10 stupendi PROGETTI di ARCHITETTURA sull’ACQUA

Case galleggianti e non solo. Ecco dieci progetti di architettura sull'acqua

Credits: bbc.com

Case galleggianti, fattorie e spazi per eventi, questi sono solo alcuni degli edifici che si possono realizzare sull’acqua. Ecco dieci edifici acquatici realizzati nel mondo.

10 stupendi PROGETTI di ARCHITETTURA sull’ACQUA

# 1 Bruges Diptych: sospeso tra le rive del canale (Bruges)

Bruges Diptych è un padiglione per eventi realizzato in occasione della Triennale di Bruges 2021. L’edificio è stato realizzato somigliante alla casa del quindicesimo secolo che lo affianca, è in legno ed è opera dello studio americano PARA Project. L’edificio in legno rimanda all’atmosfera medievale della città patrimonio dell’UNESCO, ma la sua vera particolarità è l’essere costruito proprio in mezzo ad uno degli antichi canali del borgo. La struttura puntellata dal basso e costruita come un ponte tra una sponda e l’altra, sembra sospesa sul corso d’acqua.


Credits: deezen.com

# 2 Portage Bay Float Home: la casa galleggiante (Seattle)

La co-fondatrice dello Studio DIAA, Suzanne Stefan ha deciso di costruirsi una casa sull’acqua a Seattle, il progetto ha vinto l’Housing Award 2021, premio conferito dall’American Institute of Architects. L’esterno in legno scuro contrasta con le pareti bianche dell’interno, ognuna di queste è dotata di una vetrata, ad eccezione del bagno. L’abitazione è ispirata alla tradizione delle case galleggianti di Seattle e si trova a nord del Lago Union, si trova vicino alla riva ed è sostenuta da un sistema log-float, che le permette di galleggiare, seppur ancorata al terreno su di un lato che affaccia sul giardino.

Credits: deezen.com

Leggi anche PEDALANDO in bicicletta SULL’ACQUA

# 3 Floating Farm: la fattoria sull’acqua (Rotterdam)

Non solo case, a Rotterdam si trova una fattoria galleggiante. L’idea di costruire un caseificio sull’acqua è venuta a Peter e Minke van Wingerden, che hanno pensato potesse aiutare la produzione ad essere meno soggetta ai cambiamenti climatici. I due sono architetti di Beladon società specializzata in architettura a base galleggiante, mentre il progetto finale è stato affidato studio di architettura Goldsmith. Il progetto permette di contrastare la perdita di terreni a causa dell’innalzamento dei mari e portare la produzione agricola direttamente in città. Si trova in un’area portuale ed è gestita dal primo agricoltore galleggiante al mondo. Nel futuro dovrebbe espandersi con un pollaio e una serra.



Credits: bbc.com

# 4 Floating Home Chichester: la casa barca della campagna inglese (UK)

Nel sud dell’Inghilterra si trova una casa galleggiante costruita dallo studio Baca Architects. L’edificio si trova sul Chichester canal, ed è ispirato alle barche che frequentano il canale. Il progetto è il risultato di una collaborazione tra architetti londinesi e la società Floating Homes, con cui lo studio Baca ha vinto un concorso per trovare soluzioni alla crisi abitativa nella capitale inglese. La struttura è come quella delle barche ma adattata alle necessità di spazio ed efficienza di una casa.

Credits: pinterest.com

Leggi anche Come Atlantide: DORMIRE in una stanza SOTT’ACQUA 

# 5 Watervilla Weesperzijde: la casa sommersa (Amsterdam)

Lungo il fiume Amstel di Amsterdam si trova invece Watervilla Weesperzijde, un’abitazione galleggiante la cui parte inferiore si trova sommersa nel fiume. Il design dotato di pareti vetrate al piano superiore che si affaccia sul fiume, dovrebbe dare l’idea di essere sempre in vacanza, sensazione garantita anche dalla presenza di una terrazza a cui le barche possono attraccare. L’architettura acquatica sta diventando popolare nei Paesi Bassi, poiché i cambiamenti climatici stanno riducendo la superficie terrestre edificabili, questa casa è una delle soluzioni pensate.

