I PAESAGGI mozzafiato del LITORALE della COSTA AZZURRA (da Mentone all’Estérel)

Gli angoli più belli da scoprire del famoso litorale francese

Crique massif de l'Esterel ©LePelley.S

Forse il tratto di costa del Mediterraneo dove in pochi chilometri si trovano luoghi e paesaggi così differenti. Spiagge libere ma tenute con grande cura, calette e strade panoramiche che collegano luoghi ricchi di fascino: questo ci aspetta attraversato il confine della Liguria, il tutto condito e animato da eventi mondani e culturali di rilevanza mondiale. Questi sono i posti del famoso litorale francese assolutamente da non perdere, tra Mentone e l’Estérel.

I PAESAGGI mozzafiato del LITORALE della COSTA AZZURRA (da Mentone all’Estérel)

# Mentone, il paradiso dei limoni

Credits: ©Mouton.A 

È il primo paese che si incontra venendo dalla Riviera Ligure e le sue vie pittoresche e forse la sua semplicità, custode della sua bellezza, l’hanno fatta definire la “perla della Francia”.  Dopo il tipico lungomare della Costa Azzurra, superate le palme vicino al mare, Mentone è una cittadina tutta da scoprire. Boutique di alta moda e ristoranti che servono i piatti più prelibati, ma anche, e soprattutto, chiese, musei e un patrimonio architettonico e culturale invidiabile.

Ciò che però rende Mentone un luogo assolutamente da visitare sono i suoi giardini ricchi di piante e fiori. Una città-giardino, patria dei limoni, tanto che la leggenda dice che sia stata Eva ad aver portato via dall’Eden un seme di limone e di averlo piantato a Mentone. Una cittadella ricca di sole e di agrumeti, che rendono Mentone un luogo con scorci da paradiso terrestre.

# Èze, la cittadella medievale

Credits: ©Chillio.C

A circa 400 metri sopra il livello del mare, arroccata sopra il Mediterraneo, c’è Èze, cittadella di origine medievale che mantiene ancora tutta la sua bellezza storica. Appena si entra in paese, i vicoli stretti e tortuosi, le volte delle case e le botteghe di artisti ed artigiani ti fanno tornare indietro nel tempo. Ma l’attrazione più bella di Èze si trova nella parte alta della città.

Qui, annesso alle rovine del castello, c’è il Giardino Esotico, popolato da cactus e una vegetazione esotica, in parte mischiata a quella mediterranea. Da qui si può anche godere una delle viste panoramiche più belle della Costa Azzurra. Se si vuole andare poi alla spiaggia, basta percorrere il Chemin de Nietzsche, un sentiero che porta dritto alle belle spiagge del borgo marino, dove il grande filosofo scrisse una parte del celebre Così parlò Zarathustra. 

# Beaulieu-sur-Mer, la tipica località balneare

 

A 10 km da Nizza, poco dopo il Principato di Monaco, si entra nel triangolo d’oro con i tre luoghi dove i prezzi del settore immobiliare sono i più alti dell’intera Francia e tra i più alti del mondo. Il primo di questi paesi è Beaulieu-sur-Mer, il “Bel Luogo sul mare”. Una delle classiche località della Costa Azzurra, dove il clima è mite tutto l’anno e dove, soprattutto nella prima parte del Novecento, molti reali d’Europa trascorrevano i mesi invernali. Tra le più famose spiagge ci sono la Petite Afrique e la Baie des Fourmis. Un lungomare costeggiato da palme, il casinò, i negozi lussuosi e ristoranti di alta cucina rendono Beaulieu-sur-Mer il luogo perfetto per vivere l’atmosfera tipica francese del litorale della Costa Azzurra.

