, ma che spera di riaprire il collegamento internazionale. L’idea è quella di riattivare il tunnel del Somport così da collegare Saragozza a Canfranc a Pau, Francia.

Continua la lettura con: Tra le più belle d’Europa c’è anche una STAZIONE ITALIANA. Ma non è quella che pensate

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.