Le 5 cose dove il VENETO è arrivato PRIMA degli altri

5 curiosità legate al Veneto, che raccontano come, in maniera insospettabile, 5 cose sono avvenute per prime nel corso della storia


5 curiosità legate al Veneto, che raccontano come, in maniera insospettabile, 5 cose sono avvenute per prime nel corso della storia.

Le 5 cose dove il VENETO è arrivato PRIMA degli altri

Il Veneto è una regione dalla storia molto antica, che si sviluppa nel corso dei secoli come incrocio tra popoli, lingue, culture, guerre e scambi commerciali. Il territorio veneto, come tutto il Nord Est, contiene un patrimonio artistico molto variegato, frutto delle dominazioni che si sono susseguite nei secoli. Ecco una carrellata con 5 curiosità dove il Veneto è “arrivato” prima degli altri.


#1 Il manuale di matematica più antico del mondo

L’Arte dell’Abaco (‘Larte de labbacho’), conosciuto anche come l’Aritmetica di Treviso, è il primo libro di matematica e una delle prime opere scientifiche in assoluto. Il testo è un pratico manuale di matematica, nato per i mercanti veneti. Contiene i principi dell’algebra e venne redatto a Treviso nel 1478, città nella quale è attualmente custodito. E’ scritto in volgare veneto da autore ignoto.

Credits: @Maryland Science Center (FB)

#2 Il popolo veneto è più antico dei Romani

Sembra incredibile, ma non lo è. La civiltà veneta è molto più antica del popolo romano. Si trova infatti traccia del popolo dei (V)eneti, nella letteratura greca classica: Omero narra nell’Iliade che un gruppo di (V)Eneti, combatterono accanto ai Troiani in occasione della terribile guerra di Troia, nel XIII secolo a.C. circa. (II, 851-852). Roma all’epoca ancora non esisteva.

Credits: @venetostoria.com

#3 La storia di Roma è opera di un padovano

La storia di Roma, dalla sua fondazione fino alla morte di Druso, figliastro di Augusto, avvenuta nel 9 a.C., è opera di Tito Livio, padovano.



No photo description available.
Credits: @MarzioRomiti(FB)

Titus Livius, questo il suo nome latino, è nato a Padova (Patavium) nel 59 a.C. La stessa città che l’ha accolto dopo la sua morte nel 17 d.C. E’ sua l’opera Ab Urbe condita, che racconta la storia della fondazione della Città Eterna.

#4 La prima donna laureata al mondo è veneziana

Elena Lucrezia Corner Piscopia, nata a Venezia il 5 giugno 1646, fu la prima donna al mondo che riuscì a laurearsi, sfidando la legge del tempo che vietava alle donne di frequentare l’Università.

Credits: @venetoinside(FB) – Elena Lucrezia Corner Piscopia: la prima donna laureata del mondo

Elena Lucrezia fu l’anticonformista per eccellenza e si laureò presso l’Università di Padova, dove tutt’oggi sono presenti statue e targhe in suo onore.

#5 La costituzione americana “parla” veneto

Nel 1784, la Serenissima Repubblica di Venezia fu il primo stato al mondo a riconoscere l’indipendenza degli Stati Uniti d’America dall’impero Britannico.

Due anni dopo, Venezia accolse una delegazione composta da Thomas Moore, Benjamin Franklin e Thomas Jefferson.

Credits: @raixevenete.com(FB)

Questi rimasero a Venezia poco meno di un anno, con lo scopo di copiare le leggi della Serenissima e, con i dovuti adattamenti, inserirle nella loro Costituzione. La stessa Costituzione che è ancora oggi in vigore negli Stati Uniti d’America.

Continua la lettura con: 7 PAROLE VENEZIANE che sono diventate ITALIANE

LUCIO BARDELLE

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: WeVoz, nuovo social network di sola voce: speriamo non faccia la fine di Clubhouse

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità