La PISTA di ATTERRAGGIO per gli UFO: un’idea anche per Milano?

In America si preparano all'arrivo degli alieni

Credits: @Jembé Viaggi pista ufo

Chissà quante volte ci siamo interrogati sull’esistenza di altre forme di vita nell’universo. Tante le dicerie, i racconti sulla presenza di questi “esseri” in qualche parte dello spazio. Fu addirittura l’aeronautica messicana ad annunciare, durante una conferenza stampa, di aver identificato con una telecamera a infrarossi, 11 oggetti volanti di identificazione incerta: UFO, insomma.

La PISTA di ATTERRAGGIO per gli UFO: un’idea anche per Milano?

Sul tema, però, da sempre co sono solo smentite. Tutti gli avvistamenti del passato, infatti, sembrerebbero riferirsi ad effetti ottici o fenomeni atmosferici prodotti dall’uomo e utilizzati in missioni segrete. Per non parlare poi della famosa Area 51, una base militare nel deserto del Nevada avvolta da una coltre di fitto mistero, nella quale, ritengono soprattutto i complottisti, siano conservate alcune navicelle extraterrestri e addirittura corpi di alieni. Ma l’alto livello di segretezza che si aggira attorno a questo luogo, peraltro solo velatamente ammesso, circa la sua esistenza, dal governo statunitense, alimenta ancora di più i dubbi e gli interrogativi sull’argomento.


# Una pista di atterraggio che aspetta navicelle aliene da più di 50 anni

Credits: @Jembé Viaggi
st. paul, Alberta

Questo non significa che si debba escludere l’esistenza di altre forme di vita nell’universo. A prepararsi infatti ad un’eventuale inaspettata “visita” degli alieni ci ha pensato il Canada. Il 3 Giugno del 1967 il ministro della difesa nazionale Paul Heyller inaugurò la prima pista di atterraggio per dischi volanti canadese e quasi sicuramente mondiale, a St. Paul, Alberta. La pista, con annessa targa d’accoglienza, è una piattaforma sopraelevata con incorporata la cartina del Canada formata da pietre provenienti da tutte le provincie.

Ciò che più colpisce però è il messaggio “umano” che sta dietro a questa costruzione, ovvero la certezza che l’umanità preserverà l’universo mantenendolo libero da guerre e conflitti. Tutti coloro che affronteranno i futuri viaggi nello spazio, compreso gli esseri intergalattici, potranno farlo in assoluta sicurezza e tutti i visitatori saranno ben accetti in questa città. Ad oggi non è stata riportata alcuna testimonianza di contatti con UFO, ma nell’eventualità questo dovesse accadere, sarebbero i ben accolti a St. Paul. D’altronde, nel sud della provincia, risiedevano quelle curiose creature, meglio identificate come dinosauri, di cui oggi abbiamo solo resti ossei.

# Una storia che ha del soprannaturale

Credits: @Jembé Viaggi
st. paul, Alberta

Non solo. La notte del 24 Novembre 2008, Werner Jaisli, arrivato a Cachi, una piccola città nella provincia argentina di Salta, famosa per gli appassionati di UFO in tutto il mondo, dichiarò di aver avuto un contatto “telepatico” con gli UFO, che gli suggerirono di costruire un porto per loro. A seguito di questo “incontro”, Werner iniziò a lavorare sul progetto a Forte Alto, una città poco distante da Cachi. Gli appassionati del tema visitano con grande entusiasmo questa zona, che è diventata, negli anni una vera e propria attrazione turistica.



# E se si facesse anche a Milano una pista per UFO?

Credits: @Jembé Viaggi
pista ufo

Immaginiamo di riproporre la stessa cosa a Milano. Ci sono delle grandi zone della città inutilizzate che potrebbero essere destinate alla costruzione di uno “spazioporto”, per definirlo con lo stesso nome usato dai predecessori che elaborarono questa idea, divenuta poi realtà. Magari realizzata dal nostro irriverente Cattelan, autore del famoso “dito medio” che impera in Piazza Affari. Maurizio Cattelan, conosciuto per le sue opere irriverenti e talvolta anche dissacranti, avrebbe certamente qualche idea originale per mettere in piedi un progetto così bizzarro. D’altra parte, si sa, Milano è una città all’avanguardia e non stupirebbe nessuno la realizzazione di una simile costruzione. E voi che ne pensate? Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua la lettura con: Gli UFO a Milano: negli ultimi 5 anni ci sono stati almeno 7 avvistamenti (Articoli e video)

FABIANA CRIVELLO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Nel Paese delle task force e dei “saggi”, dove si governa con i regi decreti

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.