# Saint-Jean-Cap-Ferrat e i suoi sentieri sul mare

Saint jean cap ferrat

Si prosegue nel “triangolo d’oro” con una penisola che negli anni è diventata famosa a livello mondiale. Stiamo parlando di Saint-Jean-Cap-Ferrat, una delle perle della Costa Azzurra proprio per i suoi sentieri da percorrere ammirando il mare. Potremmo definirlo il paese del sole, perché qui c’è il sole 300 giorni all’anno, e luogo perfetto per camminare ammirando tutto il litorale della Costa Azzurra fino ad intravedere all’orizzonte l’Italia. Un punto di partenza per questa camminata? Potrebbe essere sicuramente il porto di Saint-Jean-Cap-Ferrat, per poi passare dalla spiaggia Cros dei Pin e dalla punta di Saint-Hospice e proseguire lungo la penisola. Oppure si può percorrere in senso contrario. 

Spiagge, ristoranti, magnifici giardini e sontuose ville rendono Saint-Jean-Cap-Ferrat una delle città della Belle Époque. La sua villa più famosa è Villa Ephrussi de Rothschild, una villa di 10 ettari che ricorda un po’ una casa delle bambole o un angolo fiabesco e che fu costruita per ospitare la collezione d’arte della Baronessa Béatrice de Rothschild. Villa ora aperta al pubblico. 

# Villefranche-sur-Mer, la baia degli abissi

Vicino a Saint-Jean-Cap-Ferrat, procedendo lungo la costa verso Nizza, si trova Villefranche-sur-Mer, terzo angolo del “triangolo d’oro”. Acque cristalline e una vegetazione provenzale la rendono uno dei luoghi assolutamente da visitare sul litorale della Costa Azzurra. La sua è una delle baie più profonde al mondo e la sua spiaggia di sabbia a mezzaluna naturale è una delle grandi attrazioni.

Anche la parte vecchia di Villefranche-sur-Mer è ricca di sorprese. Assolutamente da percorrere è il passaggio sotto le case del porto, costruito nel 1260. Su una collina di Villefranche, poi, c’è Villa Leopoldo, casa privata un tempo abitazione del re Leopoldo II del Belgio, oggi, o meglio nel 2019, dichiarata la casa più costosa al mondo.

# Cap d’Antibes

Credits: ©JF-Diaz ©sce-communication-ville-antibes

Luogo reso immortale da Tenera è la notte, il romanzo di Fitzgerald in cui raccontava degli “anni folli” del primo Novecento sulla Costa Azzurra, tra serate sfrenate e i tuffi dalle rocce della Garoupe. La penisola di Cap d’Antibes, che si allunga nel mare tra la parte vecchia della città e le spiagge di Juan-les-Pins, ospita ville sfarzose immerse nel verde con vista mozzafiato sulla costa e il celebre Eden Roc, per anni considerato l’hotel più caro del mondo. Lungo la costa si può percorrere il sentiero del litorale, anche noto come Sentiero di Tire-Poil, un anello di 5 chilometri, in gran parte tracciato direttamente tra le rocce a picco sul mare. 

# Le rocce rosse dell’Estérel

Credits: ©LePelley.S.

Proseguendo a scendere lungo la costa dopo Cannes in direzione Saint-Raphaël, si incontrano i massicci vulcanici dell’Estérel, immense rocce eruttive a blocchi, di colore rosso fuoco. Situate lungo la Corniche d’Or, le calanche dell’Estérel sono formate da falesie di porfido rosso a picco sul mare.

È proprio tra queste calanche che si nascondono poi delle spiaggette dai ciottoli rossi, raggiungibili spesso solamente dopo una lunga scalinata. Tra queste, una delle più suggestive è la spiaggia di Camp Long, all’altezza del Dramont, non molto lontana dalla spiaggia di Agay, dove, prima di raggiungere la calanca vera e propria, si deve attraversare una distesa di sabbia. Proseguendo lungo la costa, oltre Saint-Raphaël, si trova inoltre Fréjus, città fondata dai romani e che ancora reca numerose tracce delle sue origini.

Per saperne di più: www.nicetourisme.com, provence-alpes-cotedazur.com e www.france.fr 

Continua a leggere con: I tesori dell’entroterra della Costa Azzurra

BEATRICE BARAZZETTI

Articolo recante banner pubblicitari per promuovere la Regione

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato