Non è ancora partita che già si allunga: ALTRE 4 FERMATE per la M4?

La quinta linea milanese aprirà per intero solo nel 2023, ma già si pensa alle future estensioni. Vediamo fino a dove potrebbe spingersi

Credits: metro4milamno.it - Stazione San Cristoforo Fs M4 e passerelle ciclopedonale

Si attende l’inaugurazione della prima tratta della linea blu ad Aprile di quest’anno, con l’apertura integrale nel 2023, ma già si pensa alle future estensioni. Vediamo dove potrebbe spingersi la quinta linea milanese.

Non è ancora partita che già si allunga: ALTRE 4 FERMATE per la M4?

# Continua la progettazione di nuove fermate sulla linea M4

Credits: metro4milamno.it – Stazione San Cristoforo Fs M4 e passerelle ciclopedonale

I capolinea previsti per la nuova linea metropolitana, la blu, sono rispettivamente Linate a est con possibile prolungamento di due fermate fino a Segrate e San Cristoforo Fs a ovest. Di quest’ultimo sono tornati a discutere gli amministratori locali insieme all’assessore del comune di Milano, Marco Granelli, i tecnici di regione Lombardia, Città Metropolitana e Metropolitana Milanese. Il commento del Sindaco di Buccinasco Pruiti: “Il prolungamento della M4 nel Sud ovest milanese è una scelta strategica per lo sviluppo della mobilità sostenibile, oggi divenuto sempre più urgente e indispensabile. Con molta soddisfazione, riprendiamo con tutti gli enti il percorso per realizzare le fermate della metropolitana sul nostro territorio: noi sindaci siamo orientati verso le ipotesi che consentiranno di raggiungere Trezzano sul Naviglio, con la prima fermata nei pressi di Buccinasco”.


Leggi anche: M4: approvato l’hub al capolinea ovest. Quando verrà realizzato?

# Le 6 ipotesi al vaglio nello studio di fattibilità

Credits: giornaledeinavigli.it – Diverse ipotesi di prolungamento M4 a ovest

Lo studio di fattibilità realizzata da Metropolitana Milanese contiene sei diverse ipotesi di prolungamento a ovest della linea M4 tra cui gli enti coinvolti dovranno decidere. La prima ipotesi, quella più conservativa, prevede una stazione da realizzare in superficie dove è presente il deposito dei treni a Ronchetto sul Naviglio, nei pressi dei confini comunali di Buccinasco e Corsico. La seconda prevede due fermate a Buccinasco, le altre quattro farebbero estendere la linea fino a Trezzano sul Naviglio. La scelta dei sindaci è ricaduta su una delle ultime quattro opzioni, con una prima fermata proprio all’interno del Comune di Buccinasco e altre tre stazioni successive con capolinea a Trezzano sul Naviglio.

Il passo successivo sarà quello di finanziare il “progetto di fattibilità tecnico ed economica, essenziale per accedere ad eventuali bandi pubblici e ministeriali per la realizzazione dell’opera”, con spese ripartite tra i diversi enti. Conclude il Sindaco di Buccinasco Pruiti: “Fondamentale il ruolo di regione Lombardia e del ministero dei trasporti e delle infrastrutture per finanziare le opere, anche utilizzando i fondi europei del Recovery Fund, in modo da non vanificare gli sforzi dei comuni”.



Continua la lettura con: 🛑 La M5 va oltre SAN SIRO: pronto lo STUDIO di FATTIBILITÀ per l’estensione di 11 chilometri 

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.