Il PAESE SVIZZERO poco oltre il confine che ti paga fino a 70.000 euro per andare a viverci

In Svizzera c'è un piccolo villaggio a 80 chilometri dall'Italia che paga chi sceglie di andare a viverci

Credits in_love_with_albinen IG - Albinen neve

Per chi è stanco della vita frenetica della città, in Svizzera c’è un piccolo villaggio a 80 chilometri dall’Italia che paga chi sceglie di andare a viverci. Ecco le condizioni previste e i requisiti richiesti per chi vuole cambiare vita.

Il PAESE SVIZZERO poco oltre il confine che ti paga fino a 70.000 euro per andare a viverci

# Un sostegno economico per contrastare il calo demografico

Credits in_love_with_albinen IG – Albinen

Il regolamento comunale di Albinen ha introdotto nel 2017, entrato poi ufficialmente in vigore a gennaio 2018, un sostegno economico per le persone e per le famiglie che scelgono di andare ad abitarci. L’obiettivo dichiarato è quello di combattere il calo demografico che aveva determinato addirittura la chiusura della scuola locale.


# A 80 chilometri dal confine con l’Italia

Credits Mutinka-pixabay – Terme leukerbad

Il paesino è l’ideale per chi vuole scappare dallo stress e dalla frenesia della città. Si trova a 80 km oltre il confine italiano, immerso nella natura più selvaggia e mozzafiato, non mancano le attività da fare tra escursioni, scii, slittini o rilassanti passeggiate. Poco distante dal villaggio si trova la località termale di Leukerbad, conosciuta sin dai tempi dell’Impero Romano.

Scopriamo le condizioni per chi vuole cambiare vita e trasferirsi tra le montagne svizzere.

# I benefici per chi sceglie di abitare ad Albinen

Credits bnyfeler IG – Albinen

Il comune versa a singoli, coppie e famiglie disposti a costruire o acquistare una casa un contributo una tantum per il sussidio abitativo di:



  • 25.000 franchi, circa 24.000 euro, in caso di singoli
  • 50.000 franchi, circa 48.000 euro, a coppie
  • in aggiunta 10.000 franchi, circa 9.600, per ogni bambino già nato o entro i 10 anni di età, per massimo due figli.

# Le condizioni da rispettare per ricevere il contributo

Credits in_love_with_albinen IG – Albinen neve

Per essere idonei a ricevere gli incentivi del piccolo comune svizzero bisogna però rispettare delle condizioni molto rigorose:

  • i membri della famiglia devono avere meno di 40 anni;
  • devono rimanere a vivere nel paese almeno 10 anni;
  • l’immobile da acquistare, ristrutturare o costruire deve avere un valore minimo di 200.000 franchi, circa 192.000 euro, e deve essere un’abitazione permanente, non una seconda residenza;
  • il 70% dei lavori in caso di costruzione o ristrutturazione dell’immobile devono essere assegnati a società con sede nel Cantone;
  • gli stranieri devono avere un permesso svizzero C valido.

# La disponibilità per un massimo di 10 famiglie

Gli incentivi sono sotto forma di rimborso e pertanto verranno versati al termine dell’acquisto dell’abitazione o al termine dei lavori per ristrutturarla o costruirla. Nel caso che i beneficiari decidano di trasferirsi da Albinen prima dei 10 anni dovranno restituire il contributo, eccetto quello erogato per i figli. 

Il comune ha affermato che “al massimo da cinque a dieci giovani famiglie” potranno beneficiare del supporto economico. La prima famiglia a rispondere ai requisiti e a ottenere il contributo ha traslocato alla fine del 2018.

 

Continua la lettura con: Le otto città del MONDO che ti PAGANO per andarci a VIVERE

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteCome si dice BOWL in milanese?
Articolo successivoIl GRATTACIELO che sembra un GIOCATTOLO
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here