La “TORRE ETEREA”: il GRATTACIELO che sembra una CASCATA GHIACCIATA

Un grattacielo che sembra essere una cascata ghiacciata volante ma che allo stesso tempo è un insieme di piccole isole

Credit: @sou_fujimoto

Come può evolversi una torre continuando ad attirare l’attenzione? La risposta per Sou Fujimoto Architects è un progetto che ha dell’incredibile: una torre che sembra essere una cascata ghiacciata volante ma che allo stesso tempo è un insieme di piccole isole.

Vediamo insieme questo progetto futuristico.


La “TORRE ETEREA”: il GRATTACIELO che sembra una CASCATA GHIACCIATA

# L’Ethereal Tower: il progetto vincitore del New City Center Landmark

Credit: @sou_fujimoto

Sou Fujimoto Architects ha svelato il progetto vincente del New City Center Landmark, si chiama Ethereal Tower ed è una torre monumentale galleggiante sulla baia del distretto di Qianhaiwan a Shenzhen, in Cina.

Shenzhen è una città costiera a sud della provincia del Guangdong, a circa quaranta chilometri da Hong Kong. Grazie alla sua posizione quello che era un villaggio di pescatori si è trasformato in una metropoli moderna che ospita importanti aziende tecnologiche e diverse start-up.

Questa città in forte espansione desiderava un progetto spettacolare per sfoggiare la sua ricchezza e sembra proprio che l’Ethereal Tower sia perfetta.



# Il grattacielo composto da 99 isole

Credit: @sou_fujimoto

La torre proposta è alta 268 m ed è composta da 99 “isole” simili, sempre a forma di torri, che si ergono sulla superficie dell’acqua e sono collegate da un piano orizzontale nella parte superiore.

Queste sezioni svaniscono gradualmente mentre scendono, dando la sensazione di trovarsi davanti ad una cascata ghiacciata.

La torre sarà dotata di una piattaforma panoramica, che funge anche da spazio espositivo tridimensionale, con ristorante e caffetteria da dove poter ammirare un panorama mozzafiato.

Sou Fujimoto ha cercato di fondere il naturale con l’artificiale, rendendolo il più armonico possibile.

Ma in che modo la struttura rimane “a mezz’aria”?

# Come funziona la struttura

Credit: buildingcue.it

Come riporta greenme.it secondo i progettisti, un grande nucleo centrale sosterrà la torre, mentre enormi cavi di tensione trasferiscono il resto del carico.

La maggior parte dei 99 elementi simili pendenti ha punti di contatto limitati con la torre principale, da qui l’effetto per cui sembra che la Torre Eterea fluttui nell’aria.

La Ethereal Tower è principalmente costruita con acciaio, fibra di carbonio, Kevlar Rope e cemento.

# La “Torre Eiffel” del XXI secolo?

Credit: @sou_fujimoto

Essendo uno e molti contemporaneamente, simboleggia il futuro delle società nell’era della diversità.

Per il loro concetto di design, lo studio di architettura si è chiesto: ” Cosa significa una nuova ‘torre’ nel 21° secolo? Come può evolversi una torre continuando ad attirare l’attenzione, come fa la Torre Eiffel?”.

Sulla base delle risposte e dell’attuale tessuto urbano del quartiere, l’azienda ha proposto una struttura a sospensione, che ricorda un gruppo di isole, una città aerea e anche una cascata ghiacciata.

Sou Fujimoto non ha ancora indicato una data di inizio dei lavori ma una volta finita l’Ethereal Tower potrebbe essere la torre del futuro.

Continua la lettura con: La Squall Tower: il GRATTACIELO che RUOTA con il VENTO

ARIANNA BOTTINI

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte       

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)       

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.