Il gigantesco BUCO nell’ACQUA creato dagli DEI

Un buco nell'acqua separa i terrestri dalle civiltà subacquee. Ma dove si trova? E come spiega la scienza questo fenomeno straordinario?

credit: vanillamagazine.it

Nel cuore dell’Oceano un buco nell’acqua separa i terrestri dalle civiltà subacquee. Ma dove si trova? E come lo spiega la scienza?

Il gigantesco BUCO nell’ACQUA creato dagli DEI

Il confine tra realtà e leggenda è sempre molto sottile e a fare la differenza è solo una cosa: la fantasia. E’ proprio viaggiando con l’immaginazione che si percorrono le strade più insolite e si visitano i posti più incredibili, oggi però andremo alla scoperta di un luogo che che incanta i locali e i turisti anche senza utilizzare la fantasia. Stiamo parlando del Pozzo di Thor, un misterioso buco nelle acque dell’Oceano: la leggenda narra che fu Thor con il suo potente martello a crearlo, aprendo un varco tra il mondo terrestre e le civiltà subacquee. Ma dove si trova? E come lo spiegano gli scienziati?


# Uno spettacolo gratuito di origine divina

credit: siviaggia.it

L’origine del pozzo è avvolta in un’aura di misteri e leggende, che affascinano anche i più razionali e ponderati. Per ammirare le onde che si infrangono contro le pareti di questo gigantesco buco, bisogna volare sino agli Stati Uniti, precisamente in Oregon. Qui, a Cape Perpetua, nella riserva dello Siuslaw Natioanl Forest, è possibile prendere visione di uno spettacolo gratuito che non può essere paragonato a nessuna opera d’arte creata dall’uomo. Leggende locali narrano che a originare il misterioso buco nell’Oceano sia stato proprio il dio del tuono, Thor, con il suo potente martello. L’impatto con l’acqua avrebbe creato questo affascinante quanto spaventoso buco, nel quale, sempre secondo leggende locali, moltissime barche sarebbero state risucchiate senza essere mai ritrovate.

# Quando arriva l’alta marea, vortici, cascate e geyser lasciano senza parole

credit: up.sorgenia.it

Ma se si ha voglia di assistere a questo incomparabile spettacolo, non bisogna preoccuparsi per la propria incolumità: ogni anno il pozzo viene ammirato e immortalato da fotografi e curiosi in totale sicurezza. Ma attenzione perché il varco non è sempre aperto, bisogna attendere l’alta marea. La voragine può essere a volte ricoperta totalmente dall’acqua, mentre alle volte può addirittura svuotarsi del tutto. Il segreto? Osservare la potenza dell’Oceano nel momento in cui questo misterioso varco si riempie o si svuota, dando vita ad uno spettacolare mix di cascate, vortici e geyser con spruzzi alti fino a 6 metri che sembrano proprio essere causati dall’ira degli dei.

# La magia della natura spiegata dalla scienza

credit: vanillamagazine.it

Ma come spiega la scienza questa curiosa grotta sottomarina? Leggende e misteri a parte, le origini di questo buco nell’acqua sarebbero tutt’altro che divine: si tratta infatti di una spettacolare depressione naturale profonda circa 7 metri e dalla circonferenza perfetta.



Nonostante gli scienziati abbiano dato una spiegazione razionale, il Pozzo di Thor continua ad affascinare il mondo e ad attirare coraggiosi turisti che, pur di vederne le meraviglie da vicino, percorrono lunghi percorsi e terminano il viaggio su una scogliera piuttosto impervia.

Fonte: Si Viaggia

Leggi anche: Il POZZO più PROFONDO del mondo: l’accesso al CENTRO DELLA TERRA o all’INFERNO?

ROSITA GIULIANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.