La METRO spinta da un ventilatore, l’ascensore SPAZIALE e gli altri MEZZI di trasporto più PAZZI mai progettati

Un viaggio nella storia dei mezzi di trasporto più pazzi mai progettati

Credits stradadeiparachi - Ithacus

Un viaggio nella storia dei mezzi di trasporto più pazzi mai progettati. Ecco come ci si sarebbe potuti spostare.

La METRO spinta da un ventilatore, l’ascensore SPAZIALE e gli altri MEZZI di trasporto più PAZZI mai progettati

#1 La metropolitana pneumatica spinta da un enorme ventilatore

Credits spartan_seacrest_outlaw IG – Beach Pneumatic Transit

Alla fine del 1800 fu realizzata a New York, su progetto dell’inventore ed editore Alfred Beach, la prima metropolitana degli Stati Uniti. Basata sull’idea della ferrovia pnuematica rimase in funzione a livello dimostrativo per 3 anni, lungo un percorso di 95 metri sotto Broadway.


Per farla funzionare, un enorme ventilatore soprannominato il Tornado occidentale spingeva la carrozza con i passeggeri a bordo. Nonostante la vendita di circa 400.000 biglietti nelle prime due settimane, il progetto di estendere la linea per 8 chilometri fino a Central Park non riuscì a ottenere permessi e finanziamenti.

#2 Il marciapiede in movimento, l’antesignano dei “tapis roulant”

Credits stradadeiparchi – Marciapiede in movimento

Nel 1890 l’ingegnere Max Schmidt presentò alla Fiera mondiale di Chicago la prima passerella mobile composta da tre anelli concentrici, il primo fermo, il secondo in movimento a 4 km/h chilometri all’ora e il terzo a 8 km/h. In questo modo si consentiva ai pedoni di spostarsi a una velocità più bassa prima di passare a quella più veloce.

I funzionari di New York rimasero entusiasti a tal punto da proporre alcuni schemi di passerelle in città, tra cui uno sul Ponte di Brooklyn e un altro lungo Broadway, ma solo 50 anni dopo arrivarono negli aeroporti e nelle stazioni i primi “tapis roulant”.



#3 La monorotaia giroscopica

Credits stradadeiparachi – Monorotaia giroscopica

Poteva essere una delle invenzioni del secolo quella dell’irlandese Louis Brennan. Il 10 novembre 1909 diede la prima dimostrazione pubblica, all’interno del terreno della sua casa nel Regno Unito, della sua monorotaia giroscopica. Si trattava di un veicolo bilanciato da due giroscopi verticali montati fianco a fianco e ruotanti in direzioni opposte. In occasione del Japan-British Exhibition di Londra l’inventore fece viaggiare su una pista circolare alla velocità di oltre 30 km/h un’automobile monorotaia con 50 persone a bordo. Il progetto fu abbandonato quasi subito a causa degli alti costi richiesti per finanziarlo. 

#4 Aerotreno, un hovercraft su terra da oltre 400 km/h per l’alta velocità francese

Credits giscardpunk IG – Aérotrain

Aérotrain sarebbe dovuto essere il mezzo per l’alta velocità francese. Sviluppato in cinque prototipi attorno al 1965 era un “hovertrain” alimentato da turbocompressori, con il comfort e la velocità di un treno a levitazione magnetica, ma senza la complessità tecnica e la spesa. L’I-80 HV, la versione successiva rispetto ai primi modelli, riuscì anche a stabilire il record mondiale di velocità di 430,4 km/h per i veicoli hovercraft su terra. Purtroppo l’invenzione non ebbe successo e il governo francese scelse di adottare il TGV per la sua rete ferroviaria ad alta velocità.  

#5 Il missile intercontinentale Ithacus per trasportare i soldati americani

Credits stradadeiparachi – Ithacus

Ithacus era un colosso da 6400 tonnellate, alto 64 metri e alimentato da otto serbatoi di idrogeno progettato nel 1966 durante la guerra fredda. Sarebbe servito per ridurre la necessità di basi militari statunitensi all’estero visto che questo missile intercontinentale avrebbe potuto trasportare un battaglione di 1200 soldati. Non vide mai la luce perché avrebbe avuto bisogno di un trampolino di lancio personalizzato e di nuove scorte di idrogeno per ritornare alla base.

#6 Il Transit Elevated Bus, il primo autobus sopraelevato al mondo in grado di scorrere su binari

Credits india_and_jacob IG – Transit Elevated Bus

Il Transit Elevated Bus sarebbe dovuto essere il primo autobus sopraelevato al mondo in grado di scorrere su binari. Secondo i progettisti, che l’hanno ideato nel 2000, si sarebbero potute collegare quattro carrozze per creare un mega-treno in grado di trasportare 1600 passeggeri. Dopo il test su strada nel 2016 sembrava avviato a rivoluzionare il mondo del trasporto pubblico, ma le accuse di brogli finanziari hanno portato al definitivo abbandono.

#7 L’Ascensore spaziale, un’alternativa economica ai razzi

Credits focus.it – Ascensore spaziale

Uno dei mezzi di trasporto più avveniristici e utopistici mai progettati è sicuramente l’ascensore spaziale. Per farlo funzionare è previsto un cavo lungo almeno 3 volte il diametro della Terra, oltre l’orbita dei satelliti artificiali, con un contrappeso in cima in grado di annullare la forza di gravità grazie alla forza centrifuga della rotazione sincrona con la Terra. Pensato per essere un’alternativa economica alle navicelle per il trasporto di merci e persone nello spazio, la sua realizzazione rimane al momento solo un sogno.

La metropolitana pneumatica e il bus sopraelevato avrebbero potuto essere testati per il trasporto pubblico milanese.

Continua la lettura con: L’incredibile METRO-BUS: nella METROPOLITANA ci corrono gli AUTOBUS

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here