Le opere di VAN GOGH prendono VITA: inaugurato il nuovo PALAZZO FUTURISTICO

L'architetto "creatore di sogni" torna a stupire con una futuristica torre ispirata alle opere di Van Gogh. 

Torre Luma, Arles. Credits: top_inmobiliario_ IG

L’architetto “creatore di sogni” torna a stupire con una futuristica torre ispirata alle opere di Van Gogh.

Le opere di VAN GOGH prendono VITA: inaugurato il nuovo PALAZZO FUTURISTICO

Definito anche “Il creatore di sogni”, Frank Gehry è l’artista che con il proprio stile inconfondibile ha rivoluzionato l’architettura e adesso torna a stupire il mondo con un nuovo palazzo futuristico ispirato ai dipinti onirici di Van Gogh. L’opera d’arte, perché i suoi sono molto più che semplici edifici, è stata inaugurata il  26 giugno. Il nuovo edificio è ancora una volta fatto di sogni?


# La torre Luma: un futuristico edificio in un parco dedicato all’arte

credit: lemoniteur.fr

L’opera si trova in un più vasto complesso ad Arles, il Parc des Ateliers, che da ex sito industriale è stato trasformato in un luogo di collaborazione e sperimentazione tra artisti di ogni tipo ed anche il pubblico. Il risultato è un grande complesso culturale sperimentale nel sud della Francia il cui cuore è rappresentato proprio dalla futuristica opera di Gehry: la torre Luma. Il contesto in cui è situata ricorda moltissimo la pittura en plein air di cui lo stesso Van Gogh era un amante, rendendo protagonisti gli elementi naturali.

# Ripresi i soggetti vangoghiani e la tecnica post-impressionista

credit: arte.sky.it

Dei dipinti dell’artista post-impressionista è stata ripresa la tecnica, ma non solo; l’architetto ha tentato di far assumere all’edificio le fattezze delle formazioni geologiche che fanno da sfondo alla celebre “Notte Stellata”, ambientata esattamente come il Parc des Atelier, in Provenza. I tratti netti e decisi con cui Van Gogh rappresentava la realtà sono stati rappresentati ricoprendo la torre di 11.000 placchette di acciaio inossidabile, che riflettono la luce e danno dinamicità alla statuaria torre.

# Un omaggio a Van Gogh e alla Provenza

credit: collateral.al

I 7 piani della torre sono destinati agli uffici della fondazione culturale aperta dalla collezionista d’arte e mecenate Maja Hoffmann ma vi sono anche studi, laboratori e all’ultimo piano, una terrazza panoramica e un bar. Il complesso è un omaggio a Van Gogh e allo stesso tempo alla Provenza: alla base della torre è stato costruito una corona circolare in vetro che intende richiamare l’anfiteatro romano di Arles e, sviluppato su 3 piani, ospiterà biglietteria, bar e sale conferenze. Per collegare il Parc des Ateliers con la città, il progetto prevede anche un parco pubblico dell’architetto Bas Smets, un giardino con piante e fiori della regione pensato per mitigare l’impatto del maestrale e le temperature estive.



La torre appena inaugurata già fa mormorare il mondo, affascinando non solo gli appassionati d’arte e architettura, ma anche tutti quegli idealisti che dalle opere del “creatore di sogni” si lasciano ispirare.

Leggi anche: La TORRE BMW: il palazzo di PERIFERIA che sfida i grattacieli del CENTRO

ROSITA GIULIANO

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.