La “molletta”: il primo GRATTACIELO ARTISTICO (e l’opera d’arte più grande) del mondo

Clothespin Tower: non solo sarà l’opera d’arte più grande del mondo, ma anche il primo grattacielo artistico mai realizzato

credits: propertynews.ae IG

Dubai è famosa in tutto il mondo per il suo sfarzo e per i suoi eccentrici record mondiali, tra cui possiamo ricordare il grattacielo più alto, il centro commerciale più grande e l’albergo più lussuoso che conta ben 7 stelle. La città Emira si aggiudicherà anche un altro primato grazie alla Clothespin Tower che non solo sarà l’opera d’arte più grande del mondo, ma anche il primo grattacielo artistico mai realizzato. Scopriamo insieme di cosa si tratta!

La “molletta”: il primo GRATTACIELO ARTISTICO (e l’opera d’arte più grande) del mondo

# Zygo, l’artista che ha ideato l’iconica forma dell’edificio

credits: zygo_artist IG

Il grattacielo avrà la forma iconica di una molletta per il bucato, un semplice oggetto comune che racchiude un significato ben più profondo. L’idea nasce qualche anno fa dall’artista israeliano Zygo come simbolo di amore, pace e speranza.


Per anni l’artista si è limitato a raffigurarla tramite la pittura e la scultura, finchè, affiancato dall’imprenditore Jacob Shpingel, ha deciso di trasformarla in un grattacielo. Come lo stesso Zygo ha affermato: “incorporando speranza, amore e unione in un edificio, il nostro obiettivo è sviluppare il primo edificio vivente con un design altamente innovativo ed un ingegno all’avanguardia”.

# Un significato profondo dietro un oggetto comune

credits: zygo_artist IG

Dietro ad un oggetto di utilità quotidiana come la molletta da bucato si può trovare un messaggio di speranza e amore eterno. Le due metà della molletta si uniscono a creare un’unica forma ed un unico oggetto, proprio come due anime che si scelgono e si uniscono per sempre. Le due parti rappresentano delle metà complementari che, nella molletta da bucato, si fondono per sempre creando un’entità unica.

L’obiettivo di Zygo è quello di connettersi con le emozioni umane, di creare un simbolo di pace, speranza e amore eterno da diffondere in tutto il mondo, proprio attraverso l’imponente edificio.



# Gli sfarzosi interni dell’edificio a molletta

 
credits: gnfocus IG

“Se creo dal cuore, quasi tutto funziona; se creo dalla testa, quasi niente”. Sono queste le parole che l’artista sceglie per introdurre la sua torre sul sito ufficiale del progetto. L’edificio si svilupperà su 50 piani per un’altezza complessiva di 350 metri e gli interni seguiranno il concetto di complementarietà della molletta. Una parte sarà destinata a circa 300 appartamenti di lusso che i residenti potranno modificare in base alle proprie esigenze, l’altra invece ospiterà un magnifico albergo in cui gli artisti di tutto il mondo potranno progettare una camera ed in cambio battezzarla con il proprio nome.

La Clothespin Tower, il cui inizio di costruzione è previsto per il 2023, ospiterà inoltre boutique d’alta moda, gallerie d’arte, ristoranti e molto altro, i progetti di design infatti non mancano.

Continua a leggere: Il CASTELLO di CARTE di MILANO

CHIARA BARONE

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.