Nasce una CITTÀ GIARDINO nella periferia ovest

Il progetto riqualificherà una delle aree dismesse e inquinate in città. Cosa ospiterà e quando sarà pronto (immagini e mappa)

Credits seimilano.com - Rendering dall'alto

Nei pressi della fermata della M1 Bisceglie sta nascendo un nuovo quartiere immerso nel verde che riqualificherà una zona degradata nella periferia ovest della città. Cosa ospiterà e quando sarà pronto.

Nasce una CITTÀ GIARDINO nella periferia ovest

# La “Città Giardino” di Milano è un progetto di rigenerazione urbana di oltre 300.000 mq

Credits seimilano.com – Rendering dall’alto

Sei Milano è un progetto di rigenerazione urbana che si estende su un’area di oltre 300.000 mq in prossimità di Bisceglie M1, nel distretto di Sella Nuova in via Bisceglie e via dei Calchi Taeggi. Il masterplan è stato disegnato dall’archistar Cucinella, mentre i lavori sono ad opera di Borio Mangiarotti e Värde Partners per un investimento di oltre 250 milioni di euro. Un nuovo quartiere multifunzionale con 30.000 mq di uffici, 10.000 mq di spazi commerciali spazi commerciali e 1.000 residenze, in edilizia libera e convenzionata residenze, immerse in un parco di oltre 16 ettari.


# SeiMilano sarà suddiviso in 3 settori con un grande parco al centro da 200.000 mq

Credits: Urbanfile – Masterplan SeiMilano

Il progetto si suddivide in 3 settori distinti: l’area destinata al terziario nel nord-est dell’area, le residenze nell’asse sud-nord e est-ovest, il polo commerciale tra il nuovo boulevard lungo la direttrice nord-sud e via Bisceglie.

Al centro ci sarà un grande parco urbano di 200.000 mq disegnato da Michel Desvigne – Studio MDP, che si inserisce all’interno di una catena di parchi urbani tra loro collegati da una pista ciclopedonale. Inoltre è direttamente connesso al vicino Parco dei Fontanili con il quale forma una delle aree verdi più estese della città.

# I lavori iniziati nel 2020 si concluderanno entro la prima parte del 2025

I lavori sono iniziati nel 2020 con le attività di pulizia e bonifica dei terreni che fino agli anni ’60 ospitavano una cava di estrazione, trasformata poi in una discarica per materiali inerti e di altre tipologie, prima della sua chiusura negli anni ’80 del secolo scorso. Attualmente stanno salendo i palazzi che ospiteranno uffici, nell’angolo tra le via Bisceglie e Calchi Taeggi, mentre le palazzine residenziali iniziano a prendere la forma definitiva: alcune sono arrivate già al tetto e dovrebbero essere terminate nel 2022. Nell’area delle residenze del quarto lotto sono in corso i lavori per i pali di fondazione. La conclusione complessiva dei lavori è prevista tra la fine del 2024 e la prima parte del 2025.



 

Continua la lettura con: Il TUNNEL BOULEVARD: il PROGETTO dal sapore berlinese tra Turro e NoLo

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Zero donne, zero tituli. L’astensionismo è giusto e salutare

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.