I 3 PONTI di CALATRAVA: una MERAVIGLIA dell’architettura in un luogo inaspettato

3 ponti che si sono trasformati in un'attrazione per gli appassionati di architettura di tutto il mondo

Credits: @turismoreggioemilia 3 ponti di Calatrava

All’interno di una città che rappresenta una traccia straordinaria della contemporaneità nel contesto urbanistico e sociale dell’Emilia Romagna, l’archistar Santiago Calatrava ha lasciato il segno.

I 3 PONTI di CALATRAVA: una MERAVIGLIA dell’architettura in un luogo inaspettato

# Dalle porte medievali alle infrastrutture contemporanee

Credits: @cm29.29
Ponti Calatrava

Nel 2002 la città di Reggio Emilia mette in atto un progetto di riqualificazione dell’area nord del Comune, in occasione del passaggio della linea ferroviaria ad alta velocità che da Milano, prima di giungere a Bologna, si ferma a Reggio Emilia. Ed è grazie a questo progetto che compaiono i 3 ponti dell’Archistar Calatrava, diventati ora le nuove porte della città. Ponti che, in un certo senso, vanno a sostituire le nove entrate del Medioevo, presenti lungo la cinta muraria. Se prima erano queste che, oltre alla funzione difensiva, accoglievano coloro che volevano entrare a Reggio Emilia, ora ci sono i 3 ponti e la stazione Av Mediopadana a svolgere questa funzione.


# Un’infrastruttura diventa attrazione turistica

Credits: @cristian181084
Ponte Calatrava

“I nuovi ponti consolidano il legame fra Reggio e la cultura internazionale e, nel contempo, sono luogo di incontro, di ricucitura fra la città e il suo territorio, fra ambiti sociali diversi: potranno essere ‘vissuti’ ogni giorno dai cittadini come luogo di comunicazione simbolico e della concreta realtà quotidiana”, spiega il sindaco di Reggio Emilia. I ponti fanno parte, in realtà, di un progetto più ampio dal nome “Le Vele” che va a comprendere anche la linea ferroviaria ad alta velocità e la copertura ad onda del casello dell’autostrada A1.

I 3 ponti di Calatrava sono un elogio alla contemporaneità e si inseriscono in una città che abbraccia volentieri le nuove architetture, basta guardare la sua stazione. Il bello è che sono diventate vere attrazioni turistiche. Effettivamente i ponti sono attraversati, probabilmente, da 100 mila persone al giorno e l’architetto, alla funzionalità, ha voluto aggiungere la bellezza. Inoltre, Calatrava afferma che ha voluto stabilire un legame con il territorio creando un occhio nella spalla del ponte, non necessario all’infrastruttura, ma per ricordare il rosone del Duomo di Reggio Emilia.

Continua la lettura con: Tra le più belle d’Europa c’è anche una STAZIONE ITALIANA. Ma non è quella che pensate

BEATRICE BARAZZETTI



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.