🛑 Che fine ha fatto l’INFLUENZA? Anche in Svezia, senza mascherine, l’influenza è scomparsa

I casi di influenza sono calati del 98% in tutto il mondo. Questo è quello che dicono le ultime stime dell’OMS

credits: karolinska.se

I casi di influenza sono calati del 98% in tutto il mondo. Questo è quello che dicono le ultime stime dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare che da marzo 2020, in tutti i paesi del mondo l’influenza stagionale sia praticamente scomparsa. Fatto unico nella storia. Cosa sta succedendo alla cara vecchia influenza?

Che fine ha fatto l’INFLUENZA? Anche in Svezia, senza mascherine, l’influenza è scomparsa

# Dall’Italia al resto del mondo: l’influenza scomparsa ovunque

Influenza in Svezia. credits: karolinska.se

Partiamo dall’Italia. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, i dati della seconda settimana di gennaio 2021 confermano che l’incidenza delle sindromi simil-influenzali è nettamente e stabilmente sotto la media, con un valore di 1,4 casi su mille assistiti, contro i 4,9 della scorsa stagione. Insomma, oltre due terzi di casi in meno, i dati parlano chiaro: in Italia l’influenza non si sta facendo vedere.


Questo insolito fenomeno però non è solo italiano, in tutto il mondo infatti si registra un netto calo dei casi simil-influenzali. In Gran Bretagna, per esempio, nel 2019 i casi di influenza erano aumentati del 10% tra settembre e ottobre, quest’anno invece solo dello 0,7%. Dati simili arrivano da tutti i paesi, anche da quelli dove le limitazioni sono state meno restrittive come l’America Latina, alcuni stati americani e la Svezia, che registra, già da diverse settimane, un numero di casi rasente lo zero.

# Mascherine e lockdown sembrano non c’entrare: anche nei paesi con zero restrizioni l’influenza non circola

credits: corriere.it

Ma quali sono le ragioni dietro questa improvvisa sparizione? Gli esperti non ne sono ancora sicuri e certamente ci sono molti fattori che possono aver contribuito alla scomparsa del virus influenzale.

La risposta più gettonata è quella che le precauzioni prese, tra cui mascherine, distanziamento e chiusure, abbiano fatto da barriera non solo contro il Covid, ma anche per il virus influenzale. Questa spiegazione però regge poco se consideriamo che il calo dell’influenza si registra anche negli stati che non hanno adottato particolari restrizioni. Inoltre, se nonostante tutte le note precauzioni il virus continua a viaggiare, perché non accade lo stesso per l’influenza? Il Covid-19 e i virus influenzali hanno infatti la comune caratteristica di diffondersi per via aerea, per cui se le mascherine e il lockdown ne fanno sparire uno, l’influenza, allora non si spiega come l’altro continui a circolare.



# Covid-19 vs influenza: 1-0

credits: greenme.it

Nel frattempo, molte teorie si fanno strada e tra queste ce ne sono di bizzarre e infondate. I più scettici sostengono che i tamponi non siano in realtà in grado di riconoscere e differenziare il Covid dall’influenza, ma su questo punto tutti gli esperti sono concordi: non è possibile. I due virus sono infatti molto diversi ed è impossibile confonderli.

Un’altra spiegazione sembra poter essere che il Coronavirus, diffusosi in tutto il mondo, abbia in qualche modo annientato e spiazzato i virus influenzali.

In attesa di risposte più precise, l’OMS rimane comunque cauta, sostenendo che i dati potrebbero non essere totalmente accurati, in quanto il sistema sanitario di molti paesi è “saltato” a causa della crisi pandemica.

Insomma, la vecchia influenza, compagna di molti inverni, quest’anno non si è fatta vedere. Non che ci manchi particolarmente, ma rispetto al Covid, io, personalmente, un po’ la rimpiango.

Fonte: affariitaliani.it

Continua la lettura con: 🛑 OMS: da inizio anno nel mondo i CONTAGI si sono DIMEZZATI

CHIARA BARONE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here