Credits: pinterest.com

# 6 Veetee: il rifugio galleggiante che sfida la quinta stagione (Estonia)

Veetee si trova in Estonia, nel Parco Nazionale Soomaa, è un rifugio galleggiante per i visitatori che frequentano il luogo durante la stagione delle inondazioni. L’edificio è stato realizzato degli studenti dell’accademia estone delle arti in collaborazione con lo studio di architettura b210 di Tallin. Si tratta di una costruzione di legno con una base di barili di metallo, non è ne una barca, ne una casa, ma un padiglione che permette di godere della bellezza del paesaggio anche nella cosidetta “quinta stagione”, periodo primaverile delle piogge, che caratterizza il parco estone.

Credits: pinterest.com

Leggi anche Il paese europeo che ha 5 STAGIONI

# 7 Floating House: la casa che bilancia l’altezza del lago (Canada)

Sulla superficie del lago Huron in Canada si trova una casa galleggiante di due piani, rivestita in legno. Il progetto appartiene allo studio newyorkese MOS Architects, che lo ha pensato come residenza estiva per una coppia di Cincinnati. I cambiamenti stagionali fanno in modo che il livello del lago cambi più volte nel ciclo di una stessa estate, per questo motivo alla base della casa è stata progettata una struttura galleggiante che mantenga stabile i piani superiori adattandosi all’altezza dell’acqua.

Credits: deezen.com

# 8 Schoonship: il monolite sull’acqua (Amsterdam)

Amsterdam e in generale i Paesi Bassi si stanno abituando all’idea che la terra ferma stia terminando, per questo motivo la produzione di edifici galleggianti sta aumentando nel paese. Tra queste troviamo anche Schoonship, una casa dello studio i29, che fa parte di un vero e proprio villaggio. Si trova in un ex quartiere industriale che è stato trasformato con un progetto di 46 abitazioni dallo studio di progettazione spaziale Sapce & Matter. Nonostante faccia parte di questo progetto più ampio, Schoonship si distingue per la sua forma a monolite e le aperture ai lati che lo tagliano per far entrare la luce.

Credits: viertel-vor.com pinterest

Leggi anche L’HOTEL GALLEGGIANTE in Lapponia dove ammirare l’AURORA BOREALE 

# 9 Arkup75: la casa che naviga (Olanda)

Lo studio olandese Waterstudio.NL ha progettato un’abitazione su cui è possibile viaggiare, si tratta della casa-yacht Arkup75: un edificio di due piani dotato di pannelli solari che gli permettono autonomia elettrica, la quale fa funzionare anche il suo motore. Arkup è dotato di un sistema estensibile che permette di ancorarsi a terra oppure allungarsi per adattarsi alla dinamicità del viaggio sull’acqua. La struttura può quindi adattarsi a qualsiasi superficie acquatica, dall’oceano al lago, e può anche essere posto sulle terre emerse. Questo, insieme ad altri progetti, garantisce ai Paesi Bassi un primato nella progettazione in questo campo.

Credits: pinterest.com

# 10 Il Padiglione Galleggiante (Brasile)

Dedicato agli eventi è, invece, il padiglione brasiliano dello studio Bruno Rossi, costruito come espansione della diga di Santo Antonio de Posse. Il padiglione è stato pensato per espandere lo spazio esistente del molo e permettere ai visitatori di godere del panorama stando all’ombra, è progettato per dare l’impressione di galleggiare sull’acqua, fondendosi con la struttura del ponte e mimetizzandosi al paesaggio circostante grazie alla struttura di legno. Costruiti insieme al padiglione, ci sono anche una sauna e un falò, che offrono rifugio nel periodo delle inondazioni.

Credits: dezeen.com

Fonte Dieci progetti di architettura fluttuante 

Continua la lettura con Milano, il DESERTO delle AZIENDE: fino al 90% in smartworking

SARAH IORI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.