La GONDOLA FUTURISTICA che potrebbe rivoluzionare Venezia (soprattutto d’inverno)

L'imbarcazione artigianale più famosa del mondo. Un progetto futuristico ad essa legato ha dell'incredibile


La gondola è probabilmente l’imbarcazione artigianale più famosa ed iconica del mondo. Oggi andiamo ad analizzare un progetto futuristico ad essa legato, che ha dell’incredibile.

La GONDOLA FUTURISTICA che potrebbe rivoluzionare Venezia (soprattutto d’inverno)

# Dream of Winter

La Gondola Dream of Winter. Philippe Starck ha battezzato con questo nome uno dei suoi ultimi progetti. L’opera fa parte di un programma che ha l’obiettivo di incoraggiare i creativi veneziani a utilizzare il design come strumento di innovazione.


La moderna gondola di Starck – una tradizionale barca a remi a fondo piatto – è stata progettata per “fondere l’identità della bellezza e del patrimonio italiano“.

Il progetto è stato creato per VeniSIA (Venice Sustainability Innovation Accelerator), un programma di accelerazione aziendale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia che mira a ispirare studenti e veneziani locali a perseguire azioni creative e strategie per l’innovazione.

L’ex macello di san Giobbe, a Venezia, è una delle sedi di VeniSIA

Un disegno 3D della gondola è attualmente in mostra presso l’Hub of Strategy Innovation dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.



“La gondola è la bellissima versione di un sogno”, commenta Starck. “La gondola, per la sua immagine globale, è una tecnologia estremamente sofisticata. Ho molta ammirazione e rispetto per la gondola, una delle barche più complesse al mondo. Il suo design è completamente asimmetrico, ma nonostante ciò il suo peso è perfettamente bilanciato e può andare dritto anche nelle condizioni più difficili”, ha aggiunto.

Credits: @a_girl_from_venice(IG)

# In bambù laminato, usabile anche per l’inverno

Starck, che ha vissuto nell’isola veneziana di Burano negli ultimi 50 anni, ha immaginato che la gondola “aggiornata” fosse costruita con bambù compresso laminato. La scelta è giustificata dalla durata e dalla resistenza del materiale.

“Il bambù laminato compresso viene utilizzato per la sua estrema resistenza e rigidità, la sua assoluta indifferenza nei confronti dell’umidità. Ciò significa che non ha bisogno di manutenzione e ha una durata a vita”, ha spiegato.

Al centro della gondola c’è un piccolo spazio chiuso che permetterebbe di utilizzare la barca durante i mesi invernali.

# Una mini turbina elettrica, alimentata dall’energia solare

La barca funzionerebbe grazie a una mini turbina elettrica, alimentata dall’energia solare e da un idrogeneratore. Questo è stato progettato per aiutare il gondoliere a condurre la gondola con uno sforzo inferiore. Il tutto,  nel pieno rispetto dei requisiti di sostenibilità necessari per il progetto.

È la stessa icona intoccabile, la stessa silhouette iconica ma lavata dal tempo e profondamente, strutturalmente rimodernizzata dalla tecnologia”, ha affermato Starck.

Credits: @echotouristique (IG) – Gondole tradizionali nel Bacino San Marco

Per compensare la naturale torsione dello scafo della gondola, Starck prevede l’installazione di un giroscopio, che aiuta a stabilizzare la barca e ad eliminare ondeggiamenti non necessari. Secondo Starck “Un piccolo giroscopio è un modo semplice per controllare la stabilità senza aggiungere peso. Il giroscopio è alimentato da una miscela di energia solare e una turbina rotativa, se il gondoliere lo desidera. Dà la possibilità, allo stesso tempo, di spingere la gondola e, a gondola ferma, di creare energia grazie alla marea”.

# Philippe Starck a VeniSIA

Starck è uno dei designer più famosi al mondo. È il primo designer internazionale invitato dal chief creative officer di Balich Wonder Studio, Marco Balich, a partecipare al progetto di VeniSIA, sostenuto dalla Regione Veneto e dal governo italiano.

Credits: @philippestarckfan IG

Starck ha utilizzato la tecnologia in molti dei suoi altri progetti. Nel 2016 ha creato Mi Mix, il suo primo smartphone per l’azienda di elettronica cinese Xiaomi. Ha anche sviluppato un braccialetto di localizzazione GPS che consente agli amanti degli sport acquatici di comunicare ai soccorsi costieri la loro posizione in caso di emergenza.

Credits: dezeen.com, veniSIA.org

Continua la lettura con: SkyWay: il TRENO DEL CIELO. Truffa o futuro della mobilità?

LUCIO BARDELLE

copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteNasce una CITTÀ GIARDINO nella periferia ovest
Articolo successivo🛑 Torino batte Milano: ospiterà l’EUROVISION 2022
Nasco a Dolo (VE) nel 1979. Padre padovano, mamma vicentina, cresco nella terraferma veneziana. Studio Economia a Venezia, poi viaggio, per lavoro e per piacere. Vivo 7 anni in Lombardia, poi torno a Venezia. Sono appassionato di musica rock, suono la chitarra e il basso. Spesso corro. Scrivo per una associazione locale a sostegno del cittadino (Oltre il muro), creata da Pietro, uno dei miei migliori amici, infortunatosi 15 anni fa durante una partita di calcio.