Il NIDO VERTICALE, la prossima SUPERSTAR dello Skyline di Milano

Scopriamo la new entry tra i colossi milanesi

Credits pepperetti IG - Torre Unipol

In una Milano che continua ad evolversi e a cambiare, avevamo già accennato dei progetti per i nuovi grattacieli milanesi. Uno in particolare si merita però qualche parola in più, per via del suo nome molto evocativo, la sua impronta verso un futuro più sostenibile o ancora per il suo design elegante: il Nido Verticale. Scopriamo la new entry tra i colossi milanesi.

Il NIDO VERTICALE, la prossima SUPERSTAR dello Skyline di Milano

# Design innovativo in perfetta simbiosi con l’ambiente circostante

Credits pepperetti IG – Torre Unipol

Il suo nome richiama il progetto architettonico di Stefano Boeri. Il suo design all’avanguardia gli permetterà di entrare di diritto nella classifica dei grattacieli europei più interessanti. La sua sostenibilità prometterà a Milano di conquistare riconoscimenti a livello internazionale. Tutto questo sarà la Unipol Tower, o meglio il Nido Verticale, la nuova torre progettata dallo studio Mario Cucinella Architects.


# Il punto sul cantiere

Credits Andrea Cherchi – Dettaglio Torre Unipol

I lavori sono iniziati nel 2017 e il grattacielo è stato completato nella forma e nella struttura, così come nel rivestimento esterno, nei mesi scorsi. È in fase di completamento la passerella che coronerà il grande oblò sulla cima della torre, mentre procede l’installazione della “gonna” che farà da copertura esterna all’ingresso e il cantiere per realizzare gli spazi interni. Entro la fine del 2022 dovrebbe essere occupato dalla società di assicurazioni Unipol.

# Il Nido Verticale, alto 125 metri, sarà la nuova sede milanese del Gruppo Unipol

Credits: www.mcarchitects.it

Il progetto per il nuovo headquarter del Gruppo Unipol si colloca nel nucleo pulsante di Porta Nuova e, come la Unicredit Tower, sdoganerà il concetto di avere una torre come sede, ponendosi in modo incisivo nello skyline milanese.

Questo nuovo grattacielo comprenderà 23 piani fuori terra e 3 piani interrati, per una superficie totale di 31.000 mq e un’altezza complessiva di 125 metri. Ma sarà la sua forma, scelta dal progettista Mario Cucinella, a lasciare un segno indelebile nella città.



# Un ellittico grattacielo scenografico di vetro e legno

Credits: www.mcarchitects.it

Il grattacielo ha una particolare struttura ellittica che gli consente di inserirsi armoniosamente nell’ambiente circostante. E la geometria a rete della sua facciata non è altro che una metafora del sistema che caratterizza le relazioni e la società contemporanea. La facciata è stata infatti realizzata con pilastri curvilinei in legno che, incontrandosi in un determinato punto, formano uno scenografico nido verticale. I materiali utilizzati per la costruzione sono il vetro, legno e cemento.

# L’esterno del grattacielo avrà una “doppia pelle”, isolante d’inverno e in grado di limitare il surriscaldamento d’estate

Credits simplemax71 IG – Torre Unipol

La Unipol Tower è un edificio eco-sostenibile ed innovativo che sfrutta ogni opportunità di efficienza energetica. L’involucro esterno dell’edificio è formato da una “doppia pelle” in grado di isolare l’ambiente dal freddo invernale e, allo stesso tempo, di limitare il surriscaldamento estivo.

Oltre a questo con l’installazione di pannelli solari e l’integrazione di sistemi di raccolta dell’acqua piovana il consumo di risorse è ridotto al minimo. Tutte queste caratteristiche consentiranno al nuovo edificio, una volta terminato, di ottenere una certificazione LEED Platinum.

# Non solo uffici: la Unipol Tower avrà una forte vocazione urbana

Credits: www.mcarchitects.it

La torre avrà anche una forte vocazione urbana. Infatti, oltre agli uffici, i quali potranno accogliere circa 2.000 persone, ospiterà una sala congressi di oltre 220 posti e diversi giardini pensili interni.

Ma non solo: verrà realizzato anche uno sky restaurant all’interno della serra-giardino panoramica dove verranno organizzati anche eventi pubblici e culturali.

Insomma, sembrerebbe che il Nido Verticale abbia tutti gli elementi per diventare un landmark elegante e turisticamente attrattivo.

Continua la lettura con: L’Analemma Tower: il GRATTACIELO CAPOVOLTO, sospeso nel cielo, itinerante nell’orbita terrestre

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteAnche l’ITALIA ha due BARRIERE CORALLINE
Articolo successivoPerché lo SPRITZ si dice spritz?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.