Il BILLIONAIRE BUILDING: il grattacielo più CARO del MONDO

L'effetto ottico di movimento creato dall'alternanza delle finestre ricorda le onde del mare. Ecco quanto costa viverci

credit: idealista.it - One 57, Billionaire Building

L’effetto ottico di movimento creato dall’alternanza delle finestre ricorda le onde del mare. Ecco quanto costa viverci.

Il BILLIONAIRE BUILDING: il grattacielo più CARO del MONDO che domina CENTRAL PARK

# Alto 73 piani, ospita 92 appartamenti dal costo milionario. Alla base uno degli hotel più lussuosi di New York

Credits photochan_nyc IG – Billionaire Building

Il grattacielo One57 a New York, con domina Central Park, conta 73 piani e un’altezza di 306 metri con un panorama che spazia dallo spettacolare skyline di Manhattan al verde urbano. I primi piani dell’edificio ospitano un Park Hyatt Hotel con 210 camere, il fiore all’occhiello della catena nella “Grande Mela”, mentre nel blocco rimanente ci sono 92 appartamenti.


Credits rosiepope IG – Interno One57 Billionaire Building

È soprannominato “The Billionaire Building”, il Palazzo Miliardario, per via dei suoi prezzi esorbitanti: al momento è disponibile un appartamento di 127 metri quadri al 38° piano a poco più di cinque milioni di dollari. L’attico è stato venduto a oltre 100 milioni di euro. Gli inquilini hanno a disposizione una piscina al coperto, una palestra, una piccola sala-teatro dove assistere a spettacoli o vedere un film, una sala ristorante privata, una lounge con tavolo da biliardo e una libreria molto rifornita.

# L’effetto ottico di movimento creato dall’alternanza delle finestre ricorda le onde del mare

Il grattacielo è caratterizzato dalle sue coperture ondulate e dai numerosi arretramenti sulla 57th Street, la sua finestratura maculare, i tetti curvi, la cavità e l’accentuata verticalità. Proprio l’alternanza di vetri di un blu più scuro a vetri di sfumature più chiare crea quell’effetto ottico di movimento che ricorda le onde del mare e viene enfatizzato ancora di più quando l’edificio raggiunto dalla luce del sole. Progettato dall’architetto francese vincitore del Premio Pritzker Christian de Portzamparc, gli interni sono invece a cura del designer newyorkese Thomas Juul-Hansen. 

Fonte: Wired



Continua la lettura con: Vivresti in un ATTICO a 300 metri SOTTOTERRA? L’incredibile progetto del GRATTACIELO CAPOVOLTO

FABIO MARCOMIN

Leggi anche: Pala Italia a Santa Giulia, 30 minuti per approvare una delibera di 2mila pagine

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteQuesti sono gli 8 BORGHI ITALIANI più AMATI dagli STRANIERI
Articolo successivoI 7 LUOGHI più CURIOSI di Milano
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.