Il RIFUGIO nella ROCCIA che incanta il mondo: è in ITALIA

Tra le più impressionanti costruzioni nella roccia svetta il rifugio dentro il Monte Cristallo


Negli ultimi anni, con l’innalzamento delle temperature e il disgelo, sono emersi relitti della Grande Guerra sui monti in cui si combatterono le battaglie tra gli italiani e gli austriaci. Relitti come il rifugio sul Monte Cristallo, nel Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo.

Il RIFUGIO nella ROCCIA che incanta il mondo: è in ITALIA

Rifugio Monte Cristallo
Rifugio Monte Cristallo

Incastonato in una parete rocciosa del Monte Cristallo, ad un’altezza di oltre 2700 metri, si trova un rifugio costruito durante la Prima Guerra mondiale.


Irraggiungibile per i non esperti,  il rifugio venne probabilmente costruito per ripararsi dal gelo e dai nemici

Con un tetto spiovente e porte e finestre che danno quasi direttamente sul vuoto, è difficile riuscire a immaginare che poco più di cento anni fa degli uomini si recavano qui a riposare e rifocillarsi, tra una battaglia e l’altra. 

In giro per il mondo si possono trovare numerosi edifici e strutture uniche e insolite: tra questi sicuramente il Monastero di Sumela.



# Il MONASTERO di Sumela, TURCHIA

Credits: @fatihmorguel IG

Con una Storia millenaria, si tratta di un monastero greco-ortodosso costruito nella roccia in Turchia, ad un’altezza di 1200 metri. Il sito è formato da una Chiesa nella roccia, delle sale di studio, per un totale di oltre 760 stanze, un ostello, una biblioteca e una fonte miracolosa venerata.

# Il SANTUARIO di San Besso, Valle d’Aosta

Credits: https://pin.it/6FWEZkR

In Valle d’Aosta, a Cogne, si trova un santuario che poggia su una roccia monolitica, il Monte Fautenio, alta circa 60 metri e sospesa a quota 2000 metri. Oltre che come santuario funge anche da rifugio per gli appassionati di trekking che desiderano affrontare il cammino fino a questo magnifico e suggestivo luogo.

# Il COMPLESSO RESIDENZIALE Espaces d’Abraxas

Tornando con i piedi per terra, invece, in un sobborgo di Parigi, Noisy-le-Grand, tra il 1978 e il 1983, l’architetto catalano Ricardo Bofill realizzò un complesso residenziale molto particolare. Tre edifici di cui uno semicircolare, costruiti in una grande piazza che richiama molto l’architettura tipica dell’Antica Grecia. Il progetto voleva creare un ambiente in cui sia la classe media sia il ceto popolare potessero trovare una residenza, creando una combinazione tra i due mondi.

Credits: https://flightsim.to/file/15651/noisy-le-grand-espaces-d-abraxas-and-other-landmarks

# Il COMPLESSO RESIDENZIALE Lamela, Bosnia Erzegovina

Un altro complesso residenziale degno di nota per la sua particolarità e unicità si trova a Zenica, in Bosnia Erzegovina. Con i suoi 27 piani lo stile architettonico rispecchia perfettamente il contesto storico-politico degli anni in cui venne costruito: infatti l’edificio si presenta come la tipica struttura dei paesi comunisti, capace di ospitare numerose famiglie nei suoi 232 appartamenti.

 

Credits: @bravnicar IG

Continua a leggere con: Archistar, ultima frontiera: il GRATTACIELO CAPOVOLTO

ALICE COLAPIETRA

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.