Al via i lavori per il TUNNEL SOTTOMARINO più LUNGO del MONDO: la Scandinavia sarà più vicina

18 chilometri di ponte. Una distanza sei volte maggiore a quella che divide la Calabria dalla Sicilia

fehmarnbelt tunnel

L’Europa diventa ancora più unita. Nel 2029 si potrà passare dalla costa nord della Germania all’isola di Copenaghen in 7 minuti di treno o in 10 minuti di auto grazie a un tunnel lungo 18 km e profondo 40 metri sul fondale del mar Baltico. In futuro da Milano, grazie ai corridoi ferroviari europei, si potrà arrivare in treno o in auto fino a Copenaghen in modo ancora più rapido da Amburgo, senza prendere un traghetto o senza allungare passando per la Danimarca continentale. E a quel punto proseguire fino in Svezia fino a capo Nord, senza soluzioni di continuità.

Al via i lavori per il TUNNEL SOTTOMARINO più LUNGO del MONDO: la Scandinavia sarà più vicina

# Il “Fehmarn Belt” sarà il tunnel immerso più lungo del mondo: 18 Km sul fondale del Baltico

7 minuti in treno e 10 minuti in auto: questi i tempi del nuovo collegamento fra la costa nord della Germania e l’isola di Lolland da cui si raggiunge Copenaghen. La grande infrastruttura sarà lunga 18 km e faciliterà la comunicazione fra la Scandinavia, la Germania e tutta l’Europa. Il Ministero dei Trasporti danese lo ha definito come una “decisione storica” e “una nuova porta d’ingresso per l’Europa”. Il progetto, già in fase di programmazione da anni, avrà il via dei lavori il primo gennaio 2021 sul versante danese e l’anno seguente sul versante tedesco. Sarà inaugurato, secondo le previsioni, nella seconda metà del 2029.


L’opera costerà circa 7 miliardi di euro, uno di questi proveniente dall’Unione Europea. In circa 40 anni, con il pedaggio pagato da ogni autovettura, si copriranno i costi di produzione. A differenza del tunnel della Manica o della galleria Seikan in Giappone, questo tunnel non sarà costruito sotto il fondale marino, ma poggerà su di esso. Si troverà a 40 metri sotto il Mar Baltico e sarà costituito da 79 blocchi di cemento, lunghi ognuno 217 metri. Saranno percorribili da una linea ferroviaria a doppio binario e da un’autostrada a quattro corsie. La distanza da Amburgo a Copenaghen si ridurrà da 450 km a 320 km.

# Il tunnel prende il nome dall’isola tedesca di Fehmarn e consentirà la nascita del nuovo progetto turistico “Destination Fehmarnbelt”



Il tunnel si collegherà all’attuale Fehmarn Belt, un ponte che connette l’isola tedesca di Fehmarn alla terraferma. Toccherà poi l’isola danese di Lolland, a sud di Copenhagen. Il nome è preso appunto dalla famosa isola tedesca attraversata, Fehmarn, nello Schleswig-Holstein a Nord della Germania. Questa zona del Mar Baltico è molto turistica ed offre sia tantissime attività all’aria aperta legate alla natura e al mare sia molte visite a siti culturali. Con il nuovo ponte nascerà anche il nuovo progetto turistico “Destination Fehmarnbelt” con itinerari in comune tra i due Paesi e tra le città di Copenhagen, Malmö e Amburgo.

Nota finale: 18 chilometri di ponte. Una distanza sei volte maggiore a quella che divide la Calabria dalla Sicilia. 

Fonte articolo: Maria Giulia Marsili per “Berlino Magazine” – A breve il via ai lavori del tunnel sottomarino più lungo al mondo. Collegherà Danimarca e Germania

Continua la lettura con: la metropolitana più piccola del mondo

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.