BIENNALE di Architettura 2021: Venezia riparte al CENTRO del MONDO

La Biennale di Architettura, slittata di un anno a causa della pandemia sta per ridare vita a Venezia. Vi presento tutte le anticipazioni


La Biennale di Architettura, slittata di un anno a causa della pandemia sta per ridare vita a Venezia. Un riassunto di tutte le anticipazioni.

BIENNALE di Architettura 2021: Venezia riparte al CENTRO del MONDO

Nel mese di marzo del 2020, Venezia è certo stata uno dei simboli del lockdown nazionale, oserei dire europeo. La pandemia, che ha bloccato l’Italia intera, ha permesso a pochi fortunati di poter godere di una città deserta, come mai si era potuta vedere prima.


Venezia. 2020 © Piepaolo Mittica
Credits: @Pierpaolo Mittica – Venezia. 2020

Venezia senza vita è un’immagine strana, molto singolare, rara. Ho potuto vedere con i miei occhi questa fotografia e, garantisco, sarà difficile cancellarla dalla mia mente.

Venezia è rimasta “chiusa” ai turisti per un lungo periodo. La malinconia che si respirava nei mesi scorsi in giro per la città, con le calli frequentate sostanzialmente solo da chi ci vive e da chi ci lavora, è cosa che finirà sui libri di storia. Molti negozi e attività commerciali sono stati chiusi a lungo e alcuni di essi, ahimè, non riapriranno più.

# Ritorno alla normalità

Ma è passato più di un anno dal lockdown 2020, e da qualche settimana, la voglia di ritorno alla normalità ha rapidamente contagiato anche Venezia, una delle città più amate dai turisti di tutto il mondo.



Città d’arte per eccellenza, Venezia non vuole perdere tempo e ha cominciato ad annunciare la riapertura dei suoi musei e a confermare tutti gli impegni presi, e solo rimandati, con i suoi ammiratori.

# Biennale di Architettura: Come torneremo a vivere insieme?

Vivaticket: biglietti online, prevendita concerti, biglietti spettacoli

Tra questi, non può mancare di certo uno degli appuntamenti più importanti di tutto l’anno: sarà aperta al pubblico per 6 mesi, da sabato 22 maggio a domenica 21 novembre 2021, ai Giardini, all’Arsenale e a Forte Marghera, la 17. Mostra Internazionale di Architettura. E proprio dalla pandemia parte il titolo della Mostra: How will we live together?, a cura di Hashim Sarkis e organizzata dalla Biennale di Venezia.

# La mostra: i partecipanti

Biennale Venezia 2021: biglietti e date ai tempi del Covid | Living Corriere
Credits: @labiennale.org

La Mostra Internazionale comprende opere di 112 Partecipanti provenienti da 46 Paesi con una maggiore rappresentanza da Africa, America Latina e Asia e con un’ampia rappresentanza femminile. La Mostra è organizzata in cinque aree tematiche, chiamate “scale”: tre allestite all’Arsenale e due al Padiglione CentraleAmong Diverse BeingsAs New HouseholdsAs Emerging CommunitiesAcross Borders e As One Planet.

Credits: @labiennale.org

Questa edizione comprende anche una serie di partecipazioni fuori concorso:

  • Stations + Co-Habitats: ricerche sulle cinque tematiche e relativi casi di studio sviluppati da ricercatori provenienti dalle università di tutto il mondo
  • la partecipazione speciale dell’artista israeliana Michal Rovner al Padiglione Centrale
  • La mostra nella Mostra di Studio Other Spaces (rappresentato da Olafur Eliasson Sebastian Behmann) che presenta Future  Assembly con i contributi di tutti i Partecipanti
  • Un’istallazione esterna ai Giardini, How will we play sport together?, dedicata al tema dello sport
  • Un evento speciale della Vuslat Foundation, che propone una installazione di Giuseppe Penone in Arsenale.
Biennale Architettura: Future Assembly di Studio Other Spaces
Credits: @labiennale.org – Future Assembly di Studio Other Spaces

Parte della Mostra è anche How will we play together?, contributo di 5 architetti internazionali partecipanti, autori di un progetto dedicato al gioco allestito a Forte Marghera (a Mestre) e aperto alla cittadinanza.

