In Svezia i PALAZZI stile “Tesla”. Si costruiranno anche a MILANO?

Il futuro delle città, anzi del mondo, potrebbe essere rivoluzionato con i palazzi ricaricabili

Credit: focus.it

Il futuro delle città, anzi del mondo, potrebbe essere rivoluzionato con i palazzi ricaricabili.

In Svezia i PALAZZI stile “Tesla”. Si costruiranno anche a MILANO?

Dalla Svezia è stata messa a punto una “ricetta” per creare un cemento che sia in grado di accumulare energia. Gli impieghi possono essere tantissimi, ma tra i tanti quello che rivoluzionerebbe davvero la nostra quotidianità sono i palazzi ricaricabili: utilizzando infatti questo cemento, i muri, le pareti e i pavimenti diventerebbero delle giganti batterie ricaricabili.


Sperando di vedere presto questa tecnologia a Milano, vediamo come funzionerebbero i palazzi ricaricabili.

# Ecco la “ricetta” del cemento ricaricabile

Credit: new.cision.com

Per tutti quelli che odiano il cemento, questo potrebbe essere il momento giusto per cambiare idea. La “ricetta” del cemento ricaricabile arriva dalla Svezia, dalla Chalmers University of Technology di Göteborg. Qui due ricercatori sono riusciti ad aggiungere alla formula classica piccole quantità di fibra di carbonio, così da aumentarne la conduttività. Dopodiché – proprio come in una batteria – hanno inserito una rete in fibra di carbonio ricoperta da ferro e nichel.

# Una formula ancora da perfezionare sfida le più evolute batterie

Credit: greenme.it

Al momento la nuova formulazione del cemento è stata utilizzata solo per modelli in scala, ed è ancora lontana quindi da utilizzi pratici o commerciali. Eppure i ricercatori non solo sono sicuri della loro scoperta, ma stanno già tentando di migliorarne ulteriormente le prestazioni: per ora il cemento ricaricabile ha una capacità di immagazzinare energia pari a 7 Wh per metro quadrato, ancora poco rispetto alle più evolute batterie agli ioni di litio, che possono arrivare a 265 Wh/kg. Gli scienziati però sono ottimisti e stanno cercando – con buonissimi presupposti – di riuscire ad aumentare di almeno 10 volte la capacità del loro cemento ricaricabile.



# La rivoluzione delle città, anzi del mondo, è già in atto

Credit: corriere.it

In questo esatto momento si sta studiando e scoprendo il futuro delle nostre città, che un giorno potrebbero riempirsi davvero di edifici ad energia zero, affiancando al cemento ricaricabile dei pannelli fotovoltaici che permetterebbero il ricaricamento del materiale durante il giorno. Ed è inutile citare in un lungo e noioso elenco tutti i benefici che ne trarremmo.

Volendo pensare però ai suoi utilizzi, il cemento ricaricabile si potrebbe utilizzare per costruire non soltanto edifici ma per rivoluzionare il mondo: intere strade alimenterebbero l’illuminazione urbana, ci sarebbero panchine in cui ricaricare dispositivi e addirittura si potrebbero ideare antenne per portare segnale telefonico e connessione in zone remote.

Insomma ancora il cemento ricaricabile deve essere perfezionato ma il futuro delle città, anzi del mondo, è già rivoluzionato.

Fonte: Focus 

Continua la lettura con: EMEMEM: anche a Milano l’artista che trasforma in ARTE le BUCHE dell’ASFALTO

ROSITA GIULIANO

Leggi anche: Produzione industriale, la Cina non sarà più la “fabbrica del mondo”

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.