Bere un cocktail nel BAR più GRANDE del mondo. Ecco dove

Un bar grande quanto uno Stato

Credits: siviaggia.it Bar più grande del mondo Svezia

Detto così sembra che si entri in un enorme locale, invece, molto più semplicemente, grazie ad una iniziativa che segue quella già sviluppata per la ristorazione, i visitatori avranno modo di poter miscelare prodotti naturali colti direttamente nei boschi e nei prati di tutto il territorio svedese.

Bere un cocktail nel BAR più GRANDE del mondo. Ecco dove

# Una Costituzione che ama la natura

Credits: radiomontecarlo.net
Bar più grande del mondo Svezia

Il vagare liberamente su tutto il suolo svedese compreso il raccogliere bacche, funghi e vari ingredienti naturali è un diritto difeso nientedimeno che dalla Costituzione. Prendendo spunto da questa possibilità e sotto la guida di esperti barman, che metteranno a disposizione la loro arte dietro un bancone posto all’aperto in alcuni dei più suggestivi angoli del territorio, ogni avventore avrà modo di comporre il cocktail come preferisce. La base sarà quindi analcolica e solo su richiesta potrà essere aggiunto dell’alcool.


# Segue la fortunata iniziativa dell’Edible Country

Credits: siviaggia.it
Bar più grande del mondo Svezia

I 450 km quadrati dello Stato scandinavo si prestano perfettamente al Drinkable Country, iniziativa enogastronomica che segue la fortunata esperienza dell’Edible Country, il ristorante gourmet posizionato in boschi incontaminati, e rilancia la libertà concessa dalla Svezia per attrarre turisti che amano la natura in tutte le sue sfumature. Accamparsi in un bosco o su una delle tante isole semideserte dove è presente un banco del Drinkable Country e cercare quello che la natura offre. Tutto sotto la guida esperta dei barman che sapranno indicare, in base alla stagione, i migliori ingredienti per assaporare mix unici, freschissimi e con ingredienti genuini.

# Dove trovare un Drinkable Country?

Credits: siviaggia.it
Bar più grande del mondo Svezia

L’arcipelago di Stoccolma, Dalarna, Gävleborg, Sörmland, Värmland, Västsverige, Småland, Halland, Skåne e Gotland sono solo alcuni dei 20 siti dove poter trovare un bancone Drinkable Country. Ovviamente sarà possibile consumare prodotti già pronti e gustare alcune leccornie tipiche della zona, anche se l’attrazione vera e propria rimangono i frutti, i fiori e tutto quello che c’è di commestibile della flora scandinava.

 



Continua la lettura con: I segreti del BAR PIU’ PICCOLO del mondo: a Milano lungo il naviglio

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedenteLa STAZIONE più BELLA d’EUROPA diventa HOTEL di LUSSO
Articolo successivoLe 7 CITTÀ STRANIERE più SIMILI a Milano
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.