# La Mostra: le partecipazioni nazionali

61 Partecipazioni Nazionali animeranno invece gli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, con 3 Paesi presenti per la prima volta alla Biennale Architettura: Grenada, Iraq e Repubblica dell’Uzbekistan​.

Credits: @labiennale.org

Il Padiglione Italia troverà dimora alle Tese delle Vergini in Arsenale. Sostenuto e promosso dal Ministero della Cultura, Direzione Generale Creatività Contemporanea, è a cura di Alessandro Melis.

La pre-apertura della Mostra avrà luogo nei giorni 20 e 21 maggio. La cerimonia di inaugurazione si svolgerà invece sabato 22 maggio 2021.

# Collaborazione con la Biennale di danza

L’edizione 2021 della Mostra di Architettura incrocerà il 15. Festival Internazionale di Danza Contemporanea (dal 23 luglio all’1 agosto).

Saranno ospitati all’Arsenale, nella sezione della Mostra intitolata Among Diverse Beings, le installazioni e i danzatori-coreografi della Biennale College. Sotto la guida del Direttore Artistico della Biennale Danza, Wayne McGregor, essi daranno vita a frammenti coreografici, “istantanee” o “schizzi” sollecitati da segni, materiali e temi della Mostra di Architettura.

# Eventi collaterali

Infine, sono ben 17 gli Eventi Collaterali ammessi dal Curatore della Mostra e promossi da enti e istituzioni nazionali e internazionali senza fini di lucro. Organizzati anch’essi in diverse sedi della città di Venezia, ampliano l’offerta di contributi e partecipazioni che arricchiscono il pluralismo di voci che caratterizza la Mostra.

# How will we play together? – L’intervento di Hashim Sarkis

Hashim Sarkis - Wikipedia

Hashim Sarkis, il Curatore della Mostra di origini libanesi, interviene così:

“L’attuale pandemia globale ha senza dubbio reso la domanda posta da questa Biennale ancora più rilevante e appropriata, seppure in qualche modo ironica, visto l’isolamento imposto. Può senz’altro essere una coincidenza che il tema sia stato proposto pochi mesi prima della pandemia. Tuttavia, sono proprio le ragioni che inizialmente ci hanno portato a porre questa domanda – l’intensificarsi della crisi climatica, i massicci spostamenti di popolazione, le instabilità politiche in tutto il mondo e le crescenti disuguaglianze razziali, sociali ed economiche, tra le altre – a condurci verso questa pandemia e a diventare ancora più rilevanti.
Non possiamo più aspettare che siano i politici a proporre un percorso verso un futuro migliore. Mentre la politica continua a dividere e isolare, attraverso l’architettura possiamo offrire modi alternativi di vivere insieme. La Biennale Architettura 2021 è motivata dai nuovi problemi che il mondo sta ponendo all’architettura, ma è anche ispirata dall’attivismo emergente di giovani architetti e dalle radicali revisioni proposte dalla professione dell’architettura per affrontare queste sfide.”

Credits: labiennale.org

Continua la lettura con: I 3 PONTI di CALATRAVA: una MERAVIGLIA dell’architettura in un luogo inaspettato

LUCIO BARDELLE

Leggi anche: Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteLa CASA CHE VOLA: l’ultima rivoluzione. Arriverà anche in Italia?
Articolo successivoLa piccola ROMA d’AFRICA
Lucio Bardelle
Nasco a Dolo (VE) nel 1979. Padre padovano, mamma vicentina, cresco nella terraferma veneziana. Studio Economia a Venezia, poi viaggio, per lavoro e per piacere. Vivo 7 anni in Lombardia, poi torno a Venezia. Sono appassionato di musica rock, suono la chitarra e il basso. Spesso corro. Scrivo per una associazione locale a sostegno del cittadino (Oltre il muro), creata da Pietro, uno dei miei migliori amici, infortunatosi 15 anni fa durante una partita di calcio.