🛑 M3 fino a PAULLO: forse è la volta buona

"Il prolungamento della M3 fino a Paullo si finanzi con il Recovery Fund"

Credits: sottomilano.it - M3 fino a Paullo

Dopo la lettera inviata a fine marzo a Governo, Regione e istituzioni locali dagli esponenti politici del cremasco, ora si muovono i sindaci della città metropolitana per realizzare un prolungamento atteso da 30 anni. Ecco gli aggiornamenti delle ultime ore.

M3 fino a PAULLO: forse è la volta buona

# I sindaci chiedono a MM di progettare il prolungamento della M3 fino a Paullo

Credits: milanoblu.com

Sabato 24 aprile i sindaci della città Metropolitana di Milano hanno organizzato un incontro con esponenti politici sia dei partiti di maggioranza al governo sia di quelli all’opposizione. La richiesta espressa dai primi cittadini è stata di dare mandato a Metropolitana Milanese Spa di realizzare il progetto del prolungamento della linea M3 almeno fino a Paullo con ipotesi di estensione del servizio di trasporto pubblico fino a Crema. Le parole della vice sindaca metropolitana Arianna Censi: “Questa decisione era attesa da tempo e, come i sindaci hanno sottolineato, avrà sicuramente ricadute positive per i comuni, per l’ambiente e per la vita delle nostre concittadine e dei nostri concittadini che da sempre premiano scelte amministrative orientate alla sostenibilità e al green: verso l’ambiente ci orienta l’Europa con il Recovery fund, verso l’ambiente si muovono gli Amministratori locali“.


Fonte: Milano Today

# A fine marzo la lettera, firmata dagli esponenti politici del cremasco, rivolta alle istituzioni: “Il prolungamento della M3 fino a Paullo si finanzi con il Recovery Fund

Credits: wikipedia.org –

L’assessore al bilancio di Crema Cinzia Fontana commenta la lettera firmata da tutti gli esponenti dei partiti cremaschi, in cui viene chiesto di finanziare il prolungamento della M3 fino a Paullo, indirizzata al premier Mario Draghi, ai ministri Daniele Franco ed Enrico Giovannini, al presidente della Lombardia Attilio Fontana e al sindaco di Milano Beppe Sala: “Mosse dall’interesse comune di sostenere azioni positive che portino beneficio al nostro territorio le forze politiche dell’area cremasca hanno condiviso un appello unitario a Governo, Regione e istituzioni locali affinché il progetto di prolungamento della MM3 San Donato-Paullo sia inserito tra gli interventi infrastrutturali prioritari e strategici nel Piano Nazionale Ripresa e Resilienza finanziato col Recovery fund“.

# L’ultimo progetto realizzato da MM, con capolinea a Paullo Est, prevedeva 8 fermate per una lunghezza di circa 14 km

Progetto MM Prolungamento M3 Paullo

L’ultimo progetto nella versione più estesa redatto da Metropolitana Milanese tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni ‘2000, insieme ad altri successivi, sono stati tutti bocciati dalla Corte dei conti per mancanza della sufficiente copertura finanziaria e un rapporto costi/benefici non ottimale. L’estensione della M3, come da immagine in alto, avrebbe previsto 8 nuove fermate per una lunghezza di circa 14 km con metà del tracciato in sotterranea fino a Peschiera e il resto quasi completamente in superficie o trincea fino a Paullo Est.



Continua la lettura con: “Vogliamo il METRÒ fino a PAULLO”

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteCorso Buenos Aires sarà il BOULEVARD MILANESE
Articolo successivoIl TRENO INVISIBILE: un’idea da portare da noi?